Commemorazione delle vittime Camping Le Giare, il ricordo del presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno
Menu

Commemorazione delle vittime Camping Le Giare, il ricordo del presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno

Enzo Bruno 3CATANZARO - “Mario, Paolina, Rosario, Salvatore, Serafina, Iolanda, Ida, Giuseppina, Gabriele, Franca, Antonio, Concetta e Vinicio, il cui corpo non è mai più stato ritrovato. Nomi e volti che restano segnati in maniera indelebile nel nostro cuore e nel ricordo di una tragedia che poteva, e doveva, essere evitata”. Il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, ricorda con profondo cordoglio, esprimendo vicinanza ai familiari, i volontari dell’Unitalsi e degli ospiti del Camping Le Giare che nella notte e il 10 settembre del 2000 sono stati travolti e uccisi dalla piena del torrente Beltrame, in occasione del diciassettesimo anniversario dall’alluvione che ha colpito in particolare il Soveratese.
“Rendere omaggio a quelle vittime non è un rito sterile, un appuntamento consolidato per consuetudine. Ricordare le vittime della furia del Beltrame che travolse e inghiottì nel fango tredici persone, votate al prossimo nella solidarietà e nella fede, è un dovere civico – dice ancora il presidente della Provincia – e nello stesso tempo un monito a non perdere di vista mai quanto è necessario fare a tutela del territorio per impedire il ripetersi di una tragedia che ha segnato profondamente la nostra storia di calabresi”.
“Abbiamo il dovere di non dimenticare e di mettere in campo ogni misura politica e amministrativa atta a garantire adeguate risorse alla prevenzione e alla tutela del suolo – ha concluso il presidente Bruno – per evitare il ripetersi l’ennesimo disastro ambientale destinato a lasciare sul campo vittime innocenti. La Provincia di Catanzaro lo ricorda ogni giorno, guardando a quella stele che lo scorso anno è stata installata nel cuore del Parco della Biodiversità proprio per omaggiare le vittime del Camping Le Giare e, nello stesso tempo, la generosità e lo spirito di sacrificio dei volontari dell’Unitalsi che in quella occasione hanno pagato un prezzo altissimo”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa