Logo
Stampa questa pagina

Badolato, Scuola di Riuso

badolato scuolaSi è svolta in quel di Badolato borgo, dal 15 al 17 Dicembre, il quarto ed ultimo modulo della Scuola di Riuso promossa da CittadinanzAttiva e dai responsabili regionali operativi “Aniti” e “YoURBANmob”. Il progetto regionale della Scuola di Riuso, presentato ufficialmente lo scorso giugno alla Cittadella Regionale di Germaneto, aveva precedentemente tappa a Reggio Calabria, Mammola e Università della Calabria.
La “Scuola di Riuso” ha visto presenti, tra i propri partners e co-promotori: l’Agenzia del Demanio, il Dipartimento di Architettura e Territorio dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, l’Università della Calabria, la LegaCoop Calabria, i Comuni di Badolato e Mammola, l’Associazione Operatori Turistici “Riviera e Borghi degli Angeli”. Il modulo che ha animato per tre giorni il borgo di Badolato, ha visto la realizzazione di un corso di formazione intitolato “Economia e Comunicazione dei Luoghi – Imprenditorialità dei Beni pubblici inutilizzati” inaugurato dal discorso e dalla lezione del Prof.Paolella dell’UniRc. Il modulo badolatese si è articolato in tre giorni, tra workshop e conferenze, e si è tenuto all’interno della Sala Consiliare del Comune di Badolato con la partecipazione di una decine di persone tra esperti e tecnici, docenti universitari, corsisti e professionisti appartenenti alle varie categorie professionali del settore. Tra i relatori: Angela Robbe di LegaCoop Calabria; Adriano Paolella – Direttore scientifico della Scuola di Riuso e docente UniRc; Marco Ranieri – Bollenti Spiriti/Puglia, Bari; Dario Domante – Kcity/Milano; Marika Girardi – Bollenti Spiriti/Puglia, Bari; Roberta Franceschinelli – Fondazione Unipolis. In programma, tra seminari e gruppi di lavoro e studio, anche un tour-escursione nel centro storico di Badolato e tra i suoi beni pubblici inutilizzati, una visita speciale alla Comunità Mondo X e al Convento di Santa Maria degli Angeli (un'esperienza emozionante e dove in 30 anni la Comunita' Mondo X ha lavorato incessantemente per ristrutturare e rivitalizzare un luogo incredibilmente fantastico, patrimonio di Badolato e della Calabria), una sessione finale aperta caratterizzata da testimonianze ed esperienze territoriali virtuose e da un confronto volto a consolidare il buon lavoro della Scuola di Riuso verso proposte strutturali regionali. Tra i corsisti registriamo qui, a chiusura del progetto, le dichiarazioni di Francesca: congratulazioni sul percorso avviato che, mai come in questo periodo a mio parere, si rende necessario per rendersi parte attiva contro lo "spreco" e nell'intenzione di sentirsi sempre più comunità contribuendo a realizzare attività su misura per le esigenze collettive. E di Antonio: la scuola è stata una scoperta, un motore di ricerca di usi e reti che torneranno utili in futuro. In pratica il Google del riuso!

Articoli che potrebbero interessarti

Ultimi da Redazione

© Associazione Culturale Soveratiamo All rights reserved. Associazione Culturale “Soveratiamo” P.Iva:03365610793 Iscrizione Registro Stampa n.7/2012 Presso Tribunale di Catanzaro info@soveratiamo.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa