all
Menu

Martedì 22 agosto la presentazione ufficiale del Catanzaro Calcio

us catanzaro presentazione squadra poster 6x3 d 01 e1502915627140CATANZARO - Settimana di annunci, quella attuale, per il Catanzaro Calcio che si appresta al debutto stagionale. A pochi giorni dal primo appuntamento ufficiale della squadra del tecnico Alessandro Erra (domenica sera sfida alla Reggina per la Coppa Italia di Serie C) la società del presidente Floriano Noto ha diffuso attraverso il sito web delle “Aquile” un comunicato con cui annuncia ai tifosi che martedì 22 agosto, a partire dalle ore 19.30, si terrà all’esterno del Parco Commerciale “Le Fontane” la presentazione ufficiale della squadra e dell'intero staff tecnico. Nell’occasione, inoltre, ci sarà spazio anche per il cabaret di Piero Procopio ed Enzo Colacino e per la musica, con il concerto della “Vasco Rossi Show Tribute Band”, noto complesso musicale calabrese che “emula” il più famoso rocker italiano. C'è da scommetterci che i tifosi che presenzieranno all'evento saranno numerosi, se lo augura anche Noto: “Sarà bello – ha commentato il presidente – far subito sentire il calore della nostra impareggiabile tifoseria ai calciatori, in particolare ai nuovi arrivati. E, nello stesso tempo, vogliamo regalare agli appassionati giallorossi un momento di svago grazie alle performance sia di Enzo Colacino e di Piero Procopio, sia della Tribute band di Vasco Rossi. Sarà un abbraccio reciproco tra squadra e tifosi che speriamo possa essere di buon auspicio per il torneo ormai alle porte”. Tornando alle faccende di campo, dopo la chiusura dell’affare Puntoriere, attaccante reggino che assieme a Infantino comporrà un'ottima tandem d’attacco, Sarao sembra ormai destinato a lasciare il Catanzaro; non sono però escluse sorprese, anche in entrata inoltre Doronzo potrebbe chiudere altre operazioni. Nel frattempo è stato ufficializzato, poche ore fa, il raggiungimento dell’accordo con la Caffè Guglielmo SpA che, da questa stagione, torna ad essere lo sponsor ufficiale del Catanzaro. Un connubio storico, dunque, che viene riportato alla luce e che ha reso felici tutti, dalla famosissima azienda catanzarese alla società calcistica del capoluogo, e la speranza dei tifosi è che ciò porti fortuna, un po' come accadde nelle stagioni passate quando i giallorossi, con quella scritta sul petto, raggiunsero risultati sportivi memorabili. Prosegue infine , positivamente, la campagna abbonamenti; al momento sono state vendute quasi 900 tessere.

Francesco Gioffrè

Satriano, ricorda Suor Maria Fristachi

IMG 20170817 WA0011Satriano - Si celebrera' sabato la manifestazione dal titolo " Suor Maria Fristachi un dono d' amore", in onore della suora tanto amata dai satrianesi. Alle ore 18.00 ci sara' la celebrazione della Santa Messa all' interno della cappella del Centro Giovanile; si proseguira' con la posa della targa, la mostra dei lavori del ricamo e delle foto ricordo del periodo in cui essa insegnava l' arte del ricamo, e in chiusura un piccolo buffet.

Montauro, annullato il concerto di Anna Tatangelo

montauroMONTAURO - Rispettare le nuove norme è molto costoso e impegnativo. Per cui c’è un’altra “vittima” eccellente conseguente al cosiddetto “Decreto Minniti”. Secondo quanto si è appreso, a Montauro è stato annullato il concerto di Anna Tatangelo, previsto per sera del 19 agosto, in piazza Nicholas Green. L’esibizione della brava artista di Sora era stata resa possibile grazie ad un contributo regionale. Dopo i tragici fatti di Torino, sono scattati i provvedimenti da adottare con nuove norme e procedure di restrizione per la sicurezza in occasione di eventi in aree pubbliche e a libero accesso. La palla è passata ai comuni, che devono organizzare i loro eventi estivi in base alle nuove regole. Il decreto Minniti impone norme molto rigide per tutti gli eventi per i quali è atteso un numero di partecipanti superiore a 200. Naturalmente al primo posto viene la sicurezza e l’incolumità pubblica. Il Comune di Montauro è retto da un commissario prefettizio, dopo che all’ultima tornata elettorale di giugno scorso, quando l’unica lista in campo non è riuscita a raggiungere il quorum della metà più uno degli elettori.

Carmela Commodaro

Gizzeria, rivenuto fusto sospetto sulla spiaggia

Gizzeria - Sulla spiaggia in contrada Marinella è stato rinvenuto un fusto sospetto. Sul posto inizialmente i Vigili Urbani che allertavano il Comando Provinciale Vvf di Catanzaro. La zona interessata è stata prontamente fusto sospetto gizzeriadelimitata con nastro segnaletico per garantire sicurezza durante le operazioni. Il nucleo NBCR dei vigili del fuoco, giunto dalla sede centrale di Catanzaro, ha effettuato una verifica di tipo tecnico-strumentale. Dai rilievi effettuati non risulta alcuna traccia di elementi radioattivi ne di sostanze chimiche tossiche o nocive per la popolazione e l'ambiente. Il fusto, recuperato dai vigili del fuoco è stato consegnato a ditta specializzata per le operazioni di smaltimento... Numerosi i bagnanti incuriositi che si trovavano nelle vicinanze ma nessun problema di ordine pubblico.

Grande successo di "Noi Che"

noi che 2017E anche quest’anno la festa più attesa dell’estate Calabrese non ha tradito aspettative e proclami. “Noi Che” è stato un successo. L’ennesimo. Dimostrando ancora una volta di essere non la classica festa a tema, ma un evento travolgente e ben riuscito. Il 16 agosto scorso al Mama’s Beach Club di Soverato si è ripetuto il rito collettivo più coinvolgente dell’estate: migliaia di uomini e donne si sono incontrati, sotto uno splendido cielo stellato, illuminato da colorati fuochi d'artificio, a due passi dal mar Jonio, ballando al ritmo dei successi più belli degli anni ottanta. Ottima la performance di Enzo Persuader, storico Deejay italiano, che è riuscito a trasportare il popolo di “Noi Che” indietro nel tempo grazie ad una selezione musicale azzeccata e in alcuni casi originale. Passando dai successi più ballati degli anni ottanta ad uno degli storici inni del Catanzaro calcio: Dirin, din din, Dirin, din dan. Per chi ha vissuto l’epopea del grande Catanzaro, quello non era solo un ritornello ma un vero e proprio “mantra”. L’ennesima “perla” di una festa che riesce sempre a stupire e a non essere mai banale. Curata in ogni aspetto e ben organizzata, quest’anno “Noi Che” è riuscita a calamitare l’attenzione anche degli uffici marketing di multinazionali storiche come Timberland e Jeep. A conferma, qualora ce ne fosse bisogno, che dopo nove anni di successi “Noi Che” si sta ritagliando uno spazio importante tra le feste a tema dell’estate italiana. E le migliaia di persone che hanno voluto partecipare a questa nuova edizione di “Noi Che” sono la conferma che la formula e gli ingredienti sono giusti e ben miscelati. Tra le novità di quest’anno, inoltre, una esposizione di macchine d’epoca proprio all’ingresso del Mama’s Beach Club, una specie di “messaggio subliminale”: varcata questa soglia si torna indietro nel tempo. E così è stato. Messa da parte la nostalgia degli over 33, ossia di coloro che negli anni ottanta erano poco più che adolescenti, si è tornati, almeno per una notte, a rivivere ed assaporare il periodo più bello del secolo scorso. Il tempo della spensieratezza, della semplicità, della giovinezza in cui tutto aveva un aspetto piacevole, patinato e quasi magico. Un periodo che ha fatto tendenza, che ha creato un vero e proprio “status vivendi”. Solo chi ha vissuto in quegli anni può capire la differenza con quelli di “adesso”. Gli anni della "Disco Music", quel genere musicale suonato da band numerose e di successo come gli Earth Wind & Fire, gli Chic, Kool & The Gang e tanti altri. Anni che vanno ricordati e commemorati, “patrimonio musicale e immateriale dell’umanità”. Il popolo di “Noi Che” questo lo ha capito, testimoni di un passato da preservare e celebrare. La serata animata dal Dj Set magistralmente composto da Freddy, Mirko e Arienzo, accompagnati dalla calda voce di Andrea Tassoni si è, infine, conclusa allo spuntare dell’alba del nuovo giorno. Spente le luci della nona edizione della festa anni ottanta per antonomasia, ci si è lasciati con la promessa che quella del decennale sarà ancora più straordinaria.

Guardia costiera di Soverato, due sequestri per mancata copertura assicurativa

guardia costieraAnche nella mattina odierna, è continuata l’attività di controllo dei militari della Guardia Costiera di Soverato, coordinati dal Comandante, Tenente di Vascello (CP) Claudia Palusci, in sinergia con gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Roccella Jonica, al comando del Tenente di Vascello (CP) Sub. Pietro Alfano e della motovedetta CP 760, del medesimo Ufficio marittimo.
In particolare, sono state espletate numerose ispezioni volte a garantire la tutela delle risorse ittiche, mediante appositi accertamenti mirati a verificare la regolarità degli attrezzi da pesca impiegati da pescatori sportivi e professionali, sull’intera fascia di giurisdizione del Circondario Marittimo di Soverato.
Nello specifico, i militari della Guardia Costiera di Soverato intervenuti con una pattuglia terrestre, con l’ausilio della Motovedetta CP 769, dislocata presso il dipendente Ufficio Locale Marittimo di Catanzaro Marina e della Motovedetta CP 760 della Guardia Costiera di Roccella Jonica, entrambe in servizio di pattugliamento marittimo, hanno sottoposto a controllo due unità da diporto nelle acque prospicienti il comune di Santa Caterina dello Ionio. Il personale militare operante ha proceduto al sequestro amministrativo di entrambi i motori marini fuoribordo, installati sui natanti suddetti, per l’accertata mancanza della copertura assicurativa, elevando altresì una sanzione amministrativa di € 848,00 a carico di ciascun proprietario/conduttore.
Successivamente, durante il pattugliamento congiunto delle Motovedette in parola, veniva sottoposto a controllo un motopesca a bordo del quale si riscontrava l’imbarco irregolare di n. 1 marittimo, non regolarmente trascritto sul ruolino d’equipaggio. Veniva effettuata la relativa contestazione al comandante dell’unità da pesca e si elevava n. 1 verbale amministrativo dell’importo di € 308,00.
La Motovedetta CP 760, dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Roccella Jonica, nelle acque antistanti il comune di Monasterace, intercettava un natante da diporto a bordo del quale si trovava n. 1 rete da posta “tipo derivante” di circa 60 mt. di lunghezza. Pertanto, il personale militare procedeva ad elevare un verbale amministrativo dell’importo di € 1000,00 per detenzione di attrezzo da pesca non consentito e contestualmente effettuava il sequestro amministrativo del medesimo.

Amaroni, convegno di "Forza Italia" su giovani e politica

Forza Italia Giovani logoAMARONI - “I giovani e la politica: un binomio vincente” è il tema di un incontro, organizzato da Forza Italia Giovani (FIG) e, che si terrà domani, venerdì 18 agosto, alle ore 18, nella sala consiliare del municipio di Amaroni. Moderato da Carmelo Chillà, coordinatore FIG di Amaroni, l’interessante convegno vedrà la presenza di tre consiglieri regionali, Wanda Ferro, Mario Magno e Domenico Tallini, e gli interventi di Luigi De Rose, coordinatore FIG Calabria, Andrea Maellare, vicedelegato nazionale FIG, e Marco Arcidiacono, coordinatore provinciale FIG Catanzaro.

Carmela Commodaro

Billy Fall campione in campo e fuori, il cestista senegalese del Soverato salva ragazzo che stava per annegare

billy fallCATANZARO - Avventura extra-sportiva per Billy Fall, ragazzo senegalese che durante i mesi invernali è protagonista sui parquet dei palazzetto calabresi, da formidabile giocatore di pallacanestro qual’è, e che durante l'estate presta servizio come bagnino. Billy, conosciutissimo in particolare nella nostra Soverato per aver giocato con la squadra di basket della città anche nella stagione conclusasi pochi mesi orsono con la vittoria del campionato di Serie D è successiva promozione in Serie C Silver, è stato protagonista di una storia stupenda chiusasi con il lieto fine. Perché ieri mattina a Giovino, Catanzaro Lido, un ragazzino che aveva raggiunto il largo a mare a bordo di una tavoletta da surf si è trovato, improvvisamente, nei guai avendo difficoltà nel tornare a riva; Billy, in “versione-bagnino”, ha assistito alla scena e, senza pensarci due volte, si è lanciato all'inseguimento con la canoa ed è riuscito, alla fine, a riportare in salvo il giovanissimo ragazzo. La notizia ha fatto il giro di siti e social, ovviamente tutti hanno applaudito e apprezzato il gesto di Billy che, ancora una volta, ha dimostrato di essere semplicemente un ragazzo dal cuore d'oro e di amare il prossimo come se stesso, o forse di più. Soprattutto Billy ha nuovamente messo in mostra il suo coraggio, vincendo l’ennesima sfida che gli si è posta davanti. Anche noi ci complimentiamo con lui, che ha ancora una volta dato prova di essere un campione, oltre che sportivo, di vita. Grande Billy, ti vogliamo bene!

Francesco Gioffrè

Modifiche al Regolamento del Gioco del Calcio, il Catanzaro incontra l'Associazione arbitri

incontro us aiaCATANZARO - L’Assemblea generale annuale dell’IFAB (International Football Association Board ), che si è svolta a Londra nello scorso mese di marzo, ha approvato un’ulteriore serie di emendamenti alle “Regole del Gioco del Calcio” per il 2017/18 che rappresentano la fase finale della più ampia revisione varata nella scorsa stagione.Queste modifiche sono costituite, per lo più, da chiarimenti necessari ad assicurare una sempre maggiore univocità interpretativa. Il Catanzaro Calcio, su richiesta specifica del presidente Floriano Noto, ha voluto che le novità fossero spiegate a squadra e tecnici direttamente dagli arbitri. Così i vertici catanzaresi dell'Aia (Associazione italiana arbitri), con in testa il presidente Francesco Falvo, hanno tenuto una lezione nel corso della quale sono stati illustrati i punti più importanti della Circolare n° 1 in cui sono contenute queste precisazioni. «Una sinergia istituzionale, quella tra Aia e Catanzaro Calcio – ha spiegato Falvo introducendo i lavori – che è stata accolta con grande favore dal presidente nazionale Marcello Nicchi, molto sensibile a questo tipo di attività che tendono a legare, attraverso un unico filo conduttore, tutti le componenti del gioco calcio. Tra l'altro, con soddisfazione, possiamo affermare che l'iniziativa voluta dal presidente Noto è stata la prima tenuta con una società di Serie C: il Catanzaro ha fatto da apripista, così come ha confermato anche il responsabile del Settore tecnico nazionale dell'Aia, Alfredo Trentalange, e sono certo che adesso tante altre squadre si attiveranno per organizzarne di simili».
A spiegare, nel dettaglio, le innovazioni è stato Valerio Caroleo, vice commissario nazionale Cai (Commissione arbitri interregionale), il quale ha ricordato come lo scorso anno «sono cambiate 17 regole su 17 e ora, la nuova circolare, semplifica alcuni aspetti rispetto a quelle modifiche, in particolare sul fuorigioco e i falli da ultimo uomo». « Il concetto di base – ha spiegato - è spettacolarizzare ancora di più il calcio. Quindi meno interventi dell'arbitro nel caso in cui il gioco è “genuino” mentre si puniscono di più i falli che ledono l'incolumità dell'avversario. Con questo documento si son volute chiarire regole abbastanza complesse: conoscerle può limitare i provvedimenti disciplinari e le proteste inutili, causa di ammonizioni o, addirittura, di espulsioni».
Molto partecipi i calciatori che hanno più volte chiesto la parola per avere alcune delucidazioni su alcune innovazioni regolamentari all'apparenza più contraddittorie. Con il presidente Falvo e il vice commissario Caroleo anche Lorenzo Costa, vice presidente vicario della sezione Aia di Catanzaro, Fabrizio Colosimo, referente per l' Associazione arbitri per i rapporti con il Catanzaro Calcio e Luciano Crispino, referente per il Catanzaro Calcio per i rapporti con l'Aia. A introdurre l'incontro è stato il presidente Floriano Noto che, alla fine della “lezione” nella quale sono state proiettate slide e filmati su casi pratici, si è detto molto soddisfatto «perché ritengo sia opportuno far dialogare la componente arbitri e quella di calciatori e tecnici: si trovano insieme sul terreno di gioco e tra le parti dovrebbe esserci la massima collaborazione. L'arbitro deve spiegare il perché di alcune sue decisioni e i calciatori devo essere capaci di comprenderle. Solo così il calcio può diventare ancora più credibile e uno spettacolo ancora più godibile. Ringrazio mister Erra, il direttore Doronzo e tutti i ragazzi – ha concluso - che hanno dimostrato grande disponibilità e sono stati parte attiva di questa lezione che non sarà certo l'ultima».

L' "Appenino Bike Tour" fa tappa ad Amaroni

appennino bike tour amaroniAMARONI - “AppenninoBikeTour”, il giro d'Italia che non ti aspetti, ha fatto tappa ad Amaroni. Il progetto è promosso dal Ministero dell’Ambiente, Confcommercio e Vivi Appennino, con il supporto della Federazione Ciclistica Italiana, Legambiente, Touring Club, Unione Nazionale delle Pro-loco Italiane, Multidistretto Lions Club International. Un viaggio in 42 tappe, dalla Liguria alla Sicilia, con staffetta istituzionale al fine di valorizzare l’Appennino attraverso tutte le sue eccellenze. Il giro è partito il 15 luglio da Altare (Savona), dove ha inizio la cresta dell’Appennino ligure e si chiuderà, dopo 42 giorni e 2611 chilometri, ad Alia (Palermo), toccando 14 regioni e 298 comuni. In risposta alle continue catastrofi ambientali che colpiscono l’Appennino i comuni hanno unito le forze affinché il territorio venga sempre più considerato e valorizzato, anche grazie a forme di turismo ecosostenibile. Ad ogni tappa del giro vengono promossi e valorizzati i luoghi dei territori incontrati e le sagre e le feste che accolgono l’iniziativa. Agli organizzatori si aggiungono associazioni, Pro loco, Gruppo Sportivi, ciclisti (professionisti e amatoriali), e in generale amanti del territorio con indosso la maglia della propria realtà legati da uno stesso obiettivo: il rilancio dell’Appennino. Il 15 agosto il giro ha fatto tappa ad Amaroni: ad accogliere i "pedalatori" gli amministratori di Amaroni e numerosi appassionati di bicicletta che in staffetta sono giunti in piazza dell'Emigrante. La staffetta dei ciclo-viaggiatori è partita da Taverna alle 8 ed è giunta ad Amaroni alle 12 circa. A fare gli onori di casa il sindaco Gino Ruggiero, in sella alla bici con fascia tricolore, unitamente al consigliere regionale e presidente della commissione antindrangheta, Arturo Bova, oltre ad Anna Giampà Maiolo, consigliere regionale Unpli Calabria. Tanti gli appassionati di bicicletta, grandi e piccoli, professionisti, amatori o semplici "pedalatori occasionali" che hanno risposto al richiamo dell'amministrazione e di Anna Giampà e si sono precipitati in sella alle loro bici per arricchire il gruppo dei bikers. Subito dopo l'arrivo nella 32.ma tappa, il rito della grande bandiera italiana sventolata dai ciclisti e dai rappresentanti istituzionali: un cerimoniale che viene ripetuto in tutti i comuni coinvolti nel giro e che sintetizza l'unità nazionale. E ad Amaroni non poteva mancare il miele, il prodotto d'eccellenza, che ben si coniuga con l'obiettivo del progetto: valorizzare le aree interne del territorio nazionale, i borghi e le bontà gastronomiche, le peculiarità dei luoghi e la tutela dell'ambiente. Ambiente, sport, energia, dunque. Una giornata indimenticabile e ricca di significato, che lascia un caro ricordo, di conoscenze e di esperienze, con il gruppo di ciclo-viaggiatori veramente eccezionale; persone fantastiche e affettuose che hanno espresso tutta la loro gratitudine per l'accoglienza ricevuta. Nella soddisfazione generale Amaroni è pronta ad ospitare di nuovo la tappa di “AppenninoBikeTour” il prossimo anno.

Carmela Commodaro

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa