all
Menu

'Ndrangheta: domani all'alba i funerali di Priolo

Questura RCGIOIA TAURO - Il questore di Reggio Calabria, Carmelo Casabona, per motivi di ordine pubblico, ha disposto i funerali in forma privata, per domani mattina all'alba, di Giuseppe Priolo, cinquantunenne ucciso domenica scorsa a Gioia Tauro. Priolo, era parente dei Piromalli, e per gli investigatori era inserito nella cosca.

La Redazione

Carcere di Siano: detenuto romeno suicida

carcere di_SianoCATANZARO - Un ragazzo romeno di 25 anni si é suicidato nella cella del carcere di Catanzaro dove era detenuto da solo. La notizia è stata diffusa dal segretario nazionale del Sappe, Damiano Bellucci, e dal segretario generale aggiunto, Giovanni Battista Durante. Il ragazzo si è tolto la vita impiccandosi. In Calabria i detenuti presenti sono più di 3.000, per una capienza regolamentare di 1.875 posti. A Catanzaro i detenuti sono circa 600, per una capienza regolamentare di 354 posti. (ANSA).

Gruppo "Primavera andreolese": Solidarietà al sig. Pasqualino Carioti

logo primavera-andreoleseEsprimiamo solidarietà e vicinanza al signor Pasqualino Carioti, vittima di una rapina nel quale è rimasto ferito a seguito di un colpo di arma da fuoco. Esprimiamo la nostra netta condanna nei confronti di questo atto delinquenziale, l'ennesimo, che questa volta ha raggiunto un elevato livello di tragicità, in quanto per un puro caso, non ci è scappato il morto. Questo grave atto delittuoso, in particolare, e tutti gli altri episodi delinquenziali che si sono verificati in questo ultimo periodo, minano le fondamenta del vivere civile e la tranquillità della nostra comunità.

Lì 28-02-2012

Gruppo consiliare "Primavera andreolese"

Soverato, continuano le proteste per la situazione delle scuole

Soverato, continuano le proteste per la situazione delle scuole - 5.0 su 5 basato su 1 voto

SOVERATO - Continua a tenere “banco” la questione relativa all'edilizia scolastica nelle scuole soveratesi. Sotto accusa sono finite le strutture dipendenti dalla provincia di Catanzaro, realizzate seguendo norme che, alla luce di quanto osservato oggi, sembrano essere discutibili. Si alternano le proteste per aule e ambienti non adeguati al numero di alunni che le frequentano e, sopratutto, per le carenze pesanti tra cui l'assenza di una palestra che non viene realizzata neppure nelle nuovissime strutture consegnate pochi anni fa. Istituto Tecnico Commerciale, Istituto Alberghiero, Liceo Scientifico, Istituto per Geometri, tutte figlie della stessa mamma inadempiente, che non motiva le ragioni per cui non sfrutta le aree messe a disposizione dal Comune per superare i problemi al momento esistenti. Non solo carenze alla base, ma progetti che, denunciano genitori e alunni, potrebbero non essere concepiti a dovere considerando la situazione della struttura nei giorni dell'alluvione che aveva trasformato i luoghi frequentati dagli alunni, in ambienti non a norma di sicurezza. Tutto però al momento tace dalle sale di Palazzo di Vetro da cui non arrivano risposte alle sollecitazioni fatte negli ultimi anni. Intanto la situazione più grave rimane quella del trasferimento di alcune classi in sedi periferiche e addirittura nei comuni limitrofi tra cui quello di Satriano Marina. Una perdita economica per una cittadina che forse ha troppe volte sottovalutato la ricchezza che proviene dagli istituti di istruzione secondaria, vero motore propulsore della vita, anche sociale, di tutto il comprensorio. Una domanda però nasce spontanea: la tanto sbandierata vicinanza politica della Provincia di Catanzaro a paesi che si sono rivelati fedeli al centrodestra, come Soverato e Montepaone solo per fare un esempio, non potrebbe essere sfruttata in maniera costruttiva per risolvere una situazione che coinvolge alunni di più paesi?

Tutti i sindaci del basso ionio che alle scuole di Soverato affidano i propri figli, hanno fatto un'azione di protesta unica e coordinata per tentare di risolvere il problema?

E mentre a Soverato si continua a riflettere, ecco che a completare il quadro arriva l'immagine dell'incompiuta dell'edilizia scolastica locale a solo 3 km dalla perla dello ionio, a Montepaone dove una struttura già terminata (denuncia da tempo il quotidiano Gazzetta del Sud), non è mai entrata in funzione.

SABRINA AMOROSO

Assitur Soverato, vittoria del pubblico e di tutta la società (Video)

Assitur Soverato, vittoria del pubblico e di tutta la società (Video) - 1.0 su 5 basato su 1 voto

Pubblico del_PalaScoppaContinua a regalare forti emozioni l'Assitur Corriere Espresso Soverato. La squadra di coach Breviglieri ha dato spettacolo puro nel turno casalingo contro Busnago vinto nell'ennesimo tie-break della stagione. Un successo strameritato, per voglia di combattere, grinta e tanto cuore messo in campo dalle biancorosse. Un dieci e lode al meraviglioso pubblico del "PalaScoppa" che si è confermato il migliore d' Italia in questa categoria; un tripudio con tante emozioni che hanno accompagnato Glod e compagne in un match che si era messo molto male per le ioniche del presidente Matozzo. Sportivo e corretto come sempre, il pubblico di Soverato, con tanti tifosi anche del comprensorio, ha regalato tante emozioni: all'inizio ricordato, con un lungo striscione, ("La tua scomparsa ha lasciato tanto dolore, il tuo nome per sempre nel nostro cuore"), il "mitico" Michelino De Pace ad una anno dalla sua tragica scomparsa. Dopo il primo set, perso dal Soverato, altro grande e simpaticissimo striscione: "Sole e mare, passione e tradizione, rispetto e civiltà, benvenuti a Soverato"; con questa simpatica frase gli ultras hanno voluto rispondere ai poco simpatici cori dell'andata riservati alle "cavallucce marine". Grande superiorità e intelligenza quindi, da parte di tutti, e tifo incessante per tutte le quasi due ore e mezza di gara. Un grande match, dove le indemoniate Crozzolin e Boscacci hanno trascinato la squadra verso un successo difficile e importante; come sempre, quando sembra che si tocchi il fondo durante la gara, con una grande reazione, ed un enorme spirito di sacrificio, le biancorosse si rialzano e mettono sotto chiunque, trasmettendo forti e sentite emozioni ai tifosi. E' veramente difficile giocare nella bolgia del "PalaScoppa", e questo Busnago, lo ha potuto constatare; un "inferno" dove anche le ragazze hanno difficoltà a comunicare tra di loro. Emozioni, emozioni grandi che coach Breviglieri e le sue ragazze regalano sempre e comunque; una squadra che non muore mai alla quale bisogna dire solo grazie. Un coinvolgimento generale di tutto l'ambiente biancorosso, che sogna ad occhi aperti un futuro ricco di soddisfazioni; con questa società seria, che anche domenica ha avuto la sua personale soddisfazione (ricordiamo che Busnago e altre due squadre sono state penalizzate per irregolarità nei pagamenti), sognare per il futuro è lecito. Costruire qualcosa d'importante, giorno dopo giorno, per regalare a Soverato e a tutta la Calabria, la possibilità di salire sempre più in alto. Grazie pubblico, grazie Breviglieri (con tutto lo staff), grazie ragazze!

Saverio Maiolo

Fonte: Ufficio Stampa Assitur Corriere Espresso Soverato

Regione: finanziati 18 progetti per la valorizzazione dei musei

Mario CaligiuriL'assessore regionale alla Cultura, Mario Caligiuri  (in foto), interviene sulla pubblicazione dei finanziamenti per progetti sulla qualificazione e la valorizzazione del sistema museale. "In un momento di gravi tagli alla cultura – ha affermato Caligiuri - la Regione Calabria investe oltre quattro milioni di euro che andranno a finanziare diciotto progetti sui musei". I progetti selezionati riguardano i musei di Altomonte, Cosenza, Rende, Reggio Calabria, Catanzaro, Palmi, Seminara, Acri, Squillace, Stalettì, Montauro, Cetraro, Taverna, Tarsia, oltre alla Casa religiosa di Serra San Bruno, l'Arcidiocesi di Crotone e Santa Severina, la Fondazione "Napoli novantanove", il Piccolo museo "San Paolo" di Reggio Calabria ed il Centro per l'arte "Capizzano". Nella prossima settimana è in programma una conferenza stampa con lo stesso Caligiuri, il Presidente Scopelliti ed i destinatari dei finanziamenti, non solo per comunicare ufficialmente gli stanziamenti ma, soprattutto, per ribadire la necessità di una visione unitaria dell'offerta culturale allo scopo di creare una rete dei musei calabresi. La graduatoria si trova in preinformazione sui siti www.regione.calabria.it e www.conoscenzacalabria.it. A breve sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Calabria. 

Un deposito di auto rubate scoperto a Catanzaro

cementificio czCATANZARO - Un vero e proprio deposito di auto rubate alle porte del capoluogo è quello scoperto nel corso di un controllo del territorio predisposto dall'ufficio alla prevenzione generale della questura di Catanzaro diretto dal commissario capo, Massimiliano Russo. A seguito di un'ampia perlustrazione, in via Lucrezia della Valle in un deposito abbandonato di una vecchia ditta di cementi, gli agenti hanno ritrovato una serie di auto rubate da ignoti nei giorni scorsi. Si pensa ad un banda ben organizzata che per compiere i furti usava la tecnica già vista delle “centraline decodificate”. In pratica per eludere il sistema di sicurezza regolato dai codici contenuti dalle chiavi originali i ladri staccavano la centralina di connessione del motore dal quadro di accensione per neutralizzare il blocco elettronico all'avviamento rendendo inutile il codice delle chiavi originali e rubare così agevolmente il mezzo. Nell'area scoperta dai militari, sono state rinvenute auto rubate nei giorni scorsi, tutte Fiat (una Bravo una Panda e tre Seicento) probabilmente destinate al mercato nero dei ricambi.

SABRINA AMOROSO

Invito partecipazione assemblea "Salviamo il paesaggio"

Invito partecipazione assemblea "Salviamo il paesaggio" - 5.0 su 5 basato su 1 voto

logo Salviamo_il_paesaggioL'invito che trovate in allegato in fono alla pagina, è rivolto a quanti hanno già aderito al Forum Salviamo il paesaggio-difendiamo i territori o che intendono farlo. Il Forum Nazionale vuole coinvolgere il maggior numero possibile di soggetti in una rete che condivida gli stessi valori elementari, e sensibilizzare il nostro Paese su uno dei più grandi scempi che sta subendo, sotto silenzio e da troppo tempo: il consumo del suolo libero e fertile a favore di cemento e asfalto. Ci rivolgiamo in questo momento ai cittadini, alle associazioni, agli enti locali,alle scuole per creare una rete e dare vita al forum locale per la provincia di Catanzaro. Attraverso tutti voi, possiamo trasmettere l'invito anche ad altri, perché nelle prossime settimane avremo bisogno di molte energie. L'assemblea che si terrà sabato 10 marzo a Soverato, avrà carattere operativo e sono sempre graditi i contributi che verranno da tutti voi in qualsiasi momento. Saremo ospitati dall'Istituto Superiore per Geometri "G. Malafarina" di Soverato, che ha stretto un protocollo d'intesa con la condotta Slow Food Soverato Versante Jonico, condividendo gli obiettivi ed il manifesto del Forum perché i temi della tutela del paesaggio e della difesa del territorio riguardano tutti e la scuola rappresenta un luogo importante per sensibilizzare le coscienze ed attivare esperienze di partecipazione democratica al processo decisionale ed alle politiche pubbliche. Concludo con alcuni numeri per farvi capire la portata di quello che stiamo facendo: sono 70 i comitati già costituiti- Le organizzazioni aderenti sono 589(64 associazioni nazionali + 526 associazioni/comitati locali). E tra questi ci siamo anche noi.

Cordiali saluti

arch. Marisa Gigliotti (referente comitato locale provincia di Catanzaro)

Incendio sulla strada provinciale 150 Cardinale -Simbario

Vigili del_FuocoCARDINALE – Nella tarda serata di ieri, sulla strada Provinciale 150 Cardinale-Simbario, in località "Lombato", si sono vissuti momenti di panico: tre operai dell'impresa "Olidrag", impegnata nei lavori della "Trasversale delle Serre", stavano facendo rientro a Simbario, dopo aver svolto il proprio turno di lavoro, su un autocarro furgonato. Durante il tragitto, sentendo puzza di bruciato, hanno subito capito che il mezzo si stava incendiando. Appena scesi dal mezzo, lo stesso, è stato avvolto da lunghe fiamme. Nonostante fosse stato inserito il freno a mano prima di scendere, il mezzo si è iniziato a muovere a ritroso, andando a finire nella corsia opposta, arrestandosi sul guardrail, penzolante sul sottostante strapiombo. I vigili del fuoco di Serra San Bruno, subito allertati, sono giunti sul posto per domare le fiamme, anche se il mezzo era andato ormai distrutto. Per fortuna, gli operai hanno subito solo un grande spavento, ed il loro intervento per bloccare il traffico, ha scongiurato eventuali gravi conseguenze per gli automobilisti di passaggio.

La Redazione

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa