Concluso il corso di formazione internazionale su "Coaching/mentoring/orientamento"
Menu

Concluso il corso di formazione internazionale su "Coaching/mentoring/orientamento"

Concluso il corso di formazione internazionale su "Coaching/mentoring/orientamento" - 2.0 su 5 basato su 1 voto

corso formazione internazionale 1SOVERATO – Con la tradizionale consegna degli attestati si è chiuso questa mattina il corso di formazione "Coaching & Mentoring Technics- Innovative mentors-teachers and coach to fight unemployment and drop out", l’evento internazionale, in lingua inglese, che si è tenuto a Soverato dal 24 Settembre al 3 Ottobre 2015, sul tema del "Coaching/mentoring/orientamento".
Il corso nasce nell'ambito del Programma Erasmus Plus (KA1) all'interno di un progetto più ampio approvato come formazione docenti/adulti/educatori/orientatori a partner internazionali dell'associazione “JUMP - Gioventù in riSalto” che opera pertanto nel ruolo di ente organizzatore in accoglienza e formatore.
La formazione ha riguardato 32 partecipanti ed ospiti internazionali provenienti da diverse nazioni, ovvero: Lituania, Germania Estonia, Spagna. Inoltre erano presenti anche partecipanti da diverse zone della Calabria, tra cui Cosenza, Crotone e Castrovillari, e docenti degli istituti scolastici soveratesi.
Il corso, con la formatrice, dott.ssa Erika Gerardini, ed il supporto del team, dott.ssa Roberta Librizi, è stato itinerante ed ha visto coinvolti diversi corso formazione internazionale 2istituti scolastici soveratesi: Istituto “A. Calabretta”, Istituto “G. Malafarina”, Liceo “Guarasci” ed Istituto “Maria Ausiliatrice” dove si è svolta gran parte dell’attività didattica.
In questi giorni, oltre alla parte didattica però, si sono vissuti anche momenti extra formativi, con le visite guidate al Borgo di Badolato e di Davoli.
Hanno collaborato con l’associazione Jump anche altre realtà associative ed enti: CID di Davoli, Riviera e Borghi degli Angeli e Cir di Badolato, Almost Blu, SoveratIncanto, Unione dei Comuni del Versante Ionico e, inoltre, l’evento ha visto anche il patrocinio gratuito della Provincia di Catanzaro.

Le linee guida europee inerenti la formazione e l'educazione (Strategia 2020, Educazione e Formazione 2020, Ripensare l'educazione ecc...) auspicano lo sviluppo di una dimensione sempre più internazionale ed arricchente per i docenti, figure chiave dell'apprendimento di bambini e studenti, perché acquisiscano competenze trasversali per la gestione della classe, per affrontare situazioni di conflitto o di stress, di disagio e per migliorare la didattica contribuendo all'innalzamento della qualità dei sistemi formativi in Italia.

corso formazione internazionale 3La formatrice del corso, dott.ssa Erika Gerardini, si è dichiarata soddisfatta: “Il corso è stato impostato seguendo le direttive europee nell'ambito di educazione e formazione (ET 2020) – ha affermato - delle metodologie che dovrebbero essere seguite all'interno della cornice istituzionale di dimensione europea ed abbiamo combinato le dimensioni dell'educazione: formale, non formale ed informale, facendo rete tra scuole e mondo del lavoro visto che c'erano anche funzionari di enti come Unione dei Comuni. E’ importante lavorare insieme – ha proseguito - mettendo a confronto più sistemi scolastici; l’apprendimento linguistico è stato uno dei nostri obiettivi, comunicazione verbale e non, e metodologie per affrontare situazioni a rischio.”

Il gruppo dei docenti del “Malafarina” di Soverato, a fine corso, ha giudicato lo stesso “interessante perché – hanno affermato – il mentor è una figura in Italia ancora prevista come funzione strumentale e, in base anche a questa esperienza ed alla riforma della scuola, cercheremo d'incrementare nel nostro Istituto ‘Malafarina’ le attività in tal senso, anche attraverso i colloqui avuti con le colleghe dell'estero che ci hanno illustrato meglio le competenze del mentor e la differenze tra il mentor ed il Coaching, in base alle loro esperienze nelle proprie scuole.”

Le docenti, Irene Artma (professoressa di estone) di Tallin, e Neringa Frolovaite (project manager ed insegnante d’inglese) della Lituania hanno evidenziato che “non è il primo corso che fanno ma, in Italia, è il primo. E’ stato bello visitare tante scuole ed i borghi di questo territorio, avere così tanta ricchezza culturale a disposizione è sicuramente positivo, così com’è stato bello provare tanti prodotti locali. E’ stato utile – ha concluso Neringa Frolovaite - anche per una futura collaborazione con gli altri docenti partecipanti, così com’è stata utile l’esperienza dei colleghi tedeschi che cercheremo di applicare anche nelle nostre scuole con questa figura del mentor.”

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa