all
Menu

Si ferma l'avventura di Chiaravalle Centrale a “Mezzogiorno in Famiglia”

mezzog21Si ferma qui l'avventura di Chiaravalle Centrale a “Mezzogiorno in Famiglia”. Una partita davvero entusiasmante quella contro gli avversari trentini di Pergine Valsugana, davanti a milioni di telespettatori che, per due giorni consecutivi, hanno seguito la sfida in diretta su Rai 2. A prescindere dal risultato, perché pur sempre di un gioco si tratta, il bilancio è indubbiamente positivo per la città delle Preserre che ha avuto la possibilità di mettersi in mostra davanti all'Italia intera, con tutta la bellezza del suo territorio, la sua tradizione, le sue ricchezze storiche, artistiche, culturali, gastronomiche. “Una eccezionale operazione di marketing territoriale che porterà sicuramente frutti importanti” ha commentato il sindaco, Mimmo Donato, congratulandosi con tutti i protagonisti e gli artefici di una macchina organizzativa estremamente complessa. Primo fra tutti, il consigliere comunale delegato Gianfranco Corrado, infaticabile in tutto e per tutto. Particolarmente efficace anche il ruolo della Consulta comunale della Cultura che ha offerto le tante professionalità del proprio direttivo nelle varie finestre dedicate alla descrizione del territorio. Il folklore locale ha occupato uno spazio importante nella trasmissione di oggi: zampogne e tarantelle, vetrate artistiche e ceramiche, cuoio e artigianato, hanno conquistato la scena, nonostante il diluvio costante che ha accompagnato l'intera mattinata. Bravissimi anche i ragazzi e le ragazze che hanno composto le squadre in gara, dagli sportivi impegnati a palleggiare in piazza (sotto l'acqua) ai concorrenti impegnati negli studi Rai di Roma. Straordinario, come sempre, il responso del televoto che ha premiato la bella interpretazione canora di Ernesto Schinella. “La presenza televisiva di Chiaravalle Centrale su un palcoscenico così grande - ha concluso il sindaco - è solo il tassello di un mosaico, la tappa di un progetto più generale con il quale intendiamo promuovere e rilanciare la nostra città come epicentro di un vasto comprensorio, ospitale, accogliente e ricco di potenzialità tutte da riscoprire”.

Chiusura piscina di Isca sullo Ionio, il Codacons notifica l’accesso agli atti

piscina di Isca“Anche oggi va in scena l’ennesimo rinvio dell’apertura al pubblico della piscina. Non sembra aver pace la polemica relativa alla desolata chiusura dell’impianto sportivo di Isca sullo Ionio. Le promesse, infatti, si susseguono da mesi, eppure la piscina rimane sempre misteriosamente chiusa”. E’ quanto si legge in una nota a firma di Francesco Di Lieto vicepresidente nazionale del Codacons. Il Codacons, continua il comunicato, chiamato in ballo dalla minoranza nell’ultimo consiglio comunale dell’8 gennaio, ha formalizzato una istanza di accesso agli atti, rilevando una serie di contraddizioni nella gestione dell’impianto. “Una situazione – aggiunge Di Lieto – paradossale che costringe centinaia e centinaia di utenti, che fino a qualche mese addietro affollavano l’impianto, ad interrompere l’attività fisica ovvero, sopportando maggiori costi, a doversi recare altrove. La Piscina comunale era, infatti, un patrimonio non solo del comune di Isca sullo Ionio, ma fungeva da vero e proprio punto di ritrovo per tantissimi giovani e meno giovani, provenienti dai territori limitrofi. Un impianto di fondamentale importanza capace, specie in una regione come la nostra che registra drammatiche carenze di impianti sportivi, di garantire lo svolgimento di attività fisica, sia ai soggetti sani che a quelli, purtroppo, affetti da patologie. Per questo motivo il Codacons, sollecitato dal gruppo di minoranza ‘Siamo Isca’, ha chiesto le ragioni per cui l’Amministrazione, a stagione già iniziata e per decisioni tuttora sconosciute ai Cittadini, abbia disposto la chiusura della piscina. Da quanto segnalato – prosegue la nota del Codacons – sembrerebbe che la chiusura sia riconducibile all’iter amministrativo relativo all’affidamento della gestione dell’impianto. A far da contraltare a questi intollerabili ritardi, vi è la inconsueta solerzia con la quale l’Amministrazione aveva proceduto all’aggiudicazione provvisoria dell’impianto già il 28 settembre dello scorso anno. Ma allora, cos’è che non va ? I dubbi appaiono legittimi – sostiene Francesco di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons – atteso che oramai da mesi i Cittadini devono prendere atto di promesse non mantenute. Già il 5 dicembre scorso, infatti, era stata pomposamente annunciata la riapertura dei battenti della piscina. Ed invece, allora come oggi, il silenzio regna sovrano. Gli interrogativi sembrerebbero leciti atteso che, nel capitolato per l’affidamento della concessione provvisoria, è previsto che la gestione debba essere avviata ‘entro 15 giorni dalla consegna’. Ed allora, perché dopo quattro mesi dalla consegna, non si apre l’impianto ai Cittadini ? Il Codacons chiede, quindi, se il Comune abbia applicato le penali appositamente previste in caso di ritardo. Per fugare ogni dubbio sulla vicenda che rischia di trasformarsi in un pasticciaccio, il Codacons ha formalmente chiesto al Comune di fornire copia della documentazione fornita dal soggetto aggiudicatario da cui si evince il possesso dei requisiti di legge nonché l’insussistenza di cause di esclusione, copia dell’atto di avvenuta consegna dell’impianto, copia delle autorizzazioni propedeutiche l’apertura, copia delle preventive autorizzazioni da parte dell’Ente inerenti le modifiche già apportate agli impianti. Una situazione paradossale – continua Di Lieto – che, per ‘pastoie burocratiche’, vede sottratto alla disponibilità dei Cittadini un impianto che costituiva il fiore all’occhiello per l’intero comprensorio. Il nostro intento – conclude la nota del Codacons – è quello di pressare l’Ente affinché renda immediatamente fruibile la piscina e, nello stesso tempo, comprendere se nella vicenda siano ravvisabili profili di illegittimità e si configurino veri e propri reati nonché ottenere l’immediato avvio di una corretta procedura per la gestione a lungo termine capace di restituire, definitivamente, ai Cittadini una importantissima struttura pubblica”.

Il Nuovo Basket Soverato sbanca Villa San Giovanni e si assicura il quarto posto

ERACLÈ SOFA’ VILLA SAN GIOVANNI-NUOVO BASKET SOVERATO 63-80

VILLA S.GIOVANNI: Meduri 8, Vinci 13, Costabile 5, Vazzana 9, Barreca 2, Scordino 3, Costa 22

NBS: Polizzese 23, Maida 20, Fratto 7, Goglia 6, Fall 24

NBS logoREGGIO CALABRIA - Il colpaccio lo fa il Nuovo Basket Soverato nel match decisivo per il quarto posto del “Pala Pentimele” contro l'Eracle Sofà Villa San Giovanni. Al termine di quattro intensi quarti i biancoblu del presidente Anastasio si impongono con un perentorio 63-80 staccando definitivamente i reggini in classifica quando resta una sola gara da disputare per lo meno nella stagione regolare. Risultato preziosissimo e prestigioso per il quintetto soveratese, promosso dalla scorsa Serie D e che ad inizio stagione aveva individuato nella salvezza l'obiettivo minimo da raggiungere. Il quarto posto, invece, apre le porte verso la disputa dei playoff, tuttavia c’è ancora tutta la fase a orologio da affrontare, ma questa parte del campionato sarà giocata in casa da Fall e compagni contro le formazioni sotto in classifica, dunque un vantaggio sicuramente da mettere in conto. Tornando alla gara di Villa, i padroni di casa dovevano vincere con otto punti di differenza per sperare nel sorpasso in classifica, non è loro bastata una buonissima prova di Costa perché Soverato ha ancora una volta dimostrato la sua superiorità. Prestazione da incorniciare per Fall, Maida e Polizzese, tutti e tre in doppia cifra, e grande soddisfazione per società, squadra e tifosi che guardano al derby di domenica prossima contro la Virtus Catanzaro per poi pensare alla fase a orologio.

Francesco Gioffrè

Il Quadrifoglio Soverato sa solo vincere, 7-2 alla Polisportiva Icaro e primato conservato

q.foglio fotoSOVERATO - Il Quadrifoglio Soverato è un rullo compressore che non conosce ostacoli nella sua marcia trionfale nel girone B di Serie D. Calcettisti soveratesi sempre e soltanto primi in classifica con 18 punti dopo sei giornate di campionato. Vittima di turno la Polisportiva Icaro, caduta al “Pala Scoppa” sotto i colpi di Girillo e soci che si impongono con un netto 7-2. Nonostante le assenze degli indisponibili Politi e Procopio, i ragazzi di mister Vitale inizia la gara a vele spiegate con una veloce doppietta dello stesso Girillo; gli ospiti catanzaresi non si arrendono e accorciano con Voci, ma allo scadere ancora Girillo, con la sua personale tripletta, manda le squadre al riposo sul 3-1. Il Quadrifoglio decide di esagerare nei secondi trenta minuti di gioco, D'Aquino trova il poker , Girillo si conferma nuovamente e mette a segno altri due reti che gli valgono una bellissima cinquina chiudendo di fatto la gara. Icaro sigla il gol della bandiera con Fabiano al 45'mentre Mongiardo, negli ultimi scampoli, si regala la settima rete della formazione di casa. Dopo la sconfitta nell'andata dei quarti di finale di Coppa Calabria, dunque, la formazione del presidente Gualtiero rialza la testa dimostrando che in campionato è ancora la numero uno; ora per i biancorossi una settimana di pausa grazie al turno di riposo personale, torneranno in campo tra quattordici giorni nel derby del comprensorio contro il Futsal Montepaone.

Stalettì, commedia teatrale per ricordare Michela

sala polivalente stalettìSTALETTI’ - Il valore della famiglia e gli affetti sono superiori agli interessi. E’ questo il senso della commedia in vernacolo “Eu, mammata e tu”, che sarà rappresentata il 27 gennaio, alle ore 21, e il 28 (ore 18) nella sala polivalente di Stalettì, su iniziativa del “Gruppo Teatro amatoriale” stalettese. L’iniziativa rientra nell’ambito della quarta rassegna teatrale, promossa dal “Laboratorio della Solidarietà”, con il patrocinio del Comune. La commedia è scritta e diretta da Franco Romeo, già noto per le sue opere brillanti, ma cariche di profondo senso umano. Questa è dedicata alla memoria di Michela Mercurio, prematuramente scomparsa, che già aveva recitato ricoprendo la parte di Juna (oggi interpretata da Concetta Mantella), interpretando, inoltre, diversi personaggi delle commedie di questo gruppo teatrale. «Michela era una nostra amica – sottolinea il regista Romeo - ed a lei abbiamo voluto dedicare questa commedia. Era una ragazza straordinaria, solare e sempre disponibile». La commedia, molto attesa nella comunità stalettese, propone la storia di un’eredità contesa che alla fine diventa momento di unione, evidenziando il valore del rispetto del senso familiare. Oltre a Franco Romeo e a Concetta Mantella, reciteranno Isa Amoroso, Concetta Russo, Maria Teresa Russo, Luisa Parente Rodrigues, Giuseppe Maio, Maria Grazia Gentile, Carmela Vaccaro e Luigi Bocchino.

Carmela Commodaro

Davoli Academy, tripletta di super Ranieri per il pari esterno con la Molochiese

davoli accamady calcioa5TAURIANOVA - Ottimo punto conquistato in rimonta dal Davoli Academy Blingink Soverato nella difficile trasferta di Taurianova contro la Polisportiva Molochiese. Finisce 3-3 il match valido per la sedicesima giornata del girone B di C2, sessanta minuti di grande divertimento e intensità per quanto visto in campo con il quintetto davolese-soveratese brava a reagire ad un iniziale momento di difficoltà. L’inizio di gara non è infatti stato dei migliori per i ragazzi di mister Cosentino, già sotto di tre reti dopo pochi minuti dal via, tuttavia i biancorossi hanno avuto la forza ed il carattere di Rodolfo Ranieri che si è rilevato determinante per la rimonta. ‘Rudy’ infatti con una prodezza riduce le distanze allo scadere del primo tempo, in apertura di ripresa trova la doppietta direttamente su calcio di punizione impreziosito da un meraviglioso “cucchiaio” per poi dare seguito all'assalto offensivo con il cercato, è meritato, gol del tre pari. Il Davoli-Soverato ha tentato anche di trovare la vittoria, ma tutto sommato il punto finale viene accolto con gioia e soddisfazione da squadra e società, rinfrancate da questo risultato positivo che consente di agguantare il Filadelfia al terzo posto con 28 punti. Sabato prossimo impegno interno per i biancorossi, al “Pala Scoppa” ci sarà il Rombiolo Calcio a 5.

Francesco Gioffrè

Il Catanzaro torna in campo, a Castellammare di Stabia si cercano punti

Us Catanzaro logoCATANZARO – Riaccende i motori il campionato di Serie C dopo la lunga sosta post-feste. Ventiduesima giornata nel girone meridionale con in programma, oltre alla super-sfida dell’anno tra le prime due della classe Lecce-Catania, anche la trasferta insidiosa che il Catanzaro andrà ad affrontare in quel di Castellammare di Stabia. Quella con la compagine campana allenata da Ciro Ferrara è una partita importantissima per i giallorossi di mister Dionigi, reduci da due sconfitte consecutive, ultima delle quali subita dalla Reggina nell’ennesimo derby perso in questa stagione. E’ perciò necessario il bisogno di ritornare a far punti per migliorare una classifica che potrebbe cominciare ad essere preoccupante. A Giovino si è lavorato in questi giorni soprattutto per quel che concerne l’aspetto psicologico dei giocatori, chiamati al riscatto da tutti i tifosi; il tecnico emiliano del Catanzaro ha altresì, ovviamente, provato anche accorgimenti tattici nuovi che dovrebbero portare dei miglioramenti, ed infine potuto fare la conoscenza dei nuovi elementi che si sono aggregati al gruppo, come i terzini Antonio Sepe e Francesco De Giorgi, prelevati rispettivamente dall’Akragas e dalla Fidelis Andria, ed il colored Modou Badjie, centrocampista del Gambia e proveniente dal settore giovanile dell’Atalanta. Sono possibili delle novità nella formazione iniziale con l’impiego dal primo minuto proprio di De Giorgi sulla fascia destra (in ballottaggio anche Zanini e Nicoletti), e un centrocampo più compatto con Maita, Onescu e Marin con l’attacco che sarà formato da Infantino e Letizia (dai quali ci si aspetta di più in questo 2018); in difesa, davanti al portiere Nordi, trio Gambaretti, Riggio e Di Nunzio. Il mercato è sempre in movimento, è partito Benedetti mentre hanno le valigie in mano Sirri, Icardi, Anastasi, Lukanovic e Imperiale (quest’ultimo richiesto in Serie A). In entrata si cerca una punta.
In casa Juve Stabia, invece, il momento è positivo; sono cinque i risultati utili consecutivi che hanno riportato le “Vespe” a ridosso della zona playoff. Dopo il successo interno sull’Andria ed il turno di riposo osservato, Morero e compagni hanno le batterie cariche e sono pronti a continuare il loro momento positivo anche se, tuttavia, dovranno prima fare i conti con un Catanzaro arrabbiato che vuole rialzarsi. Il modulo tipicamente scelto da Ferrara per la sua squadra è il 4-2-3-1 con Viola e Mastalli in linea mediana, i forti esterni Canotto e Lisi ed il trequartista Strefezza a supportare la punta avanzata Paponi; in retroguardia, davanti all’estremo difensore Branduani, ci saranno i terzini Nava e Crialese con i centrali Morero e Bachini. Ad arbitrare l’incontro, in programma domani alle 16.30 sul terreno di gioco dello stadio “Romeo Menti”, il signor Marco D’Ascanio di Ancona, coadiuvato dagli assistenti Yoshikawa e Rinaldi.

Francesco Gioffrè

PROGRAMMA 22a GIORNATA SERIE C2/C: 20/1 ore 20.30 Siracusa-Rende, 21/1 ore 14.30 Akragas-Monopoli, Fondi-V.Francavilla, Lecce-Catania e S.Leonzio-Trapani, ore 16.30 Juve Stabia-Catanzaro e Reggina-Paganese, ore 20.30 Casertana-Fid. Andria e Cosenza-Matera

CLASSIFICA: Lecce 45, Catania 41, Trapani 37, Siracusa 32, Matera e Rende 31, V.Francavilla e Cosenza 29, J. Stabia 28, Bisceglie 27, Monopoli 26, Catanzaro 24, Fondi, Reggina e Casertana 21, S.Leonzio 19, F.Andria 18, Paganese 16, Akragas 10

Chiaravalle Centrale ancora protagonista a “Mezzogiorno in Famiglia”

IMG 20180120 WA0014Chiaravalle Centrale chiude il primo round contro Pergine Valsugana in leggero svantaggio, cinque a sette, a “Mezzogiorno in Famiglia”. Grandi protagonisti, comunque, i ragazzi e le ragazze calabresi che, oggi, hanno sfidato in diretta su Rai 2 i pari età trentini, cimentandosi in una serie di giochi molto divertenti. In una piazza Dante gremita, spazio anche alla cultura locale, al folklore, all'artigianato, alla storia, alla gastronomia, con la cartolina introduttiva curata da Ulderico Nisticò. Una vetrina televisiva eccezionale per Chiaravalle e per l'intera Calabria. Negli studi di Roma, una seconda squadra di giovani chiaravallesi ha conquistato punti su punti, ben quattro sui cinque complessivi, fondamentali in vista del traguardo finale di domani. Domenica mattina, infatti, sarà ancora diretta. Anche oggi è stata importantissima la risposta del televoto che ha assegnato a Chiaravalle percentuali notevoli: il 55 per cento dei contatti ha premiato la performance della città delle Preserre nella gara di ballo. Televoto, dunque, che sarà decisivo anche e soprattutto domani, con la prova di canto e l'attesissima esibizione di Ernesto Schinella.

Girifalco, i controlli dei carabinieri sospendono attività di cantiere

girifalcoNella giornata di ieri Militari della Compagnia di Girifalco insieme ai carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro (N.I.L.) di Catanzaro e al personale ispettivo dell'Ispettorato territoriale del lavoro (I.T.L.) del capoluogo hanno dato corso ad una serie di accertamenti presso il cantiere della futura "Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza" (R.E.M.S.) in viale 25 aprile a Girifalco. L'intervento, realizzato in ottima sinergia tra carabinieri della compagnia e personale specializzato nel settore della tutela del lavoro, costituisce un'iniziativa a supporto alla sicurezza nei cantieri, volto frattanto anche alla prevenzione e al contrasto del lavoro irregolare. Le verifiche, concentratesi su tre imprese attualmente operanti sul cantiere, hanno portato a contestazioni di natura amministrativa e penale. Carenti le misure di sicurezza adottate. Sono stati segnalati 4 lavoratori irregolari sui molti controllati, comminate ammende per oltre 25.000 euro e sanzioni amministrative per circa 16.000 euro. Ad alcune imprese è stata imposta la sospensione delle proprie attività sul cantiere. Ulteriori accertamenti sono ancora in corso.

Lamezia Terme, arrestata l’escalation delinquenziale di un giovane lametino

Immagine2Un passato caratterizzato da piccoli precedenti che oggi si stavano trasformando in episodi delittuosi sempre più gravi. Fortunatamente è stata fermata l’escalation delinquenziale di S.O., giovane lametino cl.’93 residente a Pianopoli. Nei suoi confronti è stata eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme una misura di custodia cautelare in carcere, emessa dal locale Tribunale, che scaturisce da una lunga serie di approfondimenti investigativi sul suo conto svolti dalla Stazione di Pianopoli con la collaborazione del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme. Nel provvedimento, dal quale emerge la personalità dello S., caratterizzata da “spiccata aggressività”, vengono contestati i reati di detenzione e porto abusivo di materiale esplodente, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali gravi e danneggiamento, riconducibili nello specifico a tre episodi dei quali il giovane sarebbe stato individuato quale responsabile.
Iniziando dalla notte del 05 giugno del 2017, allorquando il citato soggetto, “al fine di incutere pubblico timore”, collocava e faceva esplodere un ordigno esplosivo di fattura artigianale nei pressi di alcuni cartelloni pubblicitari lungo la pubblica via a Pianopoli, totalmente incurante di possibili rischi per l’incolumità di eventuali passanti. Da un’attenta analisi del sistema di videosorveglianza cittadino e da approfondimenti investigativi si è potuti giungere all’identificazione dello Stranieri quale autore del gesto. Successivamente, il giovane veniva trovato in possesso di una motocicletta rubata nel Comune di Feroleto Antico. La pericolosità dello S. emerge infine nell’ultimo evento risalente al 18 dicembre 2017. Un lungo inseguimento per le vie trafficate di Lamezia Terme di una Toyota Yaris che non aveva arrestato la marcia ad un posto di controllo effettuato da una pattuglia della Guardia di Finanza. Alla guida dell’utilitaria sempre il ragazzo che, per guadagnare la fuga, sperona il mezzo militare e successivamente effettua una serie di manovre pericolosissime che portano la pattuglia a collidere con un altro veicolo.
Pertanto, alla luce delle risultanze investigative inerenti i citati eventi delittuosi connotati da condotte particolarmente gravi ed allarmanti, lo Stranieri è stato tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Catanzaro.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa