Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Controlli antidroga del fine settimana della polizia

volanti notteNel fine settimana, personale della Polizia di Stato appartenente all’U.P.G. e S.P., con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine Calabria e di un’unità cinofila di Vibo Valentia, ha effettuato mirati servizi preposti per il contrasto del traffico e del consumo di sostanze stupefacenti nel centro storico del capoluogo, ponendo una maggiore attenzione alle vie limitrofe e in prossimità degli Istituti d’Istruzione cittadini.
Durante i controlli, sono stati denunciati alla competente Autorità Amministrativa due giovani in quanto assuntori abituali di sostanze stupefacenti. Il primo, T. F. di 25 anni trovato, all’interno di un circolo ricreativo, in possesso di 0,6 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, il secondo N.D. giovane catanzarese di 19 anni, in possesso di 2,60 grammi di marijuana.
Su disposizioni della Centrale Operativa personale della Squadra Volante ha effettuato un intervento in via Fares, in seguito alla richiesta da parte di personale della Telecom, che durante alcuni lavori di manutenzione all’interno di una cassetta murale di derivazione telefonica, rinvenivano due bustine, opportunamente occultate, contenente presunta sostanza stupefacente.
Le due bustine per un peso di 105,76 grammi venivano sequestrate dagli Agenti che dopo le dovute analisi da parte del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica davano risultato positivo a sostanza stupefacente con principio attivo “derivato della cannabis” del tipo marijuana. Complessivamente sono state rinvenute 108.96 grammi di marijuana debitamente posta sotto sequestro.

Wanda Ferro su diffida ministero e rischio commissariamento ciclo integrato servizio idrico

wanda ferro 17CATANZARO - Di seguito una dichiarazione del consigliere regionale Wanda Ferro (Gruppo misto): Le gestioni commissariali hanno rappresentato un fallimento per la Calabria e i danni ricadono tutti sui calabresi. E’ noto il fallimento delle gestioni commissariali per i rifiuti, la depurazione, la sanità in solido con il governo regionale, ed è incomprensibile l’inerzia della Regione sul ciclo integrato del servizio idrico che, a poche settimane dalle elezioni politiche, rischia di essere commissariato se non si ottempera alle richieste del Ministero dell’Ambiente. Il 20 febbraio scade la diffida inviata dal direttore generale del ministero che richiama la Regione al rispetto delle norme nazionali e regionali a 23 anni dalla legge Galli. Il presidente della Regione Mario Oliverio, lo scorso anno, in occasione dell’approvazione della legge che ha istituito l’Autorità Idrica Calabrese, aveva annunciato che entro gennaio ci sarebbe stato un consiglio regionale ad hoc per mettere ordine nel sistema. E’ passato un anno e nulla è stato fatto. Nella lettera di diffida dal ministero fanno notare che bisogna rendere operativo l’Ente d’Ambito unico regionale istituito nel 2011 e individuare il servizio al soggetto gestore. Non è prioritario per il Ministero che l’AIC sia subito operativa. Non si comprende lo stallo sul destino della Sorical, in liquidazione dal 2012, con la gestione in continuità, da due anni con bilanci in attivo e con circa 200 milioni di crediti da incassare dai Comuni. Lo stesso presidente Oliverio, in dibattiti pubblici, ha auspicato una gestione pubblica tra Regione e Comuni. Se non ha cambiato faccia un primo passo: chieda subito una seduta del consiglio regionale per procedere alla pubblicizzazione di Sorical e coinvolga i Comuni nella riorganizzazione e gestione della nuova società. Faccia quello che altre Regioni hanno fatto 15 anni fa e recuperi il tempo perduto. Con l’attuale sistema si rischia nei prossimi anni di non garantire più il servizio idrico ai calabresi per assenza di investimenti sulle reti e sulla depurazione si rischia di pagare pesanti sanzioni all’Unione Europea.

Trasversale delle Serre, Francesco Pungitore ribadisce: io non mi candido

pungitore“Io non mi candido, ma il Comitato dirà certamente la sua in questa campagna elettorale”. Il presidente del Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato”, Francesco Pungitore, ribadisce con fermezza la propria posizione rispetto alle elezioni del prossimo 4 marzo. “Qualche buontempone - sottolinea il presidente - continua a propalare la falsa notizia di una mia candidatura alla Camera. Lo ripeto per l'ennesima volta: non ho mai avanzato una tale richiesta e, come ho sempre dichiarato pubblicamente, è una prospettiva che non mi affascina né mi interessa”. “Ritengo - sottolinea Pungitore - che si possa fare buona politica per il territorio anche e soprattutto attraverso l'impegno civile, quotidiano, dal basso. Lo stiamo dimostrando ormai da anni, con le azioni incisive del nostro Comitato civico che sta portando avanti un proprio programma di sviluppo, grazie al supporto di tantissime persone che si danno da fare con grande generosità e senza chiedere nulla in cambio”. Un programma che il sodalizio di cittadini si prepara a discutere con tutti i partiti già protagonisti della contesa elettorale. “Spingiamo per affermare i bisogni delle nostre aree interne - prosegue il presidente. - Confermo quanto già espresso in una precedente nota del direttivo: al momento, il dibattito politico è fermo, stagnante. Quando si parla di programmi, lo si fa in maniera retorica e fumosa. In particolare, poi, nel nostro collegio di riferimento assistiamo alla solita manfrina delle promesse e degli scambi di favori tra amici. Un andazzo diffuso che ha tragicamente condannato questo territorio alla desertificazione”. Secondo Pungitore, invece, sarebbe opportuno “fissare l'attenzione su pochi punti chiave, concreti e realizzabili: infrastrutture, a cominciare dalla Trasversale delle Serre, un vero programma d'area, con il recupero delle identità territoriali e delle conseguenti vocazioni produttive, un serio piano di conurbazioni tra comuni”. Stimoli per un confronto che, però, “ancora stenta a decollare”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa