Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Stalettì, per Santa Rita il parroco dona le rose ai fedeli

festa santa rita 2018STALETTI’ - Festa di Santa Rita, a Stalettì, con la partecipazione di numerosi fedeli. «Soltanto l'amore può trasformare il cuore dell'uomo», ha affermato il parroco don Roberto Corapi, durante la celebrazione, svoltasi nella chiesa parrocchiale gremita di fedeli, rivolgendosi alla sua comunità nella festa di Santa Rita. Don Roberto ha invitato al perdono «che è via del Vangelo». E come ogni anno, nel giorno della festa in onore della “santa delle cose impossibili”, innamorata del Crocefisso, don Roberto ha distribuito centinaia di rose ai fedeli, ringraziando gli offerenti e invitando tutti a diventare ogni giorno testimoni del Vangelo, profumando come le rose nel giardino di Dio.

Carmela Commodaro

Giornata della Legalità, il presidente della Provincia di Catanzaro all’iniziativa del liceo scientifico “Siciliani”

Sacco Bruno La Piana BelcaroCATANZARO – “Il 23 maggio 1992 è cambiato il nostro modo di essere. Ognuno di noi ricorda perfettamente dove era quando è scoppiata la bomba che a Capaci ha ucciso il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta. E tutti avevamo lo stesso stato d’animo: un pesante senso di rassegnazione e sconfitta. Ma proprio dal mondo della scuola, nel nome del ricordo di quel giudice che ha fatto della lotta alla mafia la sua ragione di vita, come il collega Paolo Borsellino ucciso solo due mesi dopo, è partita una dirompente forza di reazione che dato impulso al Paese per risollevarsi. Per questo rinnovare la memoria di quel drammatico evento nel nome della legalità è sempre di più fondamentale soprattutto per le istituzioni che hanno il dovere di costruire le condizioni affinché le giovani generazioni si impossessino del proprio futuro, nella propria terra”. E’ quanto ha affermato il presidente della Provincia, Enzo Bruno, partecipando all’iniziativa organizzata questa mattina nella sala Consiglio di Palazzo di Vetro da studenti e docenti del liceo scientifico di Catanzaro “Luigi Siciliani” in occasione della Giornata della Legalità, con il Patrocinio dell’Ente intermedio e dell’associazione “Avviso Pubblico”. Gli studenti hanno dialogato con la criminologa Giusy La Piana, autrice del libro “Fare del male non mi piace, la carriera criminale di Bernardo Provenzano”. Al dibattito moderato da Nunzio Belcaro hanno partecipato anche la dirigente scolastica Francesca Bianco e Maria Antonietta Sacco, vice presidente nazionale di Avviso pubblico. Il presidente Bruno ha sottolineato l’importanza del ruolo della scuola come avamposto di legalità, e sollecitato da Belcastro - che ha suggerito un parallelismo tra il sindacalista siciliano Placido Rizzotto e Giuditta Levato, uccisa da un latifondista mentre difendeva la propria terra a Calabricata, nel comune di Sellia Marina – è tornato sul valore della memoria e dell’importanza di “richiamare la lotta alle mafie e la valorizzazione delle figure che hanno dato la vita per combatterla anche attraverso una simbologia chiara, da richiamare e rilanciare. Ricordo la nostra decisione di intitolare la sala conferenze del Museo Storico Militare a Giuditta Levato, morta per difendere la dignità umana che si afferma attraverso il lavoro, resistendo alla arroganza e alla prepotenza di un latifondista che di fatto praticava metodi mafiosi – ha detto ancora il presidente Bruno -. E ancora la decisione di dedicare il Parco delle Giovani idee e della legalità realizzato al Parco della Biodiversità con fondi del Ministero dell’Interno al magistrato calabrese Federico Bisceglia, morto in un incidente stradale del quale ancora non sono state chiarite le dinamiche indagava sulla Terra dei Fuochi. Ricordare e andare avanti con coraggio nel nome di chi si è sacrificato avendo come traguardo il riscatto, la solidarietà, la libertà: questo è quello che le istituzioni devono fare, e la nostra forza siete voi”.

Molto dibattuto l'incontro formativo del CSV di Catanzaro sulla privacy

IMG 1363Anche le associazioni di volontariato sono chiamate a correre ai ripari con l’entrata in vigore del nuovo regolamento sulla privacy che, a partire dal 25 maggio, andrà a sostituire il vecchio codice. Le disposizioni dettate dall’Europa in materia di trattamento dei dati personali introducono, infatti, delle novità che è bene conoscere per evitare di incorrere in pesanti sanzioni pecuniarie. Alle mille domande e perplessità che la nuova complessa normativa provoca in chi, ogni giorno, si ritrova a raccogliere dati sui propri assistiti, sono stati chiamati a rispondere l’ingegnere Salvatore Rotundo e l’avvocato Giuseppe Costabile, interpellati dal Centro Servizi al Volontariato della provincia di Catanzaro, in un apposito incontro formativo tenutosi lunedì scorso in una struttura alberghiera, per fornire i primi ragguagli sugli accorgimenti da prendere nell’immediato. Ed è così che, ciascuno per la propria parte, i due professionisti hanno messo in rilievo l’importanza di chiedere, in maniera esplicita, il consenso alla persona che usufruisce dei servizi dell’associazione, e di saper custodire, in piena riservatezza, i dati in possesso per un periodo transitorio. Particolare attenzione è stata riservata alla figura del titolare del trattamento dei dati, che ne determina i mezzi e le finalità, e del responsabile del trattamento, incaricato dal titolare a disporre dei dati. Chiariti, inoltre, i principi ai quali attenersi: liceità, correttezza, trasparenza, esattezza, integrità e riservatezza, ai quali si aggiungono quello della minimizzazione dei dati (meno dati si inseriscono per l’individuazione delle persone e meglio è) e della conservazione limitata nel tempo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa