Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Si ferma l'avventura di Chiaravalle Centrale a “Mezzogiorno in Famiglia”

mezzog21Si ferma qui l'avventura di Chiaravalle Centrale a “Mezzogiorno in Famiglia”. Una partita davvero entusiasmante quella contro gli avversari trentini di Pergine Valsugana, davanti a milioni di telespettatori che, per due giorni consecutivi, hanno seguito la sfida in diretta su Rai 2. A prescindere dal risultato, perché pur sempre di un gioco si tratta, il bilancio è indubbiamente positivo per la città delle Preserre che ha avuto la possibilità di mettersi in mostra davanti all'Italia intera, con tutta la bellezza del suo territorio, la sua tradizione, le sue ricchezze storiche, artistiche, culturali, gastronomiche. “Una eccezionale operazione di marketing territoriale che porterà sicuramente frutti importanti” ha commentato il sindaco, Mimmo Donato, congratulandosi con tutti i protagonisti e gli artefici di una macchina organizzativa estremamente complessa. Primo fra tutti, il consigliere comunale delegato Gianfranco Corrado, infaticabile in tutto e per tutto. Particolarmente efficace anche il ruolo della Consulta comunale della Cultura che ha offerto le tante professionalità del proprio direttivo nelle varie finestre dedicate alla descrizione del territorio. Il folklore locale ha occupato uno spazio importante nella trasmissione di oggi: zampogne e tarantelle, vetrate artistiche e ceramiche, cuoio e artigianato, hanno conquistato la scena, nonostante il diluvio costante che ha accompagnato l'intera mattinata. Bravissimi anche i ragazzi e le ragazze che hanno composto le squadre in gara, dagli sportivi impegnati a palleggiare in piazza (sotto l'acqua) ai concorrenti impegnati negli studi Rai di Roma. Straordinario, come sempre, il responso del televoto che ha premiato la bella interpretazione canora di Ernesto Schinella. “La presenza televisiva di Chiaravalle Centrale su un palcoscenico così grande - ha concluso il sindaco - è solo il tassello di un mosaico, la tappa di un progetto più generale con il quale intendiamo promuovere e rilanciare la nostra città come epicentro di un vasto comprensorio, ospitale, accogliente e ricco di potenzialità tutte da riscoprire”.

Chiusura piscina di Isca sullo Ionio, il Codacons notifica l’accesso agli atti

piscina di Isca“Anche oggi va in scena l’ennesimo rinvio dell’apertura al pubblico della piscina. Non sembra aver pace la polemica relativa alla desolata chiusura dell’impianto sportivo di Isca sullo Ionio. Le promesse, infatti, si susseguono da mesi, eppure la piscina rimane sempre misteriosamente chiusa”. E’ quanto si legge in una nota a firma di Francesco Di Lieto vicepresidente nazionale del Codacons. Il Codacons, continua il comunicato, chiamato in ballo dalla minoranza nell’ultimo consiglio comunale dell’8 gennaio, ha formalizzato una istanza di accesso agli atti, rilevando una serie di contraddizioni nella gestione dell’impianto. “Una situazione – aggiunge Di Lieto – paradossale che costringe centinaia e centinaia di utenti, che fino a qualche mese addietro affollavano l’impianto, ad interrompere l’attività fisica ovvero, sopportando maggiori costi, a doversi recare altrove. La Piscina comunale era, infatti, un patrimonio non solo del comune di Isca sullo Ionio, ma fungeva da vero e proprio punto di ritrovo per tantissimi giovani e meno giovani, provenienti dai territori limitrofi. Un impianto di fondamentale importanza capace, specie in una regione come la nostra che registra drammatiche carenze di impianti sportivi, di garantire lo svolgimento di attività fisica, sia ai soggetti sani che a quelli, purtroppo, affetti da patologie. Per questo motivo il Codacons, sollecitato dal gruppo di minoranza ‘Siamo Isca’, ha chiesto le ragioni per cui l’Amministrazione, a stagione già iniziata e per decisioni tuttora sconosciute ai Cittadini, abbia disposto la chiusura della piscina. Da quanto segnalato – prosegue la nota del Codacons – sembrerebbe che la chiusura sia riconducibile all’iter amministrativo relativo all’affidamento della gestione dell’impianto. A far da contraltare a questi intollerabili ritardi, vi è la inconsueta solerzia con la quale l’Amministrazione aveva proceduto all’aggiudicazione provvisoria dell’impianto già il 28 settembre dello scorso anno. Ma allora, cos’è che non va ? I dubbi appaiono legittimi – sostiene Francesco di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons – atteso che oramai da mesi i Cittadini devono prendere atto di promesse non mantenute. Già il 5 dicembre scorso, infatti, era stata pomposamente annunciata la riapertura dei battenti della piscina. Ed invece, allora come oggi, il silenzio regna sovrano. Gli interrogativi sembrerebbero leciti atteso che, nel capitolato per l’affidamento della concessione provvisoria, è previsto che la gestione debba essere avviata ‘entro 15 giorni dalla consegna’. Ed allora, perché dopo quattro mesi dalla consegna, non si apre l’impianto ai Cittadini ? Il Codacons chiede, quindi, se il Comune abbia applicato le penali appositamente previste in caso di ritardo. Per fugare ogni dubbio sulla vicenda che rischia di trasformarsi in un pasticciaccio, il Codacons ha formalmente chiesto al Comune di fornire copia della documentazione fornita dal soggetto aggiudicatario da cui si evince il possesso dei requisiti di legge nonché l’insussistenza di cause di esclusione, copia dell’atto di avvenuta consegna dell’impianto, copia delle autorizzazioni propedeutiche l’apertura, copia delle preventive autorizzazioni da parte dell’Ente inerenti le modifiche già apportate agli impianti. Una situazione paradossale – continua Di Lieto – che, per ‘pastoie burocratiche’, vede sottratto alla disponibilità dei Cittadini un impianto che costituiva il fiore all’occhiello per l’intero comprensorio. Il nostro intento – conclude la nota del Codacons – è quello di pressare l’Ente affinché renda immediatamente fruibile la piscina e, nello stesso tempo, comprendere se nella vicenda siano ravvisabili profili di illegittimità e si configurino veri e propri reati nonché ottenere l’immediato avvio di una corretta procedura per la gestione a lungo termine capace di restituire, definitivamente, ai Cittadini una importantissima struttura pubblica”.

Stalettì, commedia teatrale per ricordare Michela

sala polivalente stalettìSTALETTI’ - Il valore della famiglia e gli affetti sono superiori agli interessi. E’ questo il senso della commedia in vernacolo “Eu, mammata e tu”, che sarà rappresentata il 27 gennaio, alle ore 21, e il 28 (ore 18) nella sala polivalente di Stalettì, su iniziativa del “Gruppo Teatro amatoriale” stalettese. L’iniziativa rientra nell’ambito della quarta rassegna teatrale, promossa dal “Laboratorio della Solidarietà”, con il patrocinio del Comune. La commedia è scritta e diretta da Franco Romeo, già noto per le sue opere brillanti, ma cariche di profondo senso umano. Questa è dedicata alla memoria di Michela Mercurio, prematuramente scomparsa, che già aveva recitato ricoprendo la parte di Juna (oggi interpretata da Concetta Mantella), interpretando, inoltre, diversi personaggi delle commedie di questo gruppo teatrale. «Michela era una nostra amica – sottolinea il regista Romeo - ed a lei abbiamo voluto dedicare questa commedia. Era una ragazza straordinaria, solare e sempre disponibile». La commedia, molto attesa nella comunità stalettese, propone la storia di un’eredità contesa che alla fine diventa momento di unione, evidenziando il valore del rispetto del senso familiare. Oltre a Franco Romeo e a Concetta Mantella, reciteranno Isa Amoroso, Concetta Russo, Maria Teresa Russo, Luisa Parente Rodrigues, Giuseppe Maio, Maria Grazia Gentile, Carmela Vaccaro e Luigi Bocchino.

Carmela Commodaro

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa