Cronaca Soverato
Menu

Cronaca Soverato

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Dibattito: UDI Catanzaro e La Borto

Dibattito La Borto locandinaIl 27 gennaio, sabato, alle 16:00 al Teatro Comunale, le donne di UDI Catanzaro (Unione Donne in Italia) ci incontreranno con l'attore e drammaturgo Saverio La Ruina della compagnia Scena Verticale per discutere a partire dallo spettacolo “La Borto”. L’opera teatrale verrà messa in scena la sera stessa, sempre al Comunale, come parte della rassegna Oscenica – nuove frontiere del teatro contemporaneo. Nel dibattito introduce e modera l’avvocato Rossana Spanò, di UDI Catanzaro. Lo spettacolo racconta la storia di una donna di un paese del meridione, in una società dominata dall’atteggiamento e dallo sguardo maschili: uno sguardo predatorio che si avvinghia, violenta e offende; un atteggiamento che provoca gli eventi ma fugge le responsabilità. L’aborto ne è solo una delle tante conseguenze, ma ne è la conseguenza più estrema. Dal blog di UDI Catanzaro: "Questo incontro rende noi di UDI Catanzaro particolarmente contente perché Saverio La Ruina è un attore molto bravo e Scena Verticale una compagnia teatrale splendida ed impegnata, dunque siamo felici di poterli accogliere nella nostra città. Crediamo, inoltre, che l’evento da cui prende spunto la storia messa in scena, ossia l’aborto, rappresenti (anche) a Catanzaro una sorta di tabù narrativo e ciò che materialmente lo riguardi sia quasi totalmente assente nelle narrazioni prodotte dalla politica dei partiti. Ciò accade spesso per motivi di opportunismo, che a noi non interessano affatto. A noi, invece, interessa molto che si parli delle vite delle donne, soprattutto di quelle dei Sud, delle possibilità che abbiamo di compiere scelte consapevoli e libere. Ci interessa molto che si parli della nostra salute, messa costantemente a rischio sia da un numero spropositato di personale obiettore presente nelle strutture sanitarie pubbliche che dal mancato utilizzo di pratiche mediche atte ad evitare stress e sofferenze inutili e punitive. Ci interessa, infine, riprendere le fila di discorsi interrotti da altri e che incidono sulle vite di molte donne a Catanzaro."

Satriano, riapre l'ufficio postale

Satriano piazza Spirito SantoPoste Italiane comunica che oggi martedì 23 gennaio l’ufficio postale di Satriano riaprirà al pubblico. La sede di via Sant’Antonio era stata chiusa temporaneamente a seguito dei danni provocati dal maltempo dei giorni scorsi per consentire l’intervento dei tecnici per la messa in sicurezza degli ambienti. L’ufficio postale di Satriano tornerà disponibile, con i consueti orari di apertura, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.20 alle 13.45 e il sabato fino alle 12.45.

Torre di Ruggiero, il sindaco querela i forzisti Sanzo e Tino

mariobarbierisindacoIl Sindaco di Torre di Ruggiero, Mario Barbieri, ha sporto querela nei confronti di Maria Teresa Sanzo e Gregorio Tino, per il reato di diffamazione aggravata.
I querelati, secondo il Sindaco Barbieri, nella loro veste di dirigenti locali di Forza Italia, hanno redatto due documenti con l’effige del partito, dal contenuto diffamatorio e al solo fine di screditare l’immagine della Giunta di Torre di Ruggiero.
Continua il primo cittadino: “Che la pretestuosità delle accuse fosse da individuare nella volontà di ledere gravemente l’immagine dell’Amministrazione di Torre, appariva evidente sin dalla prima nota redatta il 5.01.18, laddove appaiono indicate circostanze fattuali di rilievo penale mai esistite, e di cui si sarebbe resa responsabile la Giunta di Torre (incarichi a parenti ed amici). Le esternazioni dei due coordinatori forzisti hanno trovavato poi ampia diffusione, attraverso internet (i social e i siti d’informazione) e la stampa periodica.” Accuse gravissime, respinte con fermezza dal sindaco Barbieri, il quale aveva intimato i due coordinatori a rinnegare l’assunto ed a porgere formalmente le scuse: “La mia intenzione, tenuto conto della necessità di indirizzare tutte le risorse, umane ed economiche, alla risoluzioni dei problemi della comunità che rappresento, era quella di chiudere la querelle, non senza però aver prima tutelato la dignità ed il decoro dell’Amministrazione Comunale, ignobilmente lesi dai querelati.”
Ed invece, com’è dato leggere nella nota del Primo cittadino: “i signori Sanzo e Tino, per niente ravveduti della turpe azione, fermamente intenzionati a continuare l’opera denigratoria, hanno redatto un secondo documento, datato 09.01.18, con il quale oltre a riprodurre le farneticanti accuse, è stata reiterata anche un’inaudita opera di divulgazione capziosa.”
Tali ragioni hanno spinto il Sindaco di Torre di Ruggiero a chiedere l’immediato intervento della Magistratura. Il Sindaco, infine, ribadisce la necessità di tutelare l’immagine ed il decoro della sua Amministrazione: “un attacco mediatico, quello dei signori Sanzo e Tino, dissennato, senza alcuna valenza critica, dal contenuto unicamente falso e diffamatorio. Sono certo che la Magistratura saprà tutelare l’onorabilità dell’Amministrazione, ignobilmente lesa dai querelati.”; Spero, infine, che la campagna denigratoria posta in essere dai due querelati, anche attraverso l'impiego del simbolo di “Forza Italia”, trovi un dura presa di posizione da parte dei vertici provinciali e regionali del partito, resi edotti ufficialmente delle predette circostanze.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa