Un nuovo successo per Genti di Calabria a Bologna
Menu

Un nuovo successo per Genti di Calabria a Bologna

Pina Lalli Pino Bertelli e Francesco MazzaAlla presenza dei due autori è stata proiettata, in Aula, la foto-visione dell’atlante di geografia umana e a seguire il docu-film Pino Bertelli- I colori del cielo, che hanno da subito catturato l’interesse dei presenti. Molti sono stati gli interventi degli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali e delle persone esterne all’ambiente universitario che hanno deciso di prendere parte all’evento. A colpire favorevolmente gli autori è stata la qualità delle riflessioni che il progetto ha generato e che vertevano prevalentemente sulla necessità culturale di scardinare i pregiudizi, aprirsi all’accoglienza, rispettare il diverso e ritrovare i valori tradizionali della famiglia, dell’amicizia e dell’amore. Due in particolare le testimonianze che più di ogni altra hanno emozionato e fatto pensare; la prima di uno studente pugliese sceso a trovare i sui genitori in un periodo di particolare siccità. Quando la pioggia tornò a fare visita, il ragazzo si stupì di vedere suo padre ancora preoccupato per le sorti del raccolto. Il padre lo invitò, quindi, a scavare in un punto qualsiasi del terreno: dopo già pochi centimetri la terra era ancora asciutta e arida. Quest’episodio divenne per il giovane, di fondamentale importanza per comprendere quanto poco si è abituati ad andare in profondità, accontentandosi sempre della superficie, delle apparenze. Il secondo racconto è stato donato alla platea da un illustre professionista calabrese, residente a Bologna da molto tempo. L’uomo, un commercialista originario di Catanzaro, ha spiegato come un controllo fiscale a un suo cliente abbia subìto un particolare cambiamento di sviluppo allorché, consegnando i propri documenti, sono emerse le sue origini calabre. Il dibattito, durato un’ora in più oltre le due previste dalla lezione, è stato arricchito dagli interventi di Francesco Mazza, soffermatosi sul concetto di bellezza che ha voluto rappresentare attraverso i volti e le parole dei calabresi senza utilizzare immagini-cartolina. Il regista si è soffermato inoltre sul ruolo di alcune figure emblematiche presenti nel suo lavoro, esempi illustri di come la Calabria non può essere davvero quella che i media raccontano, una terra “dominata solo dal malaffare”. Il fotografo Pino Bertelli, invece, dopo aver ribadito che le “foto vanno ascoltate e non viste” e che anche se tecnicamente imperfette rappresentano la bellezza se fatte con il cuore, ha lasciato l’uditorio con una provocazione citando Roberto Rossellini ed Eugene Smith, i quali pur lasciando un incredibile tesoro di cinema e fotografia all’umanità intera, sono morti senza un soldo. La giornata si è conclusa con il riconoscimento dell’importanza del progetto da parte dell’ospite Pina Lalli, la quale si è detta intenzionata a diffondere nella sua Emilia Romagna e oltre, la grandiosità di Genti di Calabria.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa