all
Menu

Girifalco, M’illumino di Meno 2018

AdesioneGIRIFALCO – Torna anche quest’anno “M’illumino di Meno”, la festa del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili, promossa da Radio2 Caterpillar. Quest’anno l’appuntamento è fissato per venerdì 23 febbraio e sarà un’occasione per festeggiare il compleanno del Protocollo di Kyoto, il tentativo dell’umanità di salvare la Terra dalla distruzione indotta dai cambiamenti climatici. Come già accaduto negli ultimi due anni, anche per il 2018, il Comune di Girifalco aderisce all’iniziativa su input del presidente del Consiglio Comnunale, Elisabetta Ferraina. Con apposita delibera di giunta, l’amministrazione comunale partecipa alla giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico. M’illumino di Meno è, quest’anno, dedicata alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. La campagna 2018 invita, infatti, a spegnere le luci e andare a piedi: una marcia, una processione, una ciaspolata, una staffetta, una maratona o una mezza maratona, un ballo in piazza o un pezzo di strada dietro alla banda musicale del paese. I dettagli dell’iniziativa che si svolgerà a Girifalco venerdì 23 febbraio saranno, presto, resi noti. E’ importante sottolineare la rilevanza sociale della manifestazione il cui obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema di grande attualità quale il risparmio energetico.

Volley Soverato, match di coppa domani a Mondovì: in palio l'accesso alla semifinale

Volley Soverato logoE’ tempo di Coppa Italia per il Volley Soverato. Archiviata la sofferta ma importante vittoria al tie break contro Givova Baronissi nell’ultimo turno di campionato, la squadra calabrese del coach Leonardo Barbieri si appresta a disputare mercoledì sera il quarto di finale secco contro la LPM BAM Mondovì di coach Delmati in trasferta. Come detto, è una partita da dentro o fuori, con in palio l’accesso alle semifinali della competizione tricolore che nella scorsa stagione ha visto il Volley Soverato uscire al primo turno. Domani sera, in Piemonte, si affronteranno per la terza volta della stagione, la seconda nel giro di una settimana, dopo il turno infrasettimanale, con il bilancio che vede avanti Soverato con un doppio tre a zero in campionato. Domani, però, sarà tutta un’altra partita, una gara a sé, con le due squadre che si conoscono bene e certamente daranno vita ad un incontro dall’esito incerto che divertirà il pubblico del “PalaManera”; Mondovì domenica scorsa è ritornata al successo davanti al proprio pubblico superando in quattro set il lanciatissimo Brescia, mentre il Soverato del presidente Matozzo ha superato al quinto set Baronissi dopo una partita tirata e non semplice. E’ un vero e proprio “tour de force” q uello al quale si stanno sottoponendo Gray e compagne come del resto anche le altre squadre; giusto il tempo di ricaricare un po’ le batterie per le biancorosse che già ieri pomeriggio si sono allenate così come nella giornata odierna con la partenza prevista mercoledì mattina da Lamezia Terme per raggiungere la sede del ritiro. E’ un dispendio di energie notevole, sia fisiche che mentali ma il Soverato ci tiene a fare bene in coppa Italia dove, ricordiamo, due stagioni fa raggiunse la finalissima di Ravenna contro Forlì. Un traguardo storico per la società ionica che in questo girone di ritorno e nella manifestazione tricolore vuole andare avanti; dall’altra parte della rete ci sarà un avversario ostico che avrà sete di rivincita contro le “cavallucce marine” e che tiene, ovviamente, alla qualificazione in semifinale. Match tutto da seguire, dunque, con la partita che avrà inizio alle ore 20:30 e direzione arbitrale affidata alla coppia Vecchione Rosario – Pozzi Roberto.

Trasversale delle Serre, tra il Comitato e Censore “punti di vista ancora lontani”

censorePiù differenze che punti di contatto. La seconda tappa del “tour elettorale” promosso dal Comitato “Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato” ha evidenziato le distanze che, in questo momento, separano il sodalizio che lotta per vedere finalmente realizzata la superstrada Jonio-Tirreno dal candidato del Pd alla Camera dei Deputati, nel collegio uninominale Vibo-Soverato: il parlamentare uscente Buno Censore. L'incontro si è tenuto a Satriano, presso la sede della Fondazione Buozzi, alla presenza, tra gli altri, del presidente provinciale del Partito democratico, Michele Drosi. In rappresentanza del Comitato è intervenuto il presidente, Francesco Pungitore. Il parlamentare renziano ha esordito elencando gli sforzi compiuti, nell'ultima legislatura e non solo, per portare a termine la Trasversale delle Serre, “storica” incompiuta calabrese. Censore ha anche richiamato i risultati ottenuti, i passi in avanti, i finanziamenti stanziati del Cipe, l'impegno del governo regionale ed ha elogiato l'attuale management dell'Anas “per l'attenzione e la concretezza” con cui sta trattando il tema della Trasversale. Una narrazione dei fatti che Pungitore non ha condiviso, contestando alla politica, in particolare, “cinquant'anni di promesse mai realizzate”. Altrettanto duro il giudizio nei confronti dell'Anas definita “responsabile di un evidente fallimento gestionale e progettuale che sta causato danni incalcolabili al territorio”. In tal senso, Francesco Pungitore ha ribadito la posizione molto esplicita del Comitato: “Il compartimento calabrese dell'Anas va commissariato, al fine di accertare definitivamente tutte le cause che hanno prodotto questa scandalosa incompiuta”. “Lo stato attuale dei cantieri è desolante - ha affermato il presidente - e il cronoprogramma futuro ci proietta verso altri cinquant'anni di inutile attesa”. Censore ha controreplicato e i due punti di vista sono apparsi, fino alla fine, molto lontani. Pungitore ha concluso invitando Censore a sostenere un pubblico confronto, sui temi delle infrastrutture e dello sviluppo delle aree interne, aperto alle domande dei cittadini. L'esponente del Pd ha dichiarato la propria disponibilità, così come aveva già fatto, nei giorni scorsi, il candidato di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori.

Nuova Borgia: il campo sportivo di località difesa

borgia nuovaRiceviamo e pubblichiamo la nota del capogruppo di Nuova Borgia Giovanni Maiuolo. Abbiamo appreso come sempre dai quotidiani in merito ad uno studio di fattibilità sul campo sportivo di località difesa. Bene direi, se non fosse per qualche problema, che non può non essere considerato...
In primis evidenziamo il fatto che sull’albo pretorio online gli atti vengono pubblicati dopo mesi, motivo per il quale apprendiamo di cose già fatte, sbagliate perse o da rifare senza avere la possibilità di poter intervenire per tempo. Vi è da evidenziare che prima di fare gli studi di fattibilità occorrerebbe capire cosa sia successo in quel sito, dove dei soldi sono già stati spesi, soprattutto come e per cosa, ricordo che qualche partita di calcio è stata disputata per poi lasciare la struttura in mano agli sciacalli.
Altro problema riguarda le pale eoliche installate a ridosso dello stesso, una se non erro dista dalla rete si e no 10 metri, ricordo, che il Qtr prevede distanze di 500 mt anche per il mini eolico, allora sarebbe corretto da parte del comune annullare l’autorizzazione e denunciare chi ha autorizzato, perché probabilmente non sono state rispettate le distanze. Altro problema la linea elettrica che passa in mezzo al campo per 250 mt e va dalle pale alle cabina, qui in data 28/07/2014 la giunta autorizzava con delibera n 128 il passaggio della linea ricadente nel foglio 2 particella 250, tutto questo per la somma “salva bilancio” di 1650 euro totali, vincolando di fatto il terreno.
Anche per questo il comune dovrebbe sempre annullare e denunciare chi ha autorizzato, per prassi. Altro problema ancora i vincoli che ci potrebbero essere, dal paesaggistico all’uso civico ad altri, come potrebbero anche non essercene, ma nel caso vi sia presente quello di uso civico la cosa si potrebbe ingarbugliare, tanti comuni compreso Borgia hanno avviato le ricognizioni proprio degli usi civici, diventata legge regionale dopo la questione battaglina. Il rischio qui sarebbe come spendere dei soldi per poi rischiare di non poter utilizzare il tutto, un po’ come il palazzetto dello sport e lo stadio santa Lucia, il primo finito dopo un migliaio di rifinanziamenti a spese dei cittadini e tutt’oggi chiuso, il secondo che oggi può vergognosamente ospitare 99 tifosi, proprio per il fatto che negli anni invece di attuare operazioni radicali sono stati fatti degli interventi per accontentare, di sicuro non ho ben capito se chi lo utilizza o alla fine della giostra soltanto le ditte che ci hanno lavorato... Non voglio essere polemico perché tanti non capirebbero voglio soltanto lanciare un messaggio a tutti cercando di far capire che se il comune di Borgia si trova in queste condizioni è per questo tipo di scelte avventate pur di dire a pochi “ tranquillo ti porteremo il mare in collina”.

Cerimonia Premiazione Scuole vincitrici Premio Giovanni Grillo

premio grilloVenerdì 26 gennaio alle ore 11 presso la Prefettura di Catanzaro si terrà la cerimonia di premiazione delle scuole che hanno partecipato al Concorso Nazionale “PREMIO GIOVANNI GRILLO” giunto quest’anno alla terza edizione.
Anche quest’anno il Prefetto di Catanzaro ha inteso associare alla celebrazione del Giorno della Memoria, la premiazione del concorso Nazionale “PREMIO GIOVANNI GRILLO, istituito dall’omonima Fondazione in collaborazione con la Direzione Generale dello Studente del Ministero dell’ Istruzione, Università e Ricerca e con il patrocinio dell’Aeronautica Militare, quale tributo a Giovanni Grillo, militare deportato nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale.
Scopo della Fondazione Premio Giovanni Grillo, istituita da Michelina Grillo, figlia di Giovanni, militare dell’Aeronautica, deportato nei lager nazisti dal 43 al 45, è l’attuazione di un’iniziativa di alto interesse sociale, quale l’istituzione, con cadenza annuale, di un PREMIO agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado di tutto il territorio nazionale, inteso a stimolare nelle giovani generazioni la riflessione sull’internamento e sulle persecuzioni nazifasciste perpetrate nell’ultimo conflitto mondiale, per riaffermare e difendere i valori universali della libertà e della pace, che sono alla base dello sviluppo democratico della nostra Repubblica. Scopo, è quindi, di promuovere il protagonismo giovanile nelle scuole, incoraggiando gli studenti ad approfondire personalizzare i propri elaborati, e, quindi, assumere il ruolo di autori di “capolavori” originali, invece che di meri spettatori di commemorazioni celebrate da terzi.
“Parallelemente la Fondazione intende ricordare mio padre, afferma Michelina Grillo, segno di un legame affettivo imprescindibile. Con questo Premio mio padre vive nel presente. Coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dove erano, ma sono ovunque noi siamo.
Compito della Commissione esaminatrice, da me presieduta, e composta da docenti del MIUR e rappresentanti dell’Aeronautica Militare, è stato semplice, vista la ricchezza di materiali pervenuti.E anche se non tutti hanno riceveranno un premio, a tutti i ragazzi va un grande plauso per l’entusiasmo e la voglia di lavorare con sincera convinzione sul tema proposto”.

Una serata di Bossa Nova d’autore al Jazz Club Room 21 di Soverato

I FILI DI ARIANNA 4TETGiovedì 25 Gennaio 2018 alle ore 22:00 ospite presso il Jazz Club Room 21 di Soverato per la rassegna musicale “JAZZ TIME” il gruppo I FILI DI ARIANNA 4TET, composto da Arianna Diano alla voce, Luciano Aloise alla chitarra, Giuseppe Gulino al basso e Max Russo alla batteria. Il quartetto, capitanato dalla vocalist vibonese Arianna Diano, si esibirà su repertorio di musica Bossa Nova d’autore. Arianna Diano è una giovane cantante calabrese che ha studiato pianoforte, canto leggero col maestro compositore Dino Visalli, dizione e teatro e negli anni ha partecipato a numerosi festival e premi nazionali. Ha frequentato l’Accademia di Alto Perfezionamento del canto Jazz con la direzione artistica di Rosalba Bentivoglio a Catania e l’Accademia di canto leggero MusiKè di Vibo Valentia. Ha collaborato nella realizzazione e masterizzazione di CD di brani inediti presso diverse case d’incisione. Massimo Russo è un giovane batterista italiano, percussionista diplomato con il massimo dei voti al conservatorio “F. Torrefranca”. Insegnante e clinician di grande talento ha tenuto in Italia, Francia, Germania, Inghilterra, Spagna e Stati Uniti numerosi seminari, collaborando con grandi musicisti di fama mondiale come Damien Schmitt, Dom Famularo, Pete Lockett, Cliff Almond, Eric Moore, Kim Plainfield, Phil Maturano. Come musicista si distingue per la sua naturale versatilità, la capacità d’interpretare, senza esitazioni, il sound specifico di diversi generi e ambiti musicali, grazie a una notevolissima tecnica delle mani. Le collaborazioni con Dom Famularo, artista di grandissimo successo e di fama internazionale (premiato più volte come miglior clinician e miglior insegnante di batteria al mondo) iniziano nel 2010, quando Massimo decide di frequentare un suo corso negli U.S.A.. Da quel primo incontro Dom Famularo individua in Massimo l’insegnante più idoneo a creare l’unica scuola italiana con marchio “Wizdom Drumshed School”. Con Luciano Aloise alla chitarra e Giuseppe Gulino al basso formano un quartetto di qualità che si esibirà su un repertorio di Bossa Nova, genere legato alla canzone brasiliana, nato alla fine degli anni Cinquanta nella zona sud di Rio De Janeiro dalla chitarra e dalla voce di João Gilberto, trovando nel pianoforte di Tom Jobim e nella poesia di Vinicius de Morais la sua più perfetta espressione. Basata sul ritmo del samba, dal punto di vista armonico la bossa nova trae notevoli influssi dal jazz di stile cool e west coast. L’ingresso al concerto è gratuito, è gradita la prenotazione. Nel mese di Febbraio 2018 il Jazz Club Room 21 di Soverato presenterà una nuova programmazione di quattro grandi altri Eventi di Musica Jazz.

Dibattito: UDI Catanzaro e La Borto

Dibattito La Borto locandinaIl 27 gennaio, sabato, alle 16:00 al Teatro Comunale, le donne di UDI Catanzaro (Unione Donne in Italia) ci incontreranno con l'attore e drammaturgo Saverio La Ruina della compagnia Scena Verticale per discutere a partire dallo spettacolo “La Borto”. L’opera teatrale verrà messa in scena la sera stessa, sempre al Comunale, come parte della rassegna Oscenica – nuove frontiere del teatro contemporaneo. Nel dibattito introduce e modera l’avvocato Rossana Spanò, di UDI Catanzaro. Lo spettacolo racconta la storia di una donna di un paese del meridione, in una società dominata dall’atteggiamento e dallo sguardo maschili: uno sguardo predatorio che si avvinghia, violenta e offende; un atteggiamento che provoca gli eventi ma fugge le responsabilità. L’aborto ne è solo una delle tante conseguenze, ma ne è la conseguenza più estrema. Dal blog di UDI Catanzaro: "Questo incontro rende noi di UDI Catanzaro particolarmente contente perché Saverio La Ruina è un attore molto bravo e Scena Verticale una compagnia teatrale splendida ed impegnata, dunque siamo felici di poterli accogliere nella nostra città. Crediamo, inoltre, che l’evento da cui prende spunto la storia messa in scena, ossia l’aborto, rappresenti (anche) a Catanzaro una sorta di tabù narrativo e ciò che materialmente lo riguardi sia quasi totalmente assente nelle narrazioni prodotte dalla politica dei partiti. Ciò accade spesso per motivi di opportunismo, che a noi non interessano affatto. A noi, invece, interessa molto che si parli delle vite delle donne, soprattutto di quelle dei Sud, delle possibilità che abbiamo di compiere scelte consapevoli e libere. Ci interessa molto che si parli della nostra salute, messa costantemente a rischio sia da un numero spropositato di personale obiettore presente nelle strutture sanitarie pubbliche che dal mancato utilizzo di pratiche mediche atte ad evitare stress e sofferenze inutili e punitive. Ci interessa, infine, riprendere le fila di discorsi interrotti da altri e che incidono sulle vite di molte donne a Catanzaro."

Satriano, riapre l'ufficio postale

Satriano piazza Spirito SantoPoste Italiane comunica che oggi martedì 23 gennaio l’ufficio postale di Satriano riaprirà al pubblico. La sede di via Sant’Antonio era stata chiusa temporaneamente a seguito dei danni provocati dal maltempo dei giorni scorsi per consentire l’intervento dei tecnici per la messa in sicurezza degli ambienti. L’ufficio postale di Satriano tornerà disponibile, con i consueti orari di apertura, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.20 alle 13.45 e il sabato fino alle 12.45.

Torre di Ruggiero, il sindaco querela i forzisti Sanzo e Tino

mariobarbierisindacoIl Sindaco di Torre di Ruggiero, Mario Barbieri, ha sporto querela nei confronti di Maria Teresa Sanzo e Gregorio Tino, per il reato di diffamazione aggravata.
I querelati, secondo il Sindaco Barbieri, nella loro veste di dirigenti locali di Forza Italia, hanno redatto due documenti con l’effige del partito, dal contenuto diffamatorio e al solo fine di screditare l’immagine della Giunta di Torre di Ruggiero.
Continua il primo cittadino: “Che la pretestuosità delle accuse fosse da individuare nella volontà di ledere gravemente l’immagine dell’Amministrazione di Torre, appariva evidente sin dalla prima nota redatta il 5.01.18, laddove appaiono indicate circostanze fattuali di rilievo penale mai esistite, e di cui si sarebbe resa responsabile la Giunta di Torre (incarichi a parenti ed amici). Le esternazioni dei due coordinatori forzisti hanno trovavato poi ampia diffusione, attraverso internet (i social e i siti d’informazione) e la stampa periodica.” Accuse gravissime, respinte con fermezza dal sindaco Barbieri, il quale aveva intimato i due coordinatori a rinnegare l’assunto ed a porgere formalmente le scuse: “La mia intenzione, tenuto conto della necessità di indirizzare tutte le risorse, umane ed economiche, alla risoluzioni dei problemi della comunità che rappresento, era quella di chiudere la querelle, non senza però aver prima tutelato la dignità ed il decoro dell’Amministrazione Comunale, ignobilmente lesi dai querelati.”
Ed invece, com’è dato leggere nella nota del Primo cittadino: “i signori Sanzo e Tino, per niente ravveduti della turpe azione, fermamente intenzionati a continuare l’opera denigratoria, hanno redatto un secondo documento, datato 09.01.18, con il quale oltre a riprodurre le farneticanti accuse, è stata reiterata anche un’inaudita opera di divulgazione capziosa.”
Tali ragioni hanno spinto il Sindaco di Torre di Ruggiero a chiedere l’immediato intervento della Magistratura. Il Sindaco, infine, ribadisce la necessità di tutelare l’immagine ed il decoro della sua Amministrazione: “un attacco mediatico, quello dei signori Sanzo e Tino, dissennato, senza alcuna valenza critica, dal contenuto unicamente falso e diffamatorio. Sono certo che la Magistratura saprà tutelare l’onorabilità dell’Amministrazione, ignobilmente lesa dai querelati.”; Spero, infine, che la campagna denigratoria posta in essere dai due querelati, anche attraverso l'impiego del simbolo di “Forza Italia”, trovi un dura presa di posizione da parte dei vertici provinciali e regionali del partito, resi edotti ufficialmente delle predette circostanze.

Volley Soverato - P2P Givova Baronissi 3-2: il post gara (VIDEO)

volley soverato baronissiSOVERATO - Il Volley Soverato torna alla vittoria casalinga e da seguito al bel colpo esterno in casa di Mondovì di mercoledì scorso. La formazione del presidente Matozzo, pur soffrendo al cospetto di un grintoso e combattivo Baronissi, si è imposta al tie break conquistando due punti che permettono di muovere ancora la classifica per non perdere ulteriore contatto dalle formazioni di testa. Nel post gara, ai microfoni di S1TV, hanno commentato il match, intervistati da Pietro Mosella, i due tecnici Barbieri e Castillo, e la grande ex di turno, un'emozionata Alessia Travaglini. Di seguito le interviste.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa