all
Menu

Incendiata un'auto nella notte a Soverato

Incendiata un'auto nella notte a Soverato - 3.3 su 5 basato su 4 voti

auto incendiata a Soverato 19-06-2012SOVERATO - Paura nella notte a Soverato per l'incendio di un'autovettura (in foto) di proprietà di una società di Parma impegnata nella costruzione del metanodotto. Il mezzo era parcheggiato in via Calabretta quando sono improvvisamente divampate le fiamme. Ad Intervenire per primi i Vigili del fuoco giunti da località "Caldarello" con una squadra coordinata da Gianni Fulciniti. Sul posto anche i carabinieri di Soverato per i rilievi di rito che potranno dare risposte certe sulla dinamica dei fatti. Per quanto appreso pare che non si escluda la pista dolosa ma si attendono dichiarazioni ufficiali dagli organi competenti per dare carattere di certezza a quello che al momento rimane un'ipotesi. 

Taverniti e Amoruso convocano i commercianti soveratesi

soverato by nightSembrerebbe quasi una "chiamata alle armi" quella del sindaco e dell'assessore Amoruso. Con una missiva inviata a tutte le attività produttive gli amministratori hanno convocato i commercianti creando "Ad Hoc" un progetto turistico commerciale per "ravvivare" l'estate soveratese. L'assessore Amoruso interpellato da soveratiamo si è trincerato dietro al "no comment" preferendo prima parlare con i diretti interessati del progetto per poi informare gli organi di informazione. Dalla lettera sembra comunque ci sia l'intenzione di proporre, tra l'altro, l'apertura dei negozi in orari serali per aumentare l'offerta turistica soveratese. Di seguito la lettera inviata:

A tutte le attività produttive di Soverato

PROGETTO “ SOVERATO…Shopping by night”

Gent.mi sig.ri,
In un momento particolare di crisi generalizzata è il momento di gettare una rete e cercare di “catturare” i tanti turisti che in estate vivono e risiedono nella cittadina jonica e nel suo comprensorio.

SIETE PERTANTO TUTTI INVITATI a partecipare alla riunione che si terrà GIORNO 20 GIUGNO alle ore 21 presso il MIRAMARE durante la quale verrà esposto un progetto di rilancio dell’attività turistica e commerciale di Soverato.

VI PREGO DI PARTECIPARE NUMEROSI al fine di ottenere il sostegno di tutti i cittadini interessati.

 

IL SINDACO
Ing. Leonardo Taverniti

 

Edicola al Kubo del 19-06-2012 (Video)

Edicola al Kubo del 19-06-2012 (Video) - 4.0 su 5 basato su 1 voto

Foto edicola"Va ora in onda" la terza puntata della rassegna-stampa video di Soveratiamo "Edicola al Kubo". Aumentano gli ospiti del "buongiorno di Soveratiamo". Tra gli "special guest" di oggi, il mitico Giacinto della "Gnagna di Soverato". Come di consueto, i mattatori della rassegna saranno Pietro Mosella ed il "Pres" Corrado Corradini. Buona Visione.

Incidente mortale nella notte a Cinquefrondi: perde la vita un quindicenne

Incidente mortale nella notte a Cinquefrondi: perde la vita un quindicenne - 5.0 su 5 basato su 1 voto

PoliziaCINQUEFRONDI (REGGIO CALABRIA) - Continuano a mietere vittime le strade calabresi. Un ragazzo A.C., di 15 anni, che era alla guida di una minicar è morto in un incidente stradale avvenuto nella notte a Cinquefrondi, nel reggino. L'auto condotta dal ragazzo, che era in compagnia di un coetaneo, è sbandata, per cause in corso di accertamento, andando a finire contro un muro. Il conducente è morto mentre veniva trasportato in ospedale mentre l'altro ragazzo è ricoverato in rianimazione in condizioni gravissime.

La Redazione

Rassegna Stampa del 19/06/2012

rassegna stampa

www.gazzettadelsud.it

Unical, tentata violenza sessuale su una sudentessa spagnola

Il campus universitario di Arcavacata di Rende ancora una volta teatro di una tentata violenza sessuale. Vittima delle attenzione e delle molestie di un balordo una giovane studentessa di 22 anni, spagnola arrivata all’Unical con il progetto Erasmus. La ragazza dopo aver seguito le lezioni verso le otto di sera stava tornando all’alloggio insieme ad una amica quando è stata improvvisamente aggredita da un ragazzo che ha cominciato a palpeggiarla. Lei ha tentato di divincolarsi, ma la stretta era forte.  A questo punto l’amica ha iniziato a picchiare all’aggressore che per qualche minuto ha mollato la presa, ma poi è tornato all’attacco. Momenti concitati, le due ragazze hanno iniziato a chiedere aiuto con tutta la forza che avevano in corpo. Vista la reazione delle due spagnole il ragazzo si è deciso ad allontanarsi. E’ scappato via. Un vero incubo per le studentesse che sono rientrate e si sono chiuse in casa temendo che il balordo rispuntasse. Il giorno dopo hanno deciso di sporgere denuncia e si sono recate alla stazione  dei carabinieri di Rende. Hanno descritto le fasi dell’aggressione, hanno fornito una dettagliata descrizione del giovane e raccontato che nei giorni precedenti lo avevano notato aggirarsi nei pressi della loro abitazione. I militari hanno avviato indagini dopo aver trasmesso l’informativa alla procura bruzia. Negli ambienti investigativi c’è un cauto ottimismo di poter rintracciare l’aggressore grazie all’identikit fornito dalla vittima.

Economia ferma in Calabria Il pil cresce poco

Secondo le indagini dell'Istituto di emissiohttp://soveratiamo.com/administrator/index.php?option=com_k2&view=itemne presso le imprese industriali con almeno 20 addetti, il 53 per cento delle aziende con sede in Calabria ha registrato un calo del fatturato contro il 45 per cento che ha osservato un aumento. Per il 2012, il saldo dei giudizi delle imprese sul fatturato è previsto in peggioramento. Il permanere di ampi margini di capacità inutilizzata e i segnali di ulteriore rallentamento della domanda, a cui si sono associate, a partire dalla seconda parte dell'anno, le tensioni sulle condizioni di finanziamento, hanno ostacolato gli investimenti da parte delle imprese: nel 2011 il saldo tra la percentuale delle aziende che indicano un incremento degli investimenti e quelle che ne indicano un calo é diventato negativo; nel 2012, in base alle indicazioni delle imprese, l'accumulazione di capitale dovrebbe diminuire ancora.Le esportazioni di merci della regione hanno rallentato, continuando a crescere meno di quelle del Mezzogiorno e dell'Italia, per effetto di un forte calo delle vendite verso l'Unione Europea e in particolare verso i paesi in cui è in atto una crisi del debito (Spagna, Grecia, Portogallo).I comparti dell'agro-alimentare, dei prodotti chimici e dei macchinari, che complessivamente costituiscono oltre il 70 per cento delle esportazioni, hanno subito una flessione.

 

www.ilquotidianocalabria.it

Per la procura di Catanzaro è un estortore, per quella di Vibo è una vittima

«Piccola mia, papà parte, ma torna presto». E già sa che è una bugia. Bisbigliata all'orecchio della figlia di 7 anni. Che lo guarda e non capisce, davanti a quegli occhialoni scuri  che nascondono il viso impaurito di chi sa che, per i prossimi sei anni e sei mesi, potrebbe non vedere la luce del sole. Se non, quella che filtra dalle sbarre della cella, del carcere di Siano, dove la polizia lo ha portato, ieri pomeriggio, in esecuzione di una condanna, divenuta definitiva, per estorsione. «Un reato che avrei commesso in concorso con una di quelle persone che proprio io ho denunciato con coraggio per avermi sottoposto per anni ad angherie di ogni tipo per mettere le mani sui soldi miei e della mia famiglia», sbotta Antonio Strano, il commerciante catanzarese di 31 anni, finito al centro di un contorto meccanismo giudiziario che a Vibo lo vede parte offesa («testimone di giustizia», ci tiene a precisare) in un processo attualmente in corso a carico dei tredici presunti usurai da lui denunciati e a Catanzaro colpevole di un reato commesso ai danni di un tossicodipendente - minorenne all'epoca dei fatti  - che lo ha accusato di avergli estorto, tra il 2001 e il 2003, dei soldi che, a dire di Strano, quest'ultimo era stato mandato a recuperare da uno degli strozzini che lo teneva sotto scacco.

Pioggia di investimenti nel Meridione, in Calabria parte a luglio il progetto "città intelligenti"

«DA luglio, per il progetto città-intelligenti, pioveranno sulle regioni della 'convergenza' (Puglia, Calabria, Campania e Sicilia) 300 milioni di euro. Da settembre, 700 milioni andranno al Centro Nord». Il ministro di Istruzione, Università, Ricerca e Innovazione, Francesco Profumo, annuncia una pioggia di investimenti che interesseranno anche la nostra regione, mentre complessivamente delinea un quadro di azioni che puntano ad avvicinare i cittadini alle istituzioni. Per quanto riguarda "città intelligenti", si tratta del progetto europeo Smart City, che intende integrare in un unico modello urbano la tutela ambientale, l'efficienza energetica e la sostenibilità economica.La parola d’ordine è 'wiki-crazia', ovvero «l'iterazione fra amministrazione e cittadino», nell’era della «rivoluzione digitale» che sta vivendo l’Italia, che «per certi aspetti ricorda quella industriale del boom economico degli anni Cinquanta». È il ministro di Istruzione, Università, Ricerca e Innovazione, Francesco Profumo, a illustrare in un’intervista a 'Repubblicà le tappe principali che porteranno alla realizzazione dell’agenda digitale che «cambierà le abitudini degli italiani». Per il ministro l'Italia è pronta a questa. E lo dimostra il fatto che tre ministeri (Miur, Sviluppo Economico e Funzione Pubblica) «hanno lavorato quattro mesi – spiega – per realizzare il Progetto Paese che ci ha chiesto l’Europa». La «digitalizzazione infrastrutturale», osserva Profumo, «riguarderà tutto: e-commerce, e-government, e-democracy, e-partecipation», ma anche i trasporti ("mobilità intelligente») e l’energia ("riducendo al massimo l’impatto ambientale»). Per lo sviluppo della wiki-crazia sono pronti circa due miliardi, spiega il ministro, «il governo ha stanziato per attività di ricerca industriale nel Sud 620 milioni con l’avvio dei progetti a partire da questo mese. Per il centro-Nord dal prossimo settembre saranno disponibili 400 milioni di euro per finanziare i cosiddetti progetti cluster».

 

portale.calabriaora.it

Processo 'Archi-Astrea', chiesti 203 anni di carcere per dodici imputati in abbreviato

Duecentotre anni di carcere. Oltre due secoli di prigione per i dodici imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Sono pene veramente severe quelle richieste dal sostituto procuratore della Dda, Giuseppe Lombardo nell’ambito del processo “Archi-Astrea”. Alla sbarra dodici persone accusate, a vario, di associazione mafiosa ed intestazione fittizia di beni aggravata dalle modalità mafiose. Nella giornata di ieri, il pm ha effettuato una lunga ed articolata requisitoria nel corso della quale sono state ricostruite le fasi salienti dell’indagine “Archi-Astrea”. Lombardo ha passato in rassegna elementi investigativi, intercettazioni, appostamenti e tutto il lavoro svolto dalle forze dell’ordine per arrivare a disarticolare la consorteria mafiosa dei Tegano, facendo anche qualche riferimento a quella dei Labate, operante invece nella zona sud di Reggio Calabria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un allevatore alla Giunta regionale: "Chiudo per la vostra incapacità"

Un allevatore alla Giunta regionale: "Chiudo per la vostra incapacità" - 5.0 su 5 basato su 1 voto

sede Giunta regionaleUMBRIATICO (CROTONE) - Singolare quanto drammatico ciò che scrive un allevatore della provincia di Crotone che chiude la sua azienda: ''Egregi signori, dopo oltre 150 anni di storia la mia azienda zootecnica è arrivata alla fine, e nulla di strano ci sarebbe se non fosse che la responsabilità di questa chiusura non è imputabile ad un andamento negativo del lavoro, ma alle vostre precise responsabilità politiche, ed alla vostra incapacità di gestione''. Lo scrive, in una lettera aperta alla Giunta regionale, un allevatore di Umbriatico, Francesco Martucci, titolare della "Prato Valloncelli". 

La Redazione

Domenico Bevilacqua, capo degli zingari di Catanzaro, torna libero

Domenico Bevilacqua, capo degli zingari di Catanzaro, torna libero - 1.0 su 5 basato su 1 voto

tribunale di CatanzaroCATANZARO - Torna in libertà Domenico Bevilacqua, 51enne di etnia rom, soprannominato "Toro seduto", considerato a capo della criminalità zingara catanzarese, già ritenuto colpevole di estorsione ai danni di un'impresa catanzarese nell'ambito dell'inchiesta "Domino". All'uomo, inizialmente sottoposto a custodia cautelare in carcere, erano stati concessi gli arresti domiciliari per motivi di salute, ma adesso, su istanza dell'avvocato Anselmo Mancuso, Bevilacqua è tornato completamente libero senza alcuna misura cautelare a suo carico. In seguito all'operazione "Domino" l'imputato era stato condannato in primo grado – il 25 novembre del 2009 – a sei anni e mezzo di reclusione. La pena era stata poi scontata a cinque anni in appello, il 3 giugno del 2010. "Toro seduto" è stata l'unica delle persone coinvolte nelle due indagini consecutive "Domino" ed "Effetto domino", ad andare al processo dibattimentale.

La Redazione

Violenza sessuale: studentessa aggredita nel campus dell'Università di Cosenza

Violenza sessuale: studentessa aggredita nel campus dell'Università di Cosenza - 5.0 su 5 basato su 2 voti

Università della CalabriaCOSENZA - Un episodio grave e spiacevole quello successo all'Università della Calabria a Cosenza. Una studentessa spagnola di 22 anni è stata infatti aggredita nel campus dell'Università da un giovane che voleva violentarla. La ragazza, ieri sera, dopo aver seguito le lezioni, stava tornando in alloggio insieme ad una amica quando un giovane ha cominciato a palpeggiarla. L'amica ha colpito l'aggressore che ha mollato la presa per poi tornare all'attacco. Le grida delle due giovani, hanno messo in fuga l'uomo che i carabinieri stanno cercando di identificare. 

La Redazione

Leonardo Taverniti: "Il pavone divenuto struzzo"

Leonardo Taverniti: "Il pavone divenuto struzzo" - 5.0 su 5 basato su 6 voti

tavernitiPubblichiamo integralmente una nota inviataci dal sindaco di Soverato, Leonardo Taverniti, in merito alla  delibera della corte dei conti n. 44, già pubblicata tre giorni fa da Soveratiamo:

Nei giorni scorsi la Corte dei Conti ha comunicato le sue determinazioni sul Conto Consuntivo 2010, rilevando talune criticità. Oggi il documento sarà pubblicato sui media locali così i cittadini potranno farsi la giusta idea!
Cos’è il conto consuntivo?
E’ il documento in cui vengono rappresentati i risultati finanziari della gestione annuale e descritti i fatti finanziariamente rilevanti. E’ immediato capire che la gestione annuale di che trattasi è quella del 2010, cioè gestione Mancini. E non poteva essere altrimenti visto che sono stato eletto sindaco il 17 maggio 2011!
Il dr. Mancini è intervenuto al riguardo sulla stampa affermando di non avere responsabilità al riguardo, non avendo approvato lui quel documento: a questo proposito basta pensare che quel documento ha fotografato l’attività amministrativa messa in atto da Mancini nel 2010, che andava approvato DA LUI entro il 30 aprile 2011, ma Mancini non l’ha fatto e non ha vigilato sull’attività degli uffici !
Non deve meravigliare l’atteggiamento di Mancini in tal senso: cerca infatti di scaricare le responsabilità di una gestione –la sua- che ha saccheggiato il Comune di Soverato, sull’altare del più bieco narcisismo e dell’idolatria della persona. Dopo aver fatto per anni il pavone, dispiegando le sue colorite piume per mostrare la sua bravura nell’operare una politica dissennata che ha messo in ginocchio il Comune di Soverato, di fronte alle precise responsabilità che la Corte dei Conti gli assegna tenta inopinatamente di sottrarsi ad esse facendo lo struzzo, che nasconde la testa nella sabbia per non essere visto (non ho approvato quel documento). Ancora più grave è il fatto che non disdegna anche di calpestare senza remore rapporti umani di semplice amicizia, quale quella di Salvatore Riccio, reo a suo dire di essere stato per soli 16 mesi assessore al bilancio della sua giunta e a cui tenta di addossare disonestamente la responsabilità di quei risultati, frutto di 10 anni di amministrazione scellerata guidata dalla sola mano di Mancini. Il che la dice lunga sull’uomo che già in passato aveva dato chiari esempi di cosa sia per lui l’amicizia! E allora se dissesto dovrà essere che dissesto sia !
Se in precedenza ho mostrato la mia netta contrarietà al dissesto perché non volevo toccare il pane dei figli di chi ne ha generato i presupposti, ora, di fronte a tanta irresponsabilità e tracotanza, ritengo sia giunto il momento che chi è causa del suo male deve piangere se stesso.

 

Il sindaco
Leonardo Taverniti

Leggi l'articolo :Gagliardi interviene sulle irregolarità accertate dalla Corte dei Conti

La preghiera è il motore dell’attività dei "Vincenziani"

Volontari VincenzianiC'è ancora bisogno della Preghiera? I "Volontari Vincenziani" sono certi che oggi l'uomo ha più che mai necessità del Trascendente o, per meglio dire, ha bisogno di conservare uno stretto legame con Dio. Difatti, senza questo, la vita scorre vuota e su strade impervie e tortuose verso derive pericolose che, per la loro pervicacia, costituiscono dei veri problemi sociali. "Viviamo in un mondo globalizzato e globalizzante, dove si assiste impotenti o, se volete, rassegnati, alla deriva dei costumi, dei valori e dell'etica – afferma Angela Moraca, presidente dei "Volontari Vincenziani" di Davoli –. Insomma si registra una tangibile 'Hiroshima culturale' e spirituale. Tutti parlano, anzi straparlano e il più delle volte non sanno neppure di cosa, mentre la TV, cattiva maestra, amplifica il loro nulla. Questo inarrestabile livellamento verso il basso della Società porta a un 'Hiroshima culturale' e spirituale che sfalda anche i nuclei familiari. Senza sottacere i mali che affliggono la nostra povera gioventù che, senza lavoro né guide autorevoli, volge i suoi interessi verso 'mete illusorie'. Essa, vaga alla ricerca di falsi paradisi e costosi piaceri che ne annichiliscono i residui valori. L'ultimo malessere, non per importanza, è il diffondersi della ludopatia, oggi finalmente riconosciuto come patologia s'intende combattere con i soliti sconcertanti vacui appelli".
I Vincenziani, secondo gli insegnamenti del fondatore, San Vincenzo De Paoli, sono in prima fila contro ogni deriva e con le loro azioni tendono a contrastare i poteri forti e globalizzanti che vorrebbero ridurre la persona a un numero o, per meglio dire, a merce disponibile per un potere economico che stritola tutto e tutti. La battaglia è così dura che difficilmente, dicono i Vincenziani, se ne potrà venir fuori senza il Trascendente, senza l'invocazione di Dio; in una sola parola, senza la Preghiera.
Gli Associati, il 22 aprile, riuniti per il Convegno regionale che è tenuto nella sala San Francesco della Parrocchia San Bellarmino di Davoli, con l'aiuto delle Sacre Scritture e degli insegnamenti dei padri Cristiani, hanno argomentato con chiarezza e proprietà di linguaggio come sia necessaria - particolarmente in periodi oscuri come i nostri - la Preghiera. "La preghiera – afferma Aldo Marcellino, segretario del gruppo - è la luce, l'unica possibile, che potrà guidarci fuori dalle plumbee nubi che ci avvolgono, salvandoci da questo misero oscurantismo, da questo profondo malessere che potrebbe trasformarsi in disperazione". L'argomento, indubbiamente avvincente, è stato sviluppato dai "Padri Volontari Vincenziani" e dalla Vice presidente Nazionale del Gruppo, Dott. Gargiulo, con l'introduzione della presidente Regionale, Anna Arturi. Avendo seguito i Volontari nell'espletamento della loro missione tutta protesa alla promozione della persona, sono certi che riusciranno a dimostrare come solo e soltanto la costante Preghiera e la fede in Colui che ha fatto il mondo, potranno salvarci dalle "moderne" e pericolosissime miserie.
I Vincenziani in assonanza ai principi e ai valori cristiani hanno organizzato due eventi "particolari", o meglio delle vere e proprie feste che hanno esaltato la il saper fare dei disabili che, alla luce dei risultati, ci piacerebbe chiamare "normabili". L'ultimo evento, di appena domenica passata, ha visto all'opera i giovani dell'Associazione A.FA.Di di Soverato che, in biblioteca, hanno presentato i loro prodotti ed hanno parlato delle tecniche di lavorazione. Una vera festa vedere questi giovani talenti che mostravano con orgoglio i loro prodotti. E noi tutti lì, quasi ammutoliti, felicemente sorpresi da queste straordinarie (dis)abilità!

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa