Il Gal presenta il territorio rurale ai suoi colleghi d'Oltralpe.
Menu

Il Gal presenta il territorio rurale ai suoi colleghi d'Oltralpe.

Il Gal presenta il territorio rurale ai suoi colleghi d'Oltralpe. - 4.0 su 5 basato su 1 voto

CHIARAVALLE CENTRALE - Due giornate per la promozione del territorio rurale con i rappresentanti dei Gal partner del Gal Ouest Tarnais e sindacato dei Pays Vignoble Gaillacois dalla Regione Midi Pyrénées di Francia, poi il Gal Adeliacor dall'arcipelago delle Azzorre e, il Gal Layon Saumurois dalla Regione dei Pays de la Loire in Francia con il sindacato dei Pays Saumurois.L'iniziativa è partita dal presidente del Gal "Serre Calabresi" Renato Puntieri ed è finalizzata a favorire la riscoperta delle aree delle Serre Calabresi, avviare studi sul vino, analisi e recuperare le colture storiche e i palmenti antichi. Il doppio appuntamento interessa il fine settimana, con l'arrivo degli ospiti francesi, previsto per oggi. L'intento è porre le basi per la creazione di una rete europea di territori legati dalla cultura della ruralità, con particolare attenzione al vino, in termini di riscoperta dei paesaggi dei vigneti e delle colture tradizionali di ciascun luogo, di valorizzazione dell'ambiente storico, di recupero di produzioni di qualità. Gli amministratori del Gal puntano alla costruzione di un sistema di promozione comune per forme di turismo sostenibile per le aree interne attraverso la creazione di una serie di strumenti in particolare, un "passaporto" per le aree dei Gal interessati, che servirà come guida per i turisti, ma anche per la raccolta di informazioni e immagini sui luoghi visitati, nonché per ottenere risparmi sull'acquisto di beni e servizi.Sarà attivo a breve un sito web dal suggestivo titolo "Les chemins de la vigne", che illustrerà finalità del progetto e caratteristiche dei territori coinvolti. Sarà l'occasione adatta per mettere in luce i valori del nostro territorio e la presenza nell'area di una produzione vinicola Doc di Bivongi nonché la volontà di riscoperta di antichi vitigni della zona di Guardavalle e sistemi storici di lavorazione dell'uva, che accomunano tutte le comunità locali delle Serre Calabresi e dell'Alta Locride. Inoltre, con queste giornate si andrà a formalizzare la nascita del partenariato proprio in Calabria in cui sarà coinvolto l'intero territorio e i suoi operatori.L'arrivo dei partner è previsto proprio per questa mattina, l'accoglienza e l'ospitalità verrà fornita dall'area delle Serre nelle diverse strutture del territorio. I lavori inizieranno nell'area dell'Alta Locride, domani, con i Comuni di Bivongi e Stignano. Sono previste tavole rotonde con i rappresentanti del Gal, momenti d'incontro con imprenditori, produttori di vino, operatori del turismo rurale, visite presso vigneti ed aziende del territorio. Domenica il gruppo si trasferirà nell'area delle Serre Calabresi tra Torre di Ruggero, Amaroni, Girifalco e Squillace. Vi saranno momenti di discussione, visite sul territorio e degustazioni. La manifestazione sarà un'occasione per conoscere meglio realtà esterne e modi di valorizzazione delle risorse culturali in altri paesi europei, ma nello stesso tempo per rafforzare in noi la conoscenza dei nostri valori e delle potenzialità di cui disponiamo. Questo progetto ha il merito di portare in Calabria il primo evento organizzato dalla rete europea, con l'obiettivo di allargarsi ad altri paesi.

Vincenzo Iozzo
(fonte Gazzetta del Sud)
Ultima modifica ilVenerdì, 30 Settembre 2011 10:08
Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa