all
Menu

Avis Soverato: un'altra domenica ricca di donazioni (Foto)

Avis Soverato: un'altra domenica ricca di donazioni (Foto) - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Salvatore Cavallaro_vice-presidente_Avis_SoveratoSOVERATO – Un'altra domenica all'insegna della donazione per l'Avis Comunale "Rossella Anastasio" di Soverato che è stata visitata, nella mattinata di ieri, da numerosi volontari, i quali hanno potuto donare il sangue. E' stato allestito infatti un punto di raccolta sangue coordinato dal dinamico vice-presidente vicario, Salvatore Cavallaro, coadiuvato dalle allegre volontarie Federica Corapi e Concetta Martino del Servizio Civile Nazionale accreditate in Avis. La risposta dei donatori alla gentile accoglienza non è stata deludente considerato che sono state ben 42 le unità di sangue raccolte e 3 donatori, apparsi molto rammaricati, non hanno potuto assolvere al loro bisogno di altruismo per temporanea inidoneità. Un bel da fare quindi anche per l'equipe sanitaria coordinata dal dott. Antonio Nisticò, direttore sanitario della Comunale Avis che, nella giornata, è stato coadiuvato dagli infermieri Pino Ussia e Giovanni Brugnano. L'alta partecipazione di ieri è la prova della grande generosità del popolo avisino fortemente motivato ad assolvere un compito di elevata valenza civile e solidale. Il clima della mattinata è stato caratterizzato dalla gioiosa consapevolezza di partecipare ad una catena di solidarietà fatta di piccoli gesti con risvolti positivi umani e sociali incommensurabili.

A fine giornata sodisfatto il vice-presidente vicario, Salvatore Cavallaro (foto 1), una lunga esperienza in Avis ed un donatori alloperaimpegno che lo porta ad essere da sempre l'anima dell'organizzazione delle raccolte all'interno della caserma di Soverato, ha dichiarato: "Il brillante risultato conseguito oggi è merito della generosità dei tanti donatori che sentono l'intima necessità di assolvere al dovere civico, altruistico, e gratuito di donare il sangue come messaggio di amore e di solidarietà. Desidero ringraziare a nome dell'Avis – ha proseguito Cavallaro - anche i numerosi giovani che, nel corso di questa mattina, si sono avvicinati per la prima volta alla donazione, è per noi motivo di gioia perché, con la loro generosità, contribuiranno a veicolare nei coetanei la cultura della donazione e della solidarietà attiva. La nostra Comunale ha fra gli obbiettivi a breve periodo la formazione del 'Gruppo Giovani', un ambiente ove trovare disponibilità, amicizia e la maniera di attuare in pieno le proprie capacità, in un contesto di amicizia, di lavoro e d'impegno collettivo per sostenere ed appoggiare le tante iniziative che l'Avis porta avanti, molte delle quali hanno bisogno proprio dei giovani."

Tra le donazioni di ieri, ci sono state anche quelle di due persone importante dell'Avis soveratese nel corso degli anni: Antonio Chiaravalloti (foto 3), ovvero uno dei soci cofondatori dell'Avis Soverato, e Nuccio Rosso, già componente del direttivo negli anni passati, e tra i donatori con il più alto numero di donazioni effettuate nella Comunale di Soverato. Il volontario Luigi Squillacioti, con un automezzo dell'Avis Provinciale di Catanzaro, ha curato il trasporto delle unità di sangue raccolte presso il Centro Trasfusionale di Catanzaro dove saranno messe a disposizione, gratuitamente, a quanti ne hanno bisogno.

Pietro Mosella

Guarda la Photogallery

Rassegna Stampa del 26/03/2012

rassegna stampa

www.gazzettadelsud.it

Colpi pistola contro abitazione sindaco in Calabria

Ancora un'intimidazione ai danni di un sindaco in Calabria. Ad essere preso di mira, stavolta, e' stato il primo cittadino di San Calogero, Nicola Brosio. Ignoti hanno sparato 15 colpi di pistola contro la sua abitazione. Nessuna delle persone che erano all'interno, tra cui lo stesso sindaco, e' rimasta ferita. La notte precedente erano stati sparati colpi di pistola contro l'auto e la casa del consigliere comunale Giuseppe Monteleone. Indagano i carabinieri.

Tenta rapina in sala giochi ma c'e' controllo Cc, arrestato

Si presenta con un complice in una sala giochi di Rende per compiervi una rapina, ma non si accorge che nel locale ci sono due carabinieri in borghese che stanno effettuando un controllo e viene arrestato. Il fatto e' accaduto la scorsa notte. L'arrestato e' Francesco Marchiotti, 30 anni. I militari hanno recuperato il fucile a canne mozze risultato rubato ed un passamontagna utilizzati per compiere la rapina. Il complice di Marchiotti e' riuscito a fuggire ed e' ricercato.

Irruzione in circolo ricreativo, ucciso pregiudicato

Omicidio nella tarda serata di ieri in un circolo ricreativo di Reggio Calabria. La vittima e' il gestore del locale, Paolo Munno, 37 anni, pregiudicato per droga e ricettazione. Due persone hanno fatto irruzione nel circolo ed hanno sparato con una pistola contro Munno. Secondo gli accertamenti fatti dai carabinieri, il pregiudicato e' stato raggiunto da quattro colpi alla nuca. La sua morte e' stata istantanea. S'indaga negli ambienti della criminalita' organizzata.


www.ilquotidianodellacalabria.it

Esplosione in casa: tre feriti, uno è grave

Tre persone sono rimaste ferite in un'esplosione avvenuta nel Cosentino, tra i Comuni di Rende e Marano Marchesato, in località Malvitani. Il botto è stato devastante, tanto che le pareti dell'abitazione sono state sventrate: secondo una prima ricostruzione, a causarla è stata una fuga di gas. La casa, attualmente disabitata, pare fosse satura di gas. Uno dei feriti era entrato per effettuare dei lavori, insieme a un collega. Qualcosa ha innescato la reazione esplosiva e la deflagrazione ha travolto in pieno uno dei due, G. R, 37 anni, che ora si trova in gravi condizioni. Per soccorerlo è dovuta intervenire l'eliambulanza che lo ha trasportato prima all'ospedale di Cosenza e poi in un centro specializzato. Anche l'altro operaio è rimasto ferito, ma in modo meno serio. La terza persona coinvolta è una ragazza di 21 anni che abita in un appartamento adiacente: l'esplosione ha fatto crollare la parete della stanza nella quale la giovane dormiva e le macerie le sono cadute addosso.

Sopralluogo alla cittadella regionale Ospiterà 1600 postazioni di lavoro

“La casa dei calabresi” a Germaneto? I numeri al momento al raccontano così. La superficie complessiva dell’area a Germaneto destinata alla cittadella regionale  si estende per oltre 190.000 metri quadrati e ospiterà un complesso edilizio a forma di “C”, composto da tre edifici di cui due a “corpo doppio” ed il terzo a “corpo triplo” che si sviluppano su nove o undici piani, a cui si aggiunge un piano seminterrato.Il complesso nel suo insieme ospiterà la presidenza, gli assessorati e gli uffici operativi della Regione per un totale di 1600 postazioni di lavoro. Come dire la “casa dei calabresi” ha numeri importanti. E ieri mattina elmetto in testa e toni determinati, il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti arriva a Germaneto in un assolato mezzogiorno domenicale insieme all'assessore alle Infrastrutture Giuseppe Gentile per un sopralluogo al cantiere della nuova sede degli Uffici regionali a “Germaneto” di Catanzaro.

 

www.calabriaora.it

Molesta una dottoressa, arrestato

Il 25enne Piergiorgio A., residente a Mendicino, è stato arrestato ieri con l’accusa di atti persecutori ai danni di una dottoressa del Pronto soccorso cosentino dell’età di quarantanove anni. Già in precedenza, il giovane era stato sottoposto all’obbligo di non avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla donna, ma in seguito alla violazione del divieto, il gup Branda del Tribunale di Cosenza ha deciso di inasprire la misura cautelare, assegnandolo ai domiciliari. La vicenda ha avuto origine poco più di due anni fa, quando l’attuale indagato ebbe un serio problema di salute che lo costrinse al ricovero in ospedale. In quella circostanza conobbe il medico, una donna peraltro molto più grande di lui, ma la differenza d’età non impedì a Piergiorgio di innamorarsi di lei. In seguito a quegli eventi, la dottoressa divenne anche amica della famiglia, ma da quel momento in poi, il suo ex paziente iniziò a perseguitarla.
Dapprima, mandandole messaggi d’amore sul cellulare, ma ben presto a ciò si aggiunsero anche ripetute visite sul posto di lavoro, quasi sempre giustificate con finti malesseri. Per ben due volte, il 25enne è stato sottoposto a Tso d’urgenza e otto mesi fa, stanca delle continue e morbose attenzioni ricevute, il medico aveva deciso di denunciarlo cautelativamente. Da qui, il primo provvedimento disposto dalla Procura, che però non ha scoraggiato più di tanto il giovane Piergiorgio. Pochi giorni fa, infatti, si è presentato sul pianerottolo di casa della vittima, chiedendole di sposarlo. Qualche giorno ancora, e un infermiere del Pronto soccorso racconta di averlo visto aggirarsi all’Annunziata, sempre alla ricerca della sua amata dottoressa, dicendosi certo del fatto che, alla fine del mese, sarebbero diventati marito e moglie. Era in evidente stato confusionale e, di certo, la decisione di Branda ha tenuto conto anche di questa circostanza. Piergiorgio A., infatti, non andrà in carcere perché certamente, il comportamento da lui assunto è dettato da problemi psichici. Il giudice ha deciso, pertanto, di spedirlo in una clinica di Castrocaro Terme, in provincia di Forlì, dove operano i medici che, già in passato, s’erano presi cura di lui. A notificargli il provvedimento sono  stati i carabinieri della sezione di polizia giudiziaria (i luogotenenti Piscioneri e Occhiuto, il maresciallo Guida e l’appuntato Godino). Il mendicinese è stato poi autorizzato a raggiungere la struttura sanitaria autonomamente e senza scorta al seguito.










Promozione gir. B: il Montepaone cade in casa, Davoli battuto a Bocale con onore (risultati e classifica)

rigore Novello_MontepaoneMONTEPAONE – Nessun punto per le "soveratesi" di Promozione: il Montepaone è stato sconfitto di misura tra le mura amiche dal Reggiosud, lanciatissimo al terzo posto ed in piena zona play-off. Ospiti che vincono 0-1 grazie alla rete del bomber Ciccio Marino, che ha timbrato il proprio cartellino intorno alla mezz'ora, approfittando di una dormita difensiva. Gara comunque ben giocata dalla formazione di mister Ranieri, che ha dovuto fare i conti con le assenze pesanti per squalifica di Galeano, Chiefari e Pisano; i loro sostituti si sono in ogni caso comportati bene, solamente la sfortuna ha fatto uscire dal campo i "giallo-verdi" con in mano un pugno di mosche. Il Reggiosud di mister Pasquale Rotondo, invece, ha saputo reggere l'urto dei padroni di casa, che attaccavano sbattendo, però, contro il muro difensivo eretto dall'esperto difensore centrale, Bevilacqua, ed è stato audace nello sfruttare al meglio un buco difensivo montepaonese. Prime battute di partita all'insegna della velocità di gioco per entrambe le formazioni, ma le conclusioni finali verso la porta si rivelavano imprecise. Il primo pericolo arriva al 10', quando una punizione di Marino dal limite viene alzata in corner da un tuffo di "Manninger" Emanuele Fiorentino. Reagiscono Francesco Fiorentino e compagni 4' dopo, quando Novello calcia centrale addosso a Saviano. Al 19' ancora ospiti pericolosi con l'ala destra D'Ascola, il cui tiro d'esterno sfiora il palo. La rete che decide il risultato arriva al 25': un calcio d'angolo di Bruno coglie di sorpresa i difensori locali, che si dimenticano di Marino il quale, da dentro l'area piccola, calcia in rete indisturbato. Il Montepaone, che fino a quel momento continuava ad attaccare, accusa il colpo, e crea un po' di confusione in mezzo al campo, soprattutto con i passaggi di Fanello, troppo imprecisi. Fodero, allora, prova a scuotere i suoi, facendo la spola tra la fascia destra e la trequarti, in modo tale da aiutare Novello e il centravanti Domenico Pirrò, troppo isolato. Proprio Fodero ad un minuto dal riposo ha l'occasione del pareggio, ma il suo tiro centrale viene bloccato dal portiere ospite. Nella ripresa è solo Montepaone, che ci prova con ogni mezzo per trovare il goal del pareggio: al 47' Novello calcia alta una punizione dal limite, mentre al 57' è Scarfone ad insidiare Saviano con un colpo di testa, ma l'estremo difensore reggino è attento. Al 62' il Reggiosud rimane in dieci uomini a causa dell'espulsione, per doppia ammonizione, del centrocampista Marco Chilà; potrebbe essere questo l'episodio chiave del match, e di fatto i "giallo-verdi" cominciano a crederci, ma i loro attacchi risultano, ancora una volta, inconcludenti. Al 79' Novello colpisce al volo dopo una mischia da calcio d'angolo, ma la sfera si stampa sul palo. Il finale di gara è emozionante, e i "bianco-blu" ospiti vanno vicini al raddoppio, con una "voleè" di Gianluca Chilà che termina sopra la traversa. All'87' il Montepaone reclama un calcio di rigore: su punizione di Novello, infatti, la sfera viene intercettata da un uomo in barriera, forse con il braccio, ma per Maraniello di Paola è tutto regolare. Tiro dagli undici metri che, però, viene assegnato ai padroni di casa 2' dopo, quando la sfera viene toccata nettamente con la mano da un difensore ospite su colpo di testa di Macrillò: l'argentino Novello, però, manda alle stelle il rigore (foto 1), tra la disperazione dei tifosi, che adesso tremano per la difficile situazione di classifica: si rischiano, infatti, i play-out, evitabili però se si vincono almeno due delle restanti tre partite.

Non sorride nemmeno lo Sporting Davoli, sconfitto nell'anticipo del sabato in quel di Bocale: 2-1 il risultato finale, ma c'èZurlo Davoli da dire che la squadra di mister Danilo Daniele avrebbe meritato, quantomeno, il pareggio, per come è stato condotto l'incontro. Il Davoli, infatti, si presenta al cospetto della nuova capolista (in coabitazione con il Catona, battuto a Taurianova) senza timori reverenziali, con una difesa rocciosa coordinata dal capitano Scorrano, e con le pericolose avanzate di Zurlo. E' il Bocale allenato da Pasquale Casciano, però, a passare in vantaggio, al 26', con la rete di Leo Secondi, che con un tiro al volo su cross di Quattrone supera Iezzi. Le "aquile gialloverdi" pervengono al pareggio al 34' grazie ad Emanuele Zurlo (foto 2), bravo a finalizzare un prezioso assist di Crispino. Ripresa che si gioca sul filo dell'equilibrio, ma proprio a 4' dal termine i padroni di casa trovano la rete della vittoria con la prodezza di Gaetano Cangeri, autore di un "eurogoal" (tiro dal limite dell'area con traiettoria a girare, palla sotto la traversa). Bocale ora in testa alla classifica, mentre il Davoli rimane a metà classifica con 5 punti sulla zona play-out, rimandando l'appuntamento con la salvezza. Prossimo turno il 15 aprile, dopo la lunga sosta pasquale, con Real Catanzaro-Montepaone, e Davoli-Pro Catanzaro, due partite che, forse, decideranno i destini delle formazioni del nostro comprensorio per questa stagione.

Francesco Gioffrè

 

Risultati 27.giornata Promozione gir. B:

Bocale-Sporting Davoli  2-1

Gallicese-Real Catanzaro  1-1

Pro Catanzaro-N.Rizziconese  1-1

Gioiosa Jonica-M.na di Gioiosa  1-1

Montepaone-Reggiosud  0-1

San Calogero-Mamertresilicese  4-0

San Luca-Cittanovese  0-3

Taurianovese-Catona  2-1

 

Classifica (*=1 partita in meno) punti aggiornati a domenica mattina:

1.CATONA 54

2.BOCALE 54

3.REGGIOSUD 50

4.SAN CALOGERO 49

5. TAURIANOVESE 45

6. MARINA DI GIOIOSA 44*

7.REAL CATANZARO 38

8.GIOIOSA JONICA 37

9. DAVOLI 36

10.GALLICESE 36

11.N.RIZZICONESE 36

12 MAMERTRESILICESE 31*

13.MONTEPAONE 31

14.PRO CATANZARO 22

15.CITTANOVESE 20

16.SAN LUCA 3

 

 

Volley, I DIV. Femminile: Davoli k.o. nella sfida alla capolista Lamezia (risultati e classifica)

Pallavolo Davoli_24_marzo_2012SANT'ANDREA SULLO JONIO - Battuta d'arresto per la Pallavolo Davoli, sconfitta in casa dalla capolista Atlas Tecagas Lamezia Terme 1-3, nel quattordicesimo turno. Partita persa malamente per le "azzurre" che potevano portare a casa tranquillamente l'intera posta in palio, visto che, troppi errori difensivi ed offensivi, e poca convinzione nei propri mezzi, hanno di fatto regalato il risultato alla capolista guidata da mister Torchia, sempre più in testa alla classifica. Sestetto di partenza davolese con i centrali Angela Ranieri (capitano) e Martino, bande Chiaravalloti e Nisticò, palleggiatrice Catalogna e nel ruolo di opposto Gidari, mentre le "giallo-blu" lametine rispondono con le schiacciatrici Gualtieri e Malacario, centrale Cugnetto, libero Enrica Gambardella, la palleggiatrice Fico e l'opposto Schirnapi, dotata di una schiacciata molto violenta, che è stata determinante ai fini del risultato finale. Inizio di match caratterizzato dall'equilibrio, con un testa a testa tra le due formazioni fatto di punti ed errori reciproci. Ad un tratto, però, viene fuori Lamezia, che grazie ai punti messi a segno da Cugnetto e Gambardella prende il largo, costringendo il coach davolese, Domenico Lentini, a richiamare per due volte le proprie ragazze, operando altrettanti cambi, sostituendo Angela Ranieri con Mara Ranieri, e Chiaravalloti con Corasaniti. Le sostituzioni sembrerebbero, inizialmente, dare più vivacità al gioco delle padrone di casa, ma sono comunque le ospiti, con la nuova entrata Ruberto, posizionata al centro, e con Malacario, ad avere una spanna in più su tutte le altre in campo, e logica conseguenza è la vittoria del primo set per 15-25. Nel secondo, il Davoli si dimostra più convincente ed aggressivo, più forte anche degli errori arbitrali, con una scatenata Nisticò che mette la firma su gran parte dei punti per la propriaPall. Davoli_24_marzo_2012 squadra. Nei servizi, però, le "Lentini-girls" steccano più volte, ma le lametine accusano un piccolo calo di concentrazione e vengono messe alle corde; così Davoli pareggia i conti sul 25-17. Terzo set che comincia alla grande per Davoli, portatosi addirittura sul 10-2, ed al time-out Torchia spedisce in campo il secondo libero, Palermo. Il vantaggio netto, però, viene incredibilmente sprecato delle padrone di casa, che subiscono la rimonta delle avversarie sul 12 pari, ed ancora sul 15-15; ulteriori amnesie in retroguardia per le "giallo-blu" lametine permettono, poi, a Davoli di riportarsi in avanti (19-17), e proprio nel momento decisivo, quando cioè le "azzurre" sono chiamate a chiudere il discorso, si accende nuovamente la disputa con il 24 pari. Sudatissimo finale di set, con il rientro in campo dell'esperta Mina Scarcella nelle file di Davoli, che si conclude con il secondo acuto delle ospiti, concretizzatosi sul 25-27. Il risultato comincia a pesare sul morale delle davolesi, che infatti iniziano il quarto set in maniera disastrosa: 0-4, causa scarsissima lucidità in difesa. Successivo scatto d'orgoglio, però, per le "azzurre", che ritornano in corsa dopo aver pareggiato 5-5, e anche se vengono commesse altre pecche nei servizi, si riportano in vantaggio, addirittura aumentandolo. Gidari e compagne accarezzano il sogno del 2-2 per agguantare il tie-break, sul parziale di 21-16, ma ancora una volta i soliti appannamenti nelle fasi clou consentono il ritorno dell'Atlas, che pareggia a quota 22. Gli ulteriori tentativi offensivi delle davolesi risultano al quanto sterili ed approfittando di questo, Lamezia si ritrova in vantaggio. Le "azzurre", a questo punto, ricominciano a giocare, dando vita ad un finale di set al cardiopalma, che però premia Lamezia, sul punteggio di 27-29, lasciando le padrone di casa a bocca asciutta. Sabato prossimo, impegno esterno per il Davoli (che si unisce al ricordo di Vigor Bovolenta attraverso la propria pagina Facebook , pubblicando l'immagine dello sfortunato atleta) che andrà a Crotone con l'obiettivo di conquistare la vittoria.

Francesco Gioffrè

 

PALLAVOLO DAVOLI 1

ATLAS TECAGAS LAMEZIA TERME 3

(15-25; 25-17; 25-27; 27-29)

PALLAVOLO DAVOLI: Catalogna, Chiaravalloti, Ranieri A., Ranieri M., Nisticò, Martino, Gidari, Di Cello (L), Corasaniti, Zangari, Mongiardo, Scarcella. All. Lentini.

ATLAS LAMEZIA TERME: Malacario, Ferraiuolo, Gualtieri, Fico A., Fico L.(L), Palermo (L), Cugnetto, Schirnapi, Gambardella E., Gambardella G., Ruberto, Tropea, Rubino. All. Torchia.

ARBITRO: Bressi di Badolato.

 

Risultati 14.giornata (riposa Hotel Cardel Decollatura):

ASD PALLAVOLO DAVOLI-ASD ATLAS TECAGAS LAMEZIA TERME  1-3

ASD FER.PI PIANOPOLI VOLLEY-INTERNATIONAL POWER GIRIFALCO  2-3

TIDECO VOLLEY-PALLAVOLO CROTONE  3-1

CENTRO SPORTIVO GIOVANILE CZ LIDO-LUDENS CATANZARO  3-0

 

Classifica:

1.ATLAS TECAGAS LAMEZIA TERME 35

2.CENTRO SPORTIVO GIOVANILE CZ LIDO 29

3 LUDENS CATANZARO 28

4. ASD PALLAVOLO DAVOLI 25

5.TIDECO VOLLEY TIRIOLO 20

6. ASD FER.PI PIANOPOLI VOLLEY 11

7. INTERNATIONAL POWER GIRIFALCO 9

8. PALLAVOLO CROTONE 8

9.HOTEL CARDEL DECOLLATURA 3

Occasione persa per la Ranieri International a Canicattì

CANICATTI' - Occasione persa per la Ranieri International uscita confitta da Canicattì. La vittoria odierna avrebbe permesso ai “cavallucci marini” di ipotecare un posto Play Off. Canicattì era un avversario  “gestibile”, sulla carta, ma i soveratesi non hanno saputo capitalizzare il vantaggio del pronostico. Inizia subito male la gara per i soveratesi. Un inspiegabile “black out” iniziale permette ai padroni di casa di portarsi sul 12-0 che, alla fine, condiziona tutta la gara. Soverato cerca una reazione ma Infelise, Venuto e Vani sembrano le controfigure di quelli che hanno abituato il Palascoppa ad imprese epiche come quella contro Acireale. Canicattì, compagine imbottita di talentuosi giovani argentini, sente l'odore del sangue della preda e prova ad azzannare con ferocia. Finisce 36-21 il secondo quarto con i soliti Lo Giacco (13) e Rizzo (6) che danno qualcosa in più nelle file soveratesi e Beltran e Cena a fungere da metronomi per la squadra di casa. Nel terzo quarto sembra arrivare la svolta. Venuto prova a dare manforte a Lo Giacco nel gioco offensivo, Rizzo continua la sua gara tutta cuore ed il distacco si riduce a -11. Si rivede in campo anche Barbaro, in ripresa dall'infortunio alla mano, che fa vedere ancora una volta di che pasta sia fatto. 3 punti in un amen e tanto cuore. Nell'ultima frazione Soverato ci crede. Infelise apre le segnature (1 su 10 dal campo per lui). Lo Giacco si inventa una magia sulla rimessa da fondo del Canicattì e, insieme a Mercurio (10) e Rizzo, piazza un parziale di 12 a 4 in favore della Ranieri International che riapre la gara sul 52-49. Canicattì però vuole la vittoria e la sigilla con i canestri in successione di Mauti, Beltran e Cena che alla fine sarà il top scorer della gara. La Ranieri International viene raggiunta in classifica dal San Filippo, vincitore a Ragusa, e rimane appaiato a 24 punti con Rosarno. Proprio le tre compagini saranno protagoniste, nelle ultime quattro gare del campionato, della lotta per i due posti play off disponibili.

La Redazione

 

Energia Italia Canicattì 64

Ranieri International Soverato 53

(18-10, 36-21, 48-37)

Ranieri International: INFELISE 2 , ROTUNDO 3 , VANI 8 , MERCURIO 10 , VENUTO 8 , MASCIARI 0 , BARBARO 3 , LO GIACCO 13 , RIZZO 6.

Energia Italia Canicattì: BISIGNANO 0 , SCOZZARO 11 , CENA 21 , BELTRAN 16 , BRANCATO 0 , CAMPOS 7 , MAUTI 5 , CARCANO 2 , MESSINA 2 .

Volley A2: Giaveno è troppo forte, Assitur Soverato sconfitta 3-1

lAssitur SoveratoGIAVENO – Tutto secondo previsioni al "Pala Reale Mutua" di Giaveno con la capolista piemontese che supera l'Assitur Corriere Espresso Soverato per 3-1 e continua la sua marcia verso la promozione in serie A1. Nulla ha potuto la formazione biancorossa contro le più quotate avversarie che hanno legittimato la vittoria infliggendo severi parziali alle calabresi che, dal canto loro, sono riuscite, quanto meno, ad incamerare un set che era valso il momentaneo pareggio sull'1-1. Il match, valevole per la nona giornata di ritorno, non ha dunque riservato sorprese, rispettando i pronostici della vigilia. Per il Soverato si tratta della terza sconfitta consecutiva anche se non era sicuramente questa la sfida da vincere per la truppa di Breviglieri, per'altro con diversi elementi acciaccati e priva della centrale Diomede. L'avvio di gara è nettamente appannaggio delle locali che prendono il largo già al secondo time-out tecnico e chiudono in scioltezza il primo parziale con un netto 25-16 che non lascia spazio ad interpretazioni. Il secondo set invece, parte all'insegna dell'equilibrio, con un Assitur Soverato volitiva e determinata che tiene testa alle avversarie, giocando punto a punto. Nel finale, con un "colpo di coda" le calabresi riescono ad incamerare (forse anche un po' a sorpresa) il parziale per 21-25 riportando le sorti del match in parità. A questo punto ci si aspetta una partita più piacevole e spettacolare visto il nuovo punteggio di equlibrio, invece il terzo set si rivela un monologo delle padrone di casa che, alzano il livello di gioco, ingranano le "marce alte", non voltandosi più indietro e lasciando solo le "briciole" ad un Soverato in difficoltà ed impotente davanti alla maggiore qualità delle avversarie. Il punteggio dice 25-12 a favore di Giaveno che si porta nuovamente in vantaggio. Nel quarto parziale il leit-motiv è lo stesso del precedente, ovvero Giaveno a metter le "marce alte" sin dall'avvio e l'Assitur che, praticamente, in balia dell'avversario, non riesce a reagire e si "consegna" subendo lo stesso identico punteggio del precedente parziale. Un altro sonoro 25-12 quindi in favore di Giaveno che pone i titoli di coda alla sfida e consegna il bottino pieno alla compagine piemontese che adesso guida la classifica con ben 6 punti di vantaggio su Crema e 7 su Loreto. L'Assitur invece, con questa sconfitta, perde un'altra posizione e scende al nono posto, complice la vittoria di Fontanellato che adesso conta un punto di vantaggio sulla squadra calabrese.

Pietro Mosella

 

BANCA REALE YOYOGURT GIAVENO 3

ASSITUR C.E. SOVERATO 1

(25-16, 21-25, 25-12, 25-12)

GIAVENO: Mastrodicasa 10, Cester 1, Senkova, Angelelli, Molinengo (L), Aricò 21, Luciani 4, Corna 7, Veglia, Beier 13, Cvetanovic 16. Coach: Napolitano.

SOVERATO: Della Rosa, Boscacci 18, Lussana (L), Rotondo 3, Spaccarotella, Mautino 10, Moncada 2, Antonucci 1, Crozzolin 7, Glod 9. Coach: Breviglieri.

ARBITRI: Massimo Rolla e Luca Saltalippi.

NOTE: durata set 24', 29', 22', 25'. Totale: 100'.

Volley C maschile: vittoria con "giallo" per la Fusion Soverato

Volley C maschile: vittoria con "giallo" per la Fusion Soverato - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Fusion Soverato-Autolandia_S._G._in_FioreSOVERATO – Una vittoria così, probabilmente, non l'avrebbe pronosticata nessuno alla vigilia per la Fusion Volley Soverato che "approfitta" (a termini di regolamento) di una situazione d'emergenza degli ospiti ed incamera i tre punti col minimo sforzo per via di un infortunio al giocatore ospite Petrone che ha in pratica "falsato" la gara lasciando la squadra, di fatto, in inferiorità numerica. Vittoria con "giallo" dunque per il sestetto di casa che conquista tre punti fondamentali nella corsa alla salvezza e può tornare a respirare dopo un periodo "nero". Il match ha preso il via sui binari dell'equilibrio anche se, i soveratesi, davano l'impressione di poter prendere il comando della gara. Sul 21-16 sembra fatta per Mazzarelli e compagni ma, un turno di battuta di Salvatore Cocchiero frutta un break di 4-0 che consente agli ospiti di rientrare in partita (21-20). Ciò però, si dimostra un semplice incidente di percorso perché, subito dopo, un primo tempo di Daniele permette ai locali di riconquistare il servizio per poi chiudere il parziale con un contro break di 4-0. Gli ospiti, con soli sette effettivi (compreso il libero) a disposizione, iniziano il secondo set rincorrendo il risultato. Sul 3-2 per la Fusion però, ecco il "colpo di scena": il numero 3 dell'Autolandia, Petrone, s'infortuna, lasciando la squadra in inferiorità numerica (visto che uno dei 6 uomini rimasti è il libero). A questo punto la partita viene sospesa perché il San Giovanni in Fiore non poteva portarla a compimento vista l'inferiorità numerica. Il set, come da regolamento, viene assegnato al Soverato per 25-2. Il terzo set non si gioca e viene assegnato alla Fusion che si aggiudica così la contesa. Sicuramente non è stata una soddisfazione vincere così, come ha affermato la stessa presidentessa del Soverato, Stefania Daniele, in quanto la partita si è giocata solo nel primo set. Per la Fusion rimane solo l'aspetto positivo dei tre punti conquistati anche se, gli stessi giocatori li avrebbero voluti conquistare giocandosi fino in fondo la gara ad armi pari e non con questa situazione di favore che si è venuta a creare durante la gara.

Pietro Mosella

 

FUSION SOVERATO 3

AUTOLANDIA S. G. IN FIORE 0

(25-20, 25-2, 25-0)

SOVERATO: Fontana, Giglio (L), Scibilia, Della Torre, Gatto, Daniele, Pisani, Di Resta, Mazzarelli. All. Pisani.

S. G. IN FIORE: Mazzei, Cocchiero S., Petrone, Adamo, Acciardi, Cocchiero M., Ferrarelli. All. Cocchiero S.

ARBITRI: Vito Cangemi e Antonella Giorla.

Eccellenza, parità tra Palmese e Virtus Soverato

Virtus Soverato_formazioneMARINA DI GIOIOSA – La “pareggite” torna a colpire la Virtus Soverato (foto 1), che dopo essere tornata al successo domenica scorsa, impatta sull’1-1 nel neutro di Marina di Gioiosa, contro la Palmese di mister Giovinazzo. Un punto che non fa felici i padroni di casa, adesso impelagati in piena zona playout, complice la vittoria del Brancaleone in quel di Bovalino, che di fatto ha condannato i padroni di casa alla retrocessione in Promozione. La rete messa a segno dalla Virtus è stata realizzata dal centravanti Raffaele Ortolini (in foto 2), che comunque consente di uscire indenni dalla trasferta, anche se per i “cavallucci marini” si tratta di un ulteriore allontanamento dal quinto posto, appena occupato dal Roccella, corsaro a Guardavalle. Si tornerà in campo il 15 aprile; c’è, infatti, una lunga pausa dedicata al Torneo delle Regioni, che coincide anche con la Pasqua. Prossimo avversario del Soverato il Castrovillari, che cercherà di conquistare punti utili alla salvezza.

 

Francesco Gioffrè

Catanzaro: Salutate la capolista

Catanzaro: Salutate la capolista - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Il campionato entra nella sua fase conclusiva e decisiva ed ogni partita, ogni punto perso o guadagnato in questo frangente del campionato è più "pesante", può essere decisivo. Sirignano e Masini regalano il primo posto in classifica ai GialloRossi. Oggi il campionato di Seconda Divisione Lega Pro può celebrare una nuova capolista, Il Catanzaro! La squadra di Cosentino, sapientemente gestita da Mister Cozza, si è oggi sbarazzata della brava Vibonese alla quale va riconosciuto l'onore delle armi per averci provato fino alla fine a contrastare la corazzata giallorossa. Con il supporto di oltre 2.000 cuori giallorossi, le Aquile sono passate in vantaggio con Sirignano al 13' sugli sviluppi di un calcio d'angolo. la Vibonese ha sempre provato a pareggiare, ma pur non brillando in attacco, la supremazia a centrocampo dei catanzaresi è stata schiacciante. Nel secondo tempo con i cambi Cozza ha risistemato la squadra coprendosi maggiormente, ma dando anche maggiore incisività all'attacco che con l'ingresso di Bugatti ha cercato con più insistenza il raddoppio. La seconda marcatura è infine giunta al 42' con Masini che ha finalizzato una percussione di Maisto.

Con questa vittoria il Catanzaro conquista con 70 punti la testa della classifica superando il Perugia (69) che oggi osservava il suo turno di riposo (già osservato sia da Catanzaro che da Vigor Lamezia). La Vigor Lamezia da parte sua, superando in casa l'Aprilia, affianca il Perugia al secondo posto.

fonte: uscatanzaro.net

Cordoglio del segretario regionale UGL per la scomparsa dell'ON: Galati

Esprimo la vicinanza e le condoglianze mie e di tutta l'organizzazione UGL federazione delle Autonomie alla famiglia ed in particolare alla nuova, Avv. Anna Maria Venuto, recentemente eletta nelle RSU della Giunta Regionale Calabria nella lista Ugl, per la dipartita dell'ON. Francesco Galati, politico "per bene" e di lungo corso, amministratore sensibile e vicino alle esigenze della sua terra calabra.

 Segretario Regionale Ugl Autonomie

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa