all
Menu

Wanda Ferro su dichiarazioni ministro Calenda

wanda ferro 17CATANZARO -  Di seguito una dichiarazione del consigliere regionale Wanda Ferro (Gruppo misto): “Le dichiarazioni del ministro dello Sviluppo Economico Calenda fanno gelare il sangue. Per quasi tre anni ci è stata propinata l’immagine di un Oliverio impegnato in un continuo confronto con il governo nazionale per ottenere risorse e progetti di sviluppo per la Calabria, ci eravamo ormai convinti che il nostro presidente fosse poco presente in Calabria perché costretto a continui viaggi a Roma per portare nei palazzi che contano le istanze della Regione. Oggi scopriamo che a non avere attenzione per la Calabria non è il governo nazionale, ma proprio quello regionale, e che Oliverio nella Capitale ci è andato soltanto per chiedere al ministro Lorenzin la testa del commissario Scura - tornando a casa a mani vuote - mentre sulle questioni riguardanti lo sviluppo economico in tre anni non si è degnato neppure di fare una telefonata al ministro. Intervenendo a Napoli il ministro Calenda è sembrato quasi esterrefatto per il comportamento di Oliverio, dicendo testualmente: “Il presidente della Regione Calabria l'ho visto una volta per sbaglio, non è mai venuto a dire che facciamo? Che strumenti abbiamo?”.
Non abbiamo motivo di credere che da parte del ministro Calenda sia in atto un tentativo di strumentalizzazione politica, essendo espressione dello stesso partito del governatore calabrese, il Pd. Ma delle due l’una: o Calenda mente, o ha smascherato un comportamento di assoluta irresponsabilità del governatore Oliverio, che di fronte alla crisi profonda in cui versa la Calabria, di fronte alla dolorosa realtà di disoccupazione, soprattutto giovanile, di precariato e di sempre crescente povertà, non ha sentito il dovere di instaurare il benché minimo rapporto istituzionale con chi detiene le leve dello sviluppo economico, anche solo per avere una indicazione, un suggerimento, per confrontarsi su una proposta. Con una sola frase il ministro Calenda ha svelato il grande bluff di Oliverio, che continua a parlare nelle sue conferenze stampa dei numerosi e importanti risultati raggiunti grazie alla sua azione di governo, di cui però la Calabria reale non ha alcuna concreta percezione. Oggi Oliverio parla della attivazione della Zes come di un suo successo, ma non affronta le questioni legate ai problemi del porto di Gioia Tauro né sembra avere un’idea precisa per un possibile progetto di sviluppo ampio e organico da realizzare nell’area della Piana, in modo da attrarre investimenti soprattutto privati e da fuori regione. Si potrebbe pensare di realizzare attorno alla Zes una filiera della trasformazione agroalimentare, o magari una filiera industriale legata alla produzione sanitaria, visto che il settore rappresenta una delle principali voci di spesa della Regione e potrebbe trovare sinergie importanti con l'attività di ricerca nostri atenei. Ma la Regione sembra non avere un progetto chiaro per il governo dell’economia che potrebbe attivarsi attorno alla Zes, tanto che incredibilmente non ha ritenuto necessario confrontarsi con il ministro per lo sviluppo economico. Ma attivare la Zes per attrarre qualche imprenditore con la sola prospettiva delle agevolazioni fiscali continua a non rendere competitivo il nostro territorio, e lascia presagire un nuovo fallimento e l’ennesima opportunità sprecata”.

Post lesivo sulla pagina facebook istituzionale del Comune di Borgia, la Giunta autorizza il sindaco Sacco a sporgere querela

Elisa SaccoBORGIA, Tutelare la onorabilità del Comune di Borgia, sia esso inteso come comunità che in riferimento all’Ente dove lavorano quotidianamente tanti dipendenti che svolgono con impegno e onestà le proprie mansioni. E’ questo l’intento che ha determinato la Giunta comunale – con delibera n.154 - a dare mandato al sindaco Elisabeth Sacco di proporre denuncia penale nei confronti dell’autore di un messaggio apparso nella pagina Facebook istituzionale qualche giorno fa considerato lesivo. Precisamente – come citato anche nella delibera - nella parte sottostante il link relativo all’ordinanza n° 25 del 01.12.2017, in merito al divieto dell’uso potabile ed alimentare delle acque immesse in rete nel centro urbano di Borgia, compare un post che allude che nell’ente comunale vengono consumate condotte illecite e poco trasparenti. “Il commento in esame denota un comportamento poco rispettoso dell’istituzione comunale, la quale ha improntato la propria attività sui principi di massima trasparenza, correttezza democratica e legalità”, riporta la delibera. L’autore del messaggio risulta essere un esponente delle forze dell’ordine e ciò “costituisce un’aggravante del tenore di quanto espresso nel messaggio postato nella pagina facebook del Comune di Borgia”. La Giunta comunale, composta da Leonardo Maiuolo, Virginia Amato, Irene Cristofaro e Giovanni Nobile, ha, quindi, autorizzato il Sindaco Sacco a presentare avanti all’autorità giudiziaria denuncia-querela nei confronti dell’autore del messaggio sopra citato onde accertare a mezzo della magistratura competente eventuali responsabilità penali dello stesso”.

Presso l’Amministrazione provinciale di Catanzaro i 36 ragazzi selezionati per i progetti di Servizio civile nazionale 2017

I ragazziCATANZARO -  Entusiasti e un po’ emozionati per questa importante opportunità che li avvicina al mondo del lavoro e accrescerà la propria formazione. Sono i 36 ragazzi selezionati per i progetti di Servizio civile nazionale 2017 da oggi in servizio presso l’Amministrazione provinciale di Catanzaro ai quali il presidente dell’Ente intermedio, Enzo Bruno, ha voluto rivolgere il proprio saluto in occasione dell’avvio delle attività del Progetto che saranno svolte ai Centri per l’impiego (16 volontari impiegati), al Parco della Biodiversità (12 volontari) e al Musmi (8 volontari).
“A tutti voi i complimenti per aver superato l’impegnativa selezione, e l’augurio che l’esperienza che vivrete qui per un anno sia davvero entusiasmante e vi lasci un segno positivo – ha detto il presidente Bruno, affiancato dal dirigente del settore competente Rosetta Alberto, dal consulente Massimo Fotino, dal consigliere provinciale delegato alla Viabilità Ciccio Severino e dai responsabili del progetto, Rita Miscioscia e Antonello Esposito -. Questi progetti danno un valore aggiunto sociale alle comunità in cui si realizzano sono finalizzati a trasmettere valori radicati a voi che riconoscete l’importanza dell’impegno civico e volontario. Il fatto che sarete destinati a due strutture che consideriamo fiore all’occhiello del nostro patrimonio, il Parco della Biodiversità e il Museo Storico Militare che assieme elevano il prestigio della Provincia a livello nazionale, spiega come la salvaguardia e la valorizzazione di questi luoghi siano considerate da sempre una priorità per la nostra Amministrazione che si è impegnata al massimo per preservarle e rilanciarle. Puntiamo su di voi – ha detto ancora il presidente Bruno – sulla vostra professionalità. Così come crediamo che l’attività svolta ai Centri per l’impiego accrescerà, proprio nel contatto con il pubblico, la vostra attenzione al mondo del lavoro. Questi progetti hanno una utilità vera: da oggi avrete l’occasione di fare esperienze che accresceranno il vostro bagaglio umano e culturale, e noi staremo al vostro fianco”.

Inizia ricerca in musicoterapia all’interno del CSM di Lamezia Terme, area territoriale del Reventino

Equipe Lab Musicoterapia 01Catanzaro  – Un’importante attività di ricerca denominata “SENTIRE - RICONOSCERE - CONDIVIDERE: Musicoterapia per la consapevolezza emotiva” è stata avviata all’interno del CSM di Lamezia Terme, area territoriale del Reventino. L’iniziativa è stata promossa dal Laboratorio Permanente di Musicoterapia che opera all’interno del Centro Diurno di Decollatura da ottobre 2016, grazie alla sensibilità del dott. Giuseppe Perri, direttore generale dell’ASP di Catanzaro, alla lungimiranza del dott.ssa Rosina Manfredi, direttore del CSM di Lamezia Terme ed alla preziosa collaborazione del dottore Antonio Lucchino, responsabile dell’area territoriale del Reventino.
Il progetto, che coinvolge attivamente i pazienti seguiti presso la sede di Decollatura e che si concluderà nel mese di marzo 2018, ha come scopo valutare nella pratica clinica l’efficacia di trattamenti musicoterapici in aggiunta al trattamento standard sulla condizione clinica globale del paziente, sul funzionamento complessivo e sulla qualità della vita, concentrandosi in maniera specifica sulla alessitimia - l’incapacità cioè di riconoscere le proprie emozioni e di comunicarle verbalmente - e su un possibile percorso di riabilitazione della intelligenza emotiva da compiersi attraverso la musicoterapia.
La musicoterapia è un approccio terapeutico/riabilitativo centrato su un processo interpersonale nel quale il suono e la musica vengono impiegati in tutti i loro aspetti (percettivi, motori, emotivi, mentali, sociali ed estetici) per rispondere al disagio e alla sofferenza collegati a patologie fisiche e/o psichiche, per facilitare l’ascolto, la comunicazione e per valorizzare le abilità e lo stile espressivo di ogni individuo agendo sulla globalità della sua condizione. Non ancora presente in maniera strutturata all’interno del SSN è tuttavia ampiamente utilizzata grazie alla stipula di convenzioni con Associazioni, Cooperative ed enti che la promuovono.
Quella del musicoterapista è una figura professionale emergente, già impiegata nel panorama nazionale attraverso l’utilizzazione dell’art. 15 octies della legge 502/92 ed a livello definitivo è prevista la sua collocazione nell’area delle professioni sociosanitarie della stessa legge, area attualmente in via di attivazione.
La musica produce effetti importanti sui nostri ritmi biologici, sul sistema neuro-vegetativo e sulla nostra psiche: può rilassarci, stimolarci, favorire l’auto-espressione a livello profondo facilitando lo sviluppo del pensiero e la condivisione degli affetti; è presente in tutte le fasi della nostra vita scandendone i tempi, le emozioni e i sentimenti. La musica, inoltre, ha una forte valenza sul piano sociale e comunicativo e rappresenta, soprattutto in adolescenza, un campo di intensa esperienza e sperimentazione identitaria.
In musicoterapia il termine “musica” è utilizzato nella sua accezione più ampia di “universo sonoro” poiché la scelta e la manipolazione del materiale sonoro avvengono in funzione dello sviluppo di una relazione orientata all’ascolto dei bisogni del paziente. In musicoterapia il “fare” musica deve essere il risultato di un sentire e pensare l’altro musicalmente. É proprio questa operazione che rende possibile l’apertura di un piano comunicativo all’interno del quale perseguire la comprensione dello “stile” espressivo del soggetto e agevolare, in quest’ultimo, il riconoscimento del proprio progetto espressivo e delle relative valenze.
Nel processo terapeutico la musica ha dunque il potere di attivare relazioni: tra le nostre parti interne, tra paziente e terapeuta, tra noi, gli altri e il mondo esterno, tra noi e la musica stessa. Tutti questi sono elementi dinamici utilizzati e finalizzati al perseguimento di obiettivi riabilitativo-terapeutici.
Le attività di ricerca, supervisionate dal dott. Pietro Scardamaglia, saranno dirette dalla dott.ssa Francesca M. Rubbettino - musicoterapeuta, che già da diversi anni collabora con l’ASP di Catanzaro - coadiuvata dal tecnico della riabilitazione psichiatrica Giuseppina Pastore e dalla psicologa in formazione Ilaria Zaffina. Fondamentale nella promozione del progetto di ricerca è stato il supporto dell’ associazione New DayOnlus e dell’ associazione MUSICAmi.
I risultati della ricerca, che ha ottenuto il patrocinio del Consiglio Unitario Musicoterapisti Italiani CUM Sanità e dell’ ISSM P.I. Tchaikovsky di Nocera Terinese, saranno presentati nel mese di marzo 2018.

Naturium e “Felici da Matti”: quando l'azienda è etica, solidale ed ecologica

nesciroccellaEtica, solidarietà, innovazione, ecologia. Sono i principi che il progetto culturale “Naturium” ricerca all'interno del tessuto imprenditoriale calabrese e valorizza attraverso una serie di iniziative mirate. Da qui nasce l'incontro con la cooperativa sociale “Felici da Matti” di Roccella Jonica (Rc). Persone che, ispirate dalle idee di mons. Bregantini, hanno deciso di impegnarsi sul territorio per promuovere l'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati. “Naturium” e “Felici da Matti” hanno proposto insieme, a Montepaone Lido (Cz), un incontro culturale finalizzato alla presentazione dei prodotti detergenti per la pulizia della casa della linea “Bergolio Eco3” che l'azienda di Roccella realizza attraverso il riciclo dell'olio esausto, con una speciale formula ecologica a basso impatto ambientale. La linea comprende: detersivo, sgrassatore e sapone solido. Gli oli essenziali utilizzati (bergamotto, limone, eucalipto) restituiscono un fresco profumo e una efficacia garantita sullo sporco più difficile. In più, c'è un doppio valore aggiunto: il “made in Calabria” e le certificazioni rigorosamente “green”. Maria Teresa Nesci ha raccontato ai presenti la storia di “Felici da Matti”, cooperativa attiva fin dal 2003, citando un particolare aneddoto riferito proprio al marchio “Bergolio”. Lo spunto iniziale per dare il nome ai prodotti è stato molto semplice e naturale: unire bergamotto e olio in un unico contrassegno ben identificabile. Berg-olio, appunto. Però, subito dopo il lancio della linea ecco arrivare l'elezione di Papa Francesco, il cui cognome (Bergoglio) poteva, magari, suscitare qualche equivoco sulla scelta operata dall'azienda calabrese. “Abbiamo scritto a Papa Francesco - ha spiegato Maria Teresa Nesci - illustrando la nostra storia e dicendo che se il nome Bergolio poteva rappresentare un danno per lui, lo avremmo subito ritirato. Ebbene, il Santo Padre ci ha risposto, mandandoci la sua benedizione...”.

Soverato, Giovedì 14 dicembre presentazione del libro “A schema libero” di Lou Palanca

Incontro Palanca 14dic17 locandina 5 page 001 CopiaDa “Boia chi molla” alla strana morte della dirigente comunale di Reggio Calabria, un susseguirsi di avvenimenti che ci raccontano di una Calabria avvolta in trame opache, condizionata da politici inquinati e collusi, servizi deviati e mafia emergente.Giovedì prossimo, alle ore 18:00, nella Sala consiliare del Comune di Soverato, ne parleremo con Nicola Fiorita, del collettivo Lou Palanca, e con Ernesto Alecci, Sindaco di Soverato, coordinati dalla giornalista Rossella Galati.

Serra San Bruno, Nicola Tassone referente di Noi con Salvini

nicola tassoneIl Coordinatore Regionale On. Domenico Furgiuele su proposta di Antonio Piserà, Coordinatore Provinciale di Noi Con Salvini, ha provveduto a nominare referente cittadino di Serra San Bruno, Nicola Tassone poliziotto in pensione e già dirigente di di formazioni politiche di destra. Anche nelle Serre Vibonesi, crescono i consensi per Matteo Salvini, storico feudo del Partito Democratico, molti i delusi per le mancate risposte per un territorio che ha molte risorse, ma che fino ad oggi sono solo state di promesse fine a se stesse. Molti cittadini guardano con particolare attenzione alla “Rivoluzione del Buon Senso” del leader Matteo Salvini, proposte concrete di un progetto valido da nord a sud: - Tassa Unica al 15% (aliquota equa per il nostro sistema economico) che è l’unico strumento che ridarà fiato a famiglie e imprese; - Abrogazione della legge Fornero, dopo anni di lavoro la pensione è un diritto.  Taglio della bolletta di luce e gas, con un piano nazionale per la creazione di centrali intelligenti di nuove generazioni crete sui territori. La nomina di Tassone, appassionato di politica particolarmente attento alle problematiche del territorio e del sociale.
Tassone guida un nutrito gruppo di iscritti e simpatizzanti, da circa 6 mesi lavora nel territorio serrese per organizzare il movimento di Noi Con Salvini, al fine di radicare in maniera organica, funzionale e per dare un riferimento ai numerosi simpatizzanti salviniani della zona. L’attivismo di Tassone, sono certo che darà buoni risultati per la crescita del movimento e per avvicinare giovani e meno giovani alla politica, è una persona pragmatica interessato soprattutto alla soluzione dei problemi concreti che affliggono il territorio. Tassone ha annunciato delle iniziative sul territorio serrese, per radicare maggiormente il movimento.

Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale Basso Ionio, soddisfazione per i risultati raggiunti

an basso ionioAntonio Corasaniti, responsabile territoriale dei comuni del Basso-Ionio di Fratelli d’Italia, di ritorno dal congresso nazionale del partito tenutosi a Trieste nei giorni 2 e 3 u.s. esprime la sua soddisfazione per i risultati raggiunti e fissa i prossimi obiettivi. A nome di tutto il circolo territoriale Basso-Ionio di Fratelli d’Italia spiega come risulti d’obbligo, e allo stesso tempo estremamente doveroso, considerare il risultato raggiunto non come un traguardo, ma come punto di partenza affinché il lavoro svolto sinora coinvolga sempre più soggetti nel nostro territorio disposti a dare il loro contributo per la crescita del partito nel territorio del Basso-Ionio.
“La crescita di Fratelli d’Italia nel territorio e la nomina di ben 8 delegati al congresso Nazionale su 30 concessi alla provincia di Catanzaro” – afferma Corasaniti – “sono frutto dell’impegno e del lavoro fin qui svolto da tutti i soggetti coinvolti in questo progetto di sinergia fra i comuni dell’area del basso-ionio che hanno la ferma convinzione di superare le inutili “beghe di paese” e ampliare l’orizzonte dell’azione politica.”
Continua poi annunciando l’elezione di Marrapodi del circolo di Soverato a delegato all’assemblea nazionale di Fratelli d’Italia e conclude ringraziando il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Rosario Aversa per il supporto ricevuto e annunciando la nomina nei prossimi giorni, di nuovi responsabili cittadini del circolo Basso-Ionio Fratelli d’Italia.

Catanzaro Calcio fermo per il turno di riposo, martedì riprenderanno gli allenamenti in vista della Paganese

Us Catanzaro logoCATANZARO - Domenica di riposo per il Catanzaro per la diciottesima giornata del girone meridionale di Serie C. Una domenica ‘strana’ per ogni tifoso giallorosso che già non vede l'ora arrivi domenica prossima, giorno in cui di fronte a Nordi e soci ci sarà la Paganese. È stata una settimana di allenamenti e test per la squadra allenata da Davide Dionigi, culminata con il weekend di pausa che si prolungherà fino a domani, martedì è prevista la ripresa degli allenamenti. Il tecnico modenese del Catanzaro ha potuto seguire gli sviluppi dei recuperi di Infantino, Letizia, Gambaretti e Cunzi, ognuno alle prese con guai fisici, tuttavia solo il primo sembrerebbe aver risolto i problemi, mentre per gli altri ci vorrà ancora un po' di tempo. Alle porte c'è una settimana importante per le ‘Aquile’, prima della sfida di domenica prossima al “Nicola Ceravolo” c'è un altro argomento per cui l’ambiente giallorosso è in trepida attesa, la spinosa vicenda Money Gate che ha coinvolto la vecchia proprietà della società giallorossa (la gestione Cosentino) e l’Avellino; il 15 dicembre è il giorno della sentenza presso il Tribunale Federale a seguito del deferimento inflitto poche settimane fa, in quella data si saprà a cosa può andare in contro il Catanzaro.

Francesco Gioffrè

Volley Soverato: pronto riscatto, a Caserta tre punti importanti

Tulip Volalto Caserta 0
Volley Soverato 3

Parziali set: 24/26; 25/27; 20/25

TULIP VOLALTO CASERTA: Abbate ne, Silotto 6, Barone (L), Cvetnic 12, Denysova 16, Sgherza ne, Marangon, Tajè 6, Mabilo 3, Savinelli ne, Manig 4, Forte ne. Coach: Arcangelo Madonna

VOLLEY SOVERATO: Bacciottini , Millesimo ne, Formenti (L), Bertone 3, Donà (K) 8, Gray 18, Frigo 7, Pizzasegola 3, Valli 1, Caforio (L), Taborelli 1, Mc Mahon 15. Coach: Leonardo Barbieri

ARBITRI: Traversa Nicola - Somansino Alessandro

DURATA SET: 26', 31', 22'. Tot 1h19'

MURI: Caserta 3, Soverato 6

Cas SovPronto riscatto del Volley Soverato che espugna Caserta superando le padrone di casa della Golden Tulip Volalto per tre set a zero. Tre punti che arrivano dopo il ko interno al tie break con Ravenna per le ragazze guidate da coach Leonardo Barbieri. Il Soverato, dunque, riprende la marcia e rimane in scia della capolista Chieri; non è stato facile per le calabresi contro l'orgoglio e la determinazione delle campane che nonostante le emergenze dell'ultimo periodo si stanno battendo in campo uscendo a testa alta come da parziali. Passiamo al match. Padrone di casa che si affidano al seguente sestetto: Manig alzatrice e Denysova opposto, al centro Mabilo e Tajè, schiacciatrici Cvetnic e Silotto mentre il libero è Barone.Le calabresi di coach Barbieri schierano la diagonale Pizzasegola – Mc Mahon, al centro la coppia Frigo - Bertone, schiacciatrici Donà e Gray con libero Giorgia Caforio. Sugli spalti presenti anche alcuni tifosi del Soverato che non hanno voluto far mancare il sostegno alle ragazze del presidente Matozzo. Soverato parte forte ed è subito sullo 0-4 ma le locali di coach Madonna non ci stanno e poco dopo si riavvicinano alle calabresi nel punteggio, 3-5. Caserta raggiunge la parità 8-8 e sotto 8-10 coach Madonna chiama il suo primo time out. E' una Volalto Caserta molto determinata in questo inizio di match e le campane raggiungono nuovamente Soverato e sul 11-11 il time out è per coach Barbieri. Al rientro primo breve allungo Caserta sul 13-11 ma poco dopo è ancora parità 15-15. Sul 17-17, Soverato allunga di due e sul 18-21 coach Madonna chiama tempo. Al rientro le biancorosse ospiti sono decise a chiudere il set e allungano 19-23 ma Caserta rosicchia due punti ed arriva un altro time out per Soverato sul 21-23. Altri due punti delle rosanero ed è parità 23-23 ma il primo set point è per Soverato che però lo spreca, andando così ai vantaggi, 24-24. Gray si guadagna il secondo point con Formenti in campo per Caforio nel ruolo di libero; Mc Mahon chiude il primo set 24/26. Tiene testa alle più quotate avversarie la squadra di casa e nel secondo set il punteggio è costantemente in equilibrio all'inizio sul 8-8 e a metà parziale con le squadre appaiate sul 15-15; Soverato allunga però 15-18 ed è time out Volalto. Al rientro Soverato spinge ancora e si porta sul più cinque, 16-21. Squadre divise da tre punti, 20-23 con le ioniche che guadagnano quattro palle set, 20-24; Caserta annulla tre palle set, 23-24 ed è time out calabrese. E' pareggio Volalto al rientro e squadre nuovamente ai vantaggi 24-24 con Gray che mette a terra il 24-25 con nuova parità delle locali. Soverato riesce a chiudere alla sesta palla set per 25/27 portandosi sul doppio vantaggio. Inizia il terzo set con il punteggio in equilibri sul 5-5 e Soverato che tenta l'allungo 5-8 prontamente ripreso da Tajè e compagne; ancora più due per le calabresi e coach Madonna chiama time out sul 8-12. Mantiene quattro punti di vantaggio Soverato, 11-15 con la squadra di Barbieri che vuole chiudere la contesa e allunga ancora, 14-20. Nonostante tanta volontà questa volta non riesce la rimonta alle campane e Soverato chiude il match con il punteggio di 20/25 con punto finale di Alexa Gray. Le "cavallucce marine" con questo successo salgono a ventinove punti in classifica e guardano con fiducia e guardano ottimiste al turno infrasettimanale di mercoledi a Trento.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa