all
Menu

CLOSER TO EUROPE: Europa Creativa

CLOSER TO EUROPE: Europa Creativa - 5.0 su 5 basato su 2 voti

Europa Creativa è il futuro programma UE a sostegno dei settori culturali e creativi. La proposta legislativa, da parte della Commissione europea, relativa a questo nuovo strumento di finanziamento,operativo per il periodo 2014-2020, è destinata a tutti gli ambiti della cultura e della creatività, dal patrimonio culturale alle arti dello spettacolo, dall’audiovisivo - tra cui il cinema, la TV, i videogiochi e il multimediale - alla musica e alla radio, dall’architettura al design, all’editoria, agli archivi e alle biblioteche.

Europa Creativa è uno strumento unico che racchiude in un unico quadro di finanziamento i diversi programmi UE che attualmente intervengono nei settori della cultura e dell’audiovisivo - Cultura 2007-2013, Media 2007 e Media Mundus - e introduce, per la prima volta, uno specifico strumento finanziario per agevolare l’accesso al credito da parte dei piccoli operatori dei settori culturali e creativi.
Verranno, quindi, riuniti i meccanismi di sostegno, attualmente separati, previsti per i settori dell'audiovisivo e della cultura in Europa in uno "sportello unico" aperto a tutte le industrie culturali e creative. Il programma creerà inoltre un nuovo strumento di garanzia finanziaria che consentirà ai piccoli operatori di accedere a prestiti bancari per un valore complessivo di 1 miliardo di euro.
Il programma intende contribuire a promuovere e salvaguardare la diversità culturale e linguistica europea, a rafforzare la competitività dei settori culturali e creativi cogliendo le sfide e le opportunità offerte dalla globalizzazione e dalla diffusione delle tecnologie digitali, a favorire gli investimenti in questi settori, a promuovere lo sviluppo di politiche più efficaci e di strategie innovative in materia di “audience building“ (costruzione del pubblico) e nuovi modelli di business.
Verranno, quindi, riuniti i meccanismi di sostegno, attualmente separati, previsti per i settori dell'audiovisivo e della cultura in Europa in uno "sportello unico" aperto a tutte le industrie culturali e creative.
Nello specifico, le sezioni Cultura e MEDIA , che costituiranno il proseguimento degli attuali programmi settoriali, finanzieranno misure concentrate su due priorità: 1) il rafforzamento delle capacità degli operatori dei settori culturale e dell’audiovisivo e 2) il sostegno alla circolazione transnazionale.
La sezione Transettoriale, invece, è costituita da due parti: una riguardante lo strumento di garanzia finanziaria (la vera novità introdotta dal programma) volto a facilitare l'accesso delle PMI e delle organizzazioni dei settori culturali e creativi ai prestiti bancari, L'altra parte della sezione punta sul sostegno alla cooperazione politica transnazionale, finanziando misure volte a promuovere lo sviluppo delle politiche, l’innovazione e nuovi approcci in materia di costruzione del pubblico e di nuovi modelli imprenditoriali.
La proposta della Commissione "Europa creativa" :

  • consentirà a 300 000 artisti e operatori culturali e alle loro opere di ricevere finanziamenti per raggiungere nuove categorie di pubblico al di là dei loro confini nazionali;
  • più di 1 000 films europei riceveranno un sostegno alla distribuzione consentendo loro di essere visti dal pubblico di tutta Europa e del mondo;
  • almeno 2 500 sale cinematografiche europee riceveranno finanziamenti che consentiranno loro di assicurare che almeno il 50% dei film in esse proiettati siano europei;
  • più di 5 500 libri e altre opere letterarie riceveranno un sostegno alla traduzione consentendo ai lettori di apprezzarli nella loro lingua materna;
  • migliaia di organizzazioni e operatori del mondo della cultura beneficeranno di una formazione per acquisire nuove abilità e per rafforzare la loro capacità di operare su scala internazionale;
  • i progetti finanziati dal programma raggiungeranno un pubblico di almeno 100 milioni di persone.
  • Con un bilancio proposto di 1,8 miliardi di euro per il periodo 2014-2020 si tratta del tanto necessario sostegno per le industrie culturali e creative che costituiscono un'importante fonte di occupazione e di crescita in Europa. Il nuovo programma stanzierà più di 900 milioni di euro a sostegno del settore cinematografico e audiovisivo (ambito coperto dall'attuale programma MEDIA) e quasi 500 milioni di euro per il settore culturale. La Commissione intende inoltre stanziare più di 210 milioni di euro per il nuovo strumento di garanzia finanziaria destinato a consentire ai piccoli operatori di accedere a prestiti bancari su un totale di quasi 1 miliardo di euro e destinerà circa 60 milioni di euro a sostegno della cooperazione politica e delle strategie innovative in tema di audience building e di nuovi modelli imprenditoriali.

Questo investimento aiuterà decine di migliaia di operatori dei settori culturali e audiovisivi a cogliere appieno i vantaggi del mercato unico e a raggiungere nuove categorie di pubblico in Europa e fuori di essa; promuove inoltre la diversità culturale e linguistica oltre a contribuire agli obiettivi della strategia Europa 2020 per l'occupazione e la crescita sostenibile.


Pietro Curatola

 

Dieci tappe storiche


1995: L'Unione europea passa a 15 Stati membri

Il nuovo dinamismo europeo e l'evoluzione geopolitica del continente portano altri tre paesi — Austria, Finlandia e Svezia — ad aderire all'Unione europea il 1° gennaio 1995.



 

Buone Pratiche


EFTA (European Free Trade Association).

Area di libero scambio creata nel 1960 dagli Stati europei che non avevano aderito alla CEE (Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Svizzera, Austria Finlandia, Portogallo). Attualmente ne fanno parte Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein. Nel gennaio del 1993, UE ed EFTA (esclusa la Svizzera) hanno raggiunto un accordo per l’istituzione di uno Spazio Economico Europeo (SEE) volto alla creazione di un mercato unico per il commercio e l’interscambio di merci e prodotti.

News


Conferenza di alto livello "I Programmi UE per la salute: risultati e prospettive future"

Data Evento:03/05/2012.

Il prossimo 3 maggio a Bruxelles si terrà la Conferenza di Alto Livello “I Programmi UE per la Salute: risultati e prospettive future".

Organizzato congiuntamente dalla Commissione europea - DG Salute e Consumatori (DG SANCO) e dalla sua Agenzia esecutiva, l’evento sarà l’occasione per presentare i risultati e le storie di successo nate dai primi due programmi e per condividere opinioni e costruire una posizione condivisa sul nuovo programma "Salute per la crescita", attualmente in discussione al Consiglio e al Parlamento europeo.

Presenzieranno John Dalli, Commissario per la salute e la politica dei consumatori, Paola Testori Coggi, Direttore Generale della DG SANCO; Martin Seychell, vice Direttore Generale della DG SANCO, Membri del Parlamento europeo e rappresentanti della Presidenza danese dell’UE.

Gli organizzatori attendono oltre 300 partecipanti e in particolare responsabili politici, attori chiave del settore sanitario, ONG, membri delle istituzioni nazionali ed europee, scienziati e accademici dell’UE e di tutti i Paesi che partecipano al programma. Nel corso della conferenza saranno aperti degli stand in cui le organizzazioni potranno distribuire pubblicazioni e altro materiale (le organizzazioni interessate possono prendere contatto con gli organizzatori.



 

 Save the Date


banner def_120a_IPD_4





 Save the date

Prossimo Info day sul programma Gioventù in Azione – 7 marzo 2012
La giornata ha lo scopo di fornire un supporto alla progettazione di Scambi di giovani (Azione 1.1 e 3.1), Iniziative giovani (Azione 1.2) e Servizio Volontario Europeo (Azione 2) del Programma Gioventù in Azione.
Potrà partecipare alla giornata un solo rappresentante per associazione/ente locale/gruppo informale di giovani che ha già esperienza nell'ambito del Programma GIA (cioè ha già avuto progetti approvati) o che ha presentato progetti relativi a scambi di giovani (azione 1.1 e 3.1), iniziative giovani (azione 1.2) e Servizio Volontario Europeo (azione 2) con esito negativo.
Roma - Spazio Europa Via IV Novembre 149

 


Roulette russa per andare a scuola? La video-denuncia di un utente soveratese (Video)

Roulette russa per andare a scuola? La video-denuncia di un utente soveratese (Video) - 5.0 su 5 basato su 5 voti

uscita di_scuola

SOVERATO - Prevenire è meglio che curare? Il motto reso celebre da un famoso spot pubblicitario non è certo il punto forte di un'Italia troppe volte indifferente e incapace di agire prima che qualcosa succeda lasciando tutti irrimediabilmente colpevoli. Ci sarebbero diverse cose da denunciare ma quando il silenzio aleggia sulle realtà frequentate dai minori tutto diventa imperdonabile. È questa la denuncia di un utente di Soverato che decide di filmare il tragitto che il proprio figlio è costretto a fare per recarsi in una scuola soveratese, che però ha sede a Satriano, in “delle aule che non sono aule - denuncia il genitore - in una struttura che non solo non è un edificio nato per essere scuola, ma che non rispetta i canoni per poter essere adibito come tale”. Gli interrogativi allora si alternano: 

Il luogo della formazione può lanciare questo messaggio ai giovani?
Strade senza marciapiedi, in alcuni punti privi di una corsia di emergenza e alunni che passeggiano sulle strisce...ma quelle degli spartitraffico! Segnaletica che confonde con strisce pedonali che indicano attraversamenti che poi si perdono nel nulla...
Il testo unico sull'edilizia scolastica fornisce indicazioni precise :
“Se la scuola che è raggiungibile a piedi, il percorso casa-scuola deve essere agevole ed effettuabile nelle massime situazioni di sicurezza e, possibilmente, senza attraversamenti di linee di traffico (stradale, tranviario, ferroviario). Quando gli alunni provengono da un più vasto ambito territoriale , l'ubicazione deve essere tale da garantire, nelle condizioni di massima sicurezza un rapido collegamento tra la scuola e il territorio servito: si deve, pertanto tener conto della vicinanza e della agevole raggiungibilità di nodi di traffico (stazioni ferroviarie , di autobus, svincoli stradali) e di linee di comunicazione.”
Tutto ciò ovviamente per strutture costruite per la destinazione scolastica, ma le stesse indicazioni dovrebbero essere seguite anche nel caso in cui si decida di fittare strutture private; l'alternativa dovrebbe essere quella di intervenire per rendere sicuro il tragitto che porta alla struttura scelta e pagata con soldi pubblici. Se l'incoscienza dei giovani impegnati in pericolose passeggiate può incontrare un' accettazione logica nell'irresponsabilità legata all'età adolescenziale, diverso è il discorso per il mondo adulto che ancora una volta non si dimostra all'altezza, rimanendo in attesa non si sa di cosa… forse dell'ennesimo altare a bordo strada?
Di seguito il video amatoriale inviato in redazione (montato solo per esigenze tecniche e per migliorarne la visibilità) che lascia a tutti lo spazio per una seria riflessione.

SABRINA AMOROSO

In Calabria evase solo il 55% richieste invalidità civile

In Calabria evase solo il 55% richieste invalidità civile - 5.0 su 5 basato su 1 voto

INPSCATANZARO - Negli ultimi due anni sono state 125 mila le richieste di prestazione di invalidità civile presentate alle sedi Inps della Calabria. Il dato è stato fornito dal presidente del comitato regionale dell'Inps, Giusepe Pitarella. La media mensile regionale e' di oltre 5.500 richieste di prestazione e vengono conclusi poco più di 3.000 verbali (55%). ''I dati finali del 2011 - ha detto Pitarella - evidenziano una situazione che appare sempre piu' grave''. (ANSA).

Domani il "Professional Day" a Catanzaro

Locandina Giornata_delle_Professioni_2CATANZARO - Partirà domani, 1 marzo 2012 il "Professional Day", ovvero una giornata che andrà a coinvolgere, in un modo o nell'altro, 27 fra ordini e collegi in circa 106 sedi regionali, con la partecipazione di migliaia di professionisti. L'1 marzo 2012 è, dunque, destinato ad essere ricordato come la più grande manifestazione organizzata dal Cup (Comitato unitario delle professioni), dal Pat (Professioni di area tecnica) e da Adepp (Associazioni enti di previdenza privati), in collaborazione con la Conferenza dei CUP territoriali e con le altre componenti del mondo ordinistico.

Gli Ordini professionali e le Associazioni, vogliono dare un contributo affinché attraverso questa giornata si possa soverchiare il luogo comune dei liberi professionisti "casta del nostro Paese" e possano uscir fuori idee e prospettive di crescita. Il Professional Day vuole quindi essere luogo per "rappresentare una voce unica e propositiva dei professionisti al Paese ed alle Istituzioni in un momento storico in cui gli interventi legislativi stanno cercando di riformare, spesso in modo non condiviso ed estemporaneo, il sistema nazionale delle professioni ordinistiche". Oggi in Italia gli iscritti agli ordini professionali sono più di 2.100.000, ed hanno come obiettivo di dare un efficace apporto alla crescita del nostro paese, e la Provincia di Catanzaro su questo ha l’obbligo di dare un fattivo contributo.

A Catanzaro il professional day ha un programma già definito e articolato, di fatto garantendo l'informazione, perchè la cosa più importante sarà quella di spiegare ai cittadini che i professionisti rendono un servizio al Paese e che le riforme per far ripartire l'economia sono altre. In particolare per quanto riguarda la Provincia di Catanzaro al Professional Day del 1 marzo hanno aderito quasi tutti gli Ordini e Collegi Professionali i quali si riuniranno principalmente presso la sede del Collegio dei Geometri di Viale dei Normanni per il collegamento in video conferenza con la manifestazione centrale di Roma. È prevista anche la partecipazione di analoga rappresentanza anche alla video conferenza prevista presso il T hotel di Lamezia Terme.

Nel corso della mattinata è prevista un momento di incontro anche con la stampa per spiegare il perché di questa giornata. Infatti i rappresentanti degli Ordini e Collegi Professionali della Provincia di Catanzaro, intendono intervenire, nel dibattito in atto, principalmente sulle potenzialità che le categorie che essi rappresentano rispetto alle prospettive di crescita del Paese e sul ruolo che i professionisti in generale svolgono a supporto dei cittadini e della pubblica amministrazione. L'occasione sarà altresì importante per gettare le basi per addivenite in tempi brevi alla costituzione di un CUP provinciale su cui si sta già lavorando e che ha già trovato l'adesione di gran parte degli Ordini e Collegi sul territorio provinciale.

Gli Ordini e Collegi che al momento hanno aderito alla manifestazione sono:

  1. 1.Ordine degli Architetti PPC
  2. 2.Ordine dei Medici
  3. 3.Ordine degli Avvocati
  4. 4.Ordine dei Consulenti del Lavoro
  5. 5.Ordine dei Geologi
  6. 6.Ordine degli Agronomi
  7. 7.Ordine degli Ingegneri
  8. 8.Ordine degli Assistenti Sociali
  9. 9.Collegio dei Geometri
  10. 10.Collegio dei Periti Agrari
  11. 11.Ordine dei Commercialisti

La Redazione

 

Chiaravalle: Fienile in fiamme (Comunicato)

Vigili del_Fuoco_ChiaravalleRiceviamo e pubblichiamo un comunicato del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Chiaravalle, in merito ad un intervento effettuato nel pomeriggio di ieri, per sventare un incendio in un fienile:

In data odierna le squadre dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Chiaravalle Centrale e del distaccamento di Soverato, sono intervenute nello spegnimento di un incendio sviluppatosi all’interno di un fienile sito in loc.Liarda nel Comune di Chiaravalle Centrale. La tempestività dell’intervento dei vigili del fuoco, impegnati dalle 14.30 fino a tardo pomeriggio, ha evitato il propagarsi delle fiamme alle case poste nelle immediate vicinanze. Tanta paura tra gli abitanti della località, ma non risultano persone ferite. Il fienile ha subito danni al tetto ed al momento è stato considerato inagibile da parte dei vigili del fuoco in attesa di verifiche tecniche più approfondite.

Comando Provinciale Vigili del Fuoco

Catanzaro

"Quod flammae excidunt flamma contendimus"

UFFICIO RELAZIONI ESTERNE E DOCUMENTAZIONE

Il Presidente temerario (video)

Il Presidente temerario (video) - 5.0 su 5 basato su 3 voti

corrado corradiniNei scorsi giorni, così come durante l'alluvione del 22 novembre, Soveratiamo ha fatto di tutto per immortalare, testimoniare e pubblicare quello che stava succedendo a Soverato e dintorni. Molto del materiale pubblicato, ci è giunto da amici o utenti che ci hanno girato le loro produzioni. Non tutti sanno, però, che alla faccia del Presidente Operaio, spesso sbandierato da questo o quel politico, il nostro Presidente, Corrado Corradini, si è adoperato personalmente per fornire a tutti, video delle condizioni della città ed in particolare del mare. Nei pochi mesi trascorsi dalla nascita del nostro sito, lo avete visto cantare, ballare, travestirsi. Nel video potrete visionare "la sfida" tra il Presidente Temerario ed il mare. A voi la buona visione ed il sorriso che il video merita.

La Redazione

'Ndrangheta: svolti in forma privata all'alba i funerali di Gioffrè e Priolo

immagine carabinieriREGGIO CALABRIA – Stamane all'alba, in forma privata, si sono svolti i funerali del presunto boss della 'ndrangheta, Giuseppe Gioffrè, 64 anni, morto per cause naturali all'ospedale di Gioia Tauro, e di Giuseppe Priolo, 52 anni, legato a rapporti di parentela con la cosca Piromalli, ucciso nell'agguato domenica scorsa a Gioia Tauro. Le esequie, svoltesi rispettivamente a Seminara e Gioia Tauro, sono state disposte in forma privata per motivi di ordine pubblico, da parte del questore di Reggio Calabria, Carmelo Casabona.

La Redazione

Scopelliti: "Nessuna criticità negli ospedali di Catanzaro e Reggio Calabria"

Giuseppe Scopelliti"In un momento in cui in alcuni ospedali importanti del paese sono emerse delle criticità, così come evidenziato dai mezzi di informazione, ci fa piacere apprendere che le visite ispettive igienico sanitarie dei Carabinieri dei Nas dello scorso ventitre febbraio, presso il pronto soccorso degli ospedali di Reggio Calabria e presso quello di Catanzaro non hanno rilevato alcuna criticità". Lo dichiara il Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. Nei giorni scorsi, infatti, il Comando Carabinieri per la tutela della salute, Nas di Catanzaro, aveva inviato i propri uomini per una visita ispettiva presso l'unità operativa di medicina d'urgenza ed accettazione dell'ospedale "Pugliese Ciaccio" di Catanzaro. Nel verbale redatto dai militari al termine della visita si legge che "non sono emerse criticità da rilevare; i pazienti visitati dal personale medico sostano nei letti adibiti allo scopo e non vi sono letti nel corridoio; i pazienti non sostano nelle sale delle emergenze per un periodo superiore alle 3 ore. Dato rilevabile dal sistema informatico dell'U.O." ed ancora nel verbale si parla di "condizioni igienico sanitarie adeguate".

"Anche all'ospedale di Reggio Calabria – ha evidenziato il Presidente Scopelliti - i Nas hanno visitato il pronto soccorso ed a quanto a noi risulta non sono emerse criticità. In un periodo in cui sulla sanità c'è un'attenzione particolare, soprattutto, come detto, per i problemi che sono emersi in varie parti d'Italia, mi è sembrato doveroso far sapere ai calabresi che a Reggio e Catanzaro i carabinieri dei Nas in queste due visite ispettive non hanno rilevato alcuna criticità. Nei giorni scorsi ho avuto modo di manifestare personalmente la soddisfazione ai manager di Reggio e Catanzaro, Carmelo Bellinvia ed Elga Rizzo, autori al pari di altri direttori generali di sforzi encomiabili, una vera e propria corsa contro il tempo per il risanamento della sanità calabrese. A loro va il ringraziamento, perché, in una stagione di grandi ristrettezze, tagli e risorse limitate, si stanno prodigando per cercare di coniugare l'efficienza e l'efficacia rispetto alle risorse disponibili. Un'attività scrupolosa ed attenta alle esigenze dei malati. Sappiamo bene che il lavoro che ci aspetta è ancora notevole. Mi sembrava perciò doveroso far sapere ai calabresi anche quelle notizie positive che ci aiutano a dimostrare che anche in Calabria si può operare per il cambiamento. I recenti elogi della Corte dei Conti calabrese hanno infatti evidenziato un'inversione di tendenza rispetto al passato". 

Ufficio stampa Giunta regionale

L'Unità di Cardiochirurgia di Catanzaro partecipa ad una ricerca mondiale

Universit Magna_GraeciaCATANZARO – Sarà l'unico centro italiano chiamato a partecipare al progetto internazionale sull'uso dei bassi dosaggi di anticoagulante in pazienti a cui è stata impiantata una valvola meccanica: stiamo parlando dell'Unità operativa di Cardiochirurgia dell'Azienda universitaria "Mater Domini" e dell'Università "Magna Graecia" di Catanzaro, diretta dal prof. Attilio Renzulli. Il progetto riguarda uno studio clinico prospettico randomizzato della durata di cinque anni. Un motivo di soddisfazione per tutta la sanità calabrese che, spesso, balza alle cronache per episodi spiacevoli ma che può anche vantare di avere personale qualificato di una certa caratura.

La Redazione

Sanità: 20 mln di danni all'erario, segnalati 30 dirigenti delle aziende

ospedale letti_vuotiCATANZARO - Un danno erariale di circa 20 milioni di euro a carico di 30 dirigenti delle Aziende sanitarie provinciali della Calabria e' stato segnalato dai militari del Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza alla Procura regionale della Corte dei conti. Le indagini hanno riguardato il periodo compreso tra il 2007 ed il 2010. Il danno riguarda anche tutte le aziende sanitarie locali calabresi esistenti prima che venissero accorpate nelle cinque aziende provinciali. (ANSA).

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa