Orientagiovani 2019, a Catanzaro appuntamento al “Casalinuovo”
Menu

Orientagiovani 2019, a Catanzaro appuntamento al “Casalinuovo”

ferrara froioTorna anche quest’anno Orientagiovani, la manifestazione promossa da Confindustria su tutto il territorio nazionale e voluta per mettere in relazione il mondo delle imprese e gli studenti. A Catanzaro, l’evento coordinato dal gruppo dei Giovani Imprenditori di Confindustria Catanzaro, si terrà il prossimo 24 gennaio, a partire dalle 9:00, presso l’auditorium “G. Casalinuovo”. Il tema scelto per il 2019 è “Il successo del fallimento!”, un argomento emblematico dal punto di vista sociale ed economico attraverso cui stimolare la riflessione nei ragazzi grazie alle testimonianze dirette di giovani imprenditori e capitani d’industria affermati.
Inoltre, grazie alla collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale diretto da Maria Rita Calvosa, quest’anno si è riusciti a concentrare in un’unica iniziativa un confronto ampio con le scuole: «Orientagiovani è il modo migliore per far conoscere ai ragazzi la realtà produttiva locale, ciò che le imprese fanno e ciò di cui le imprese avranno bisogno nei prossimi anni – ha spiegato Caterina Froio, presidente dei Giovani Imprenditori catanzaresi -. Siamo felici di aver trovato una sponda organizzativa concreta nell’Ufficio scolastico regionale perché avremo la possibilità di arrivare in maniera più diretta e immediata agli studenti: vogliamo avere modo di interagire con loro durante tutto l’evento».
Orientagiovani è quindi un’occasione concreta di affrontare alcuni degli aspetti determinanti quando si parla di politiche attive per il lavoro come l’incontro tra domanda e offerta e l’emigrazione alla ricerca del lavoro: «Non scopro di certo io quanto sia difficile oggi per un giovane calabrese, che abbia anche acquisito buone competenze professionali, trovare lavoro nella propria terra – ha detto Aldo Ferrara, presidente di Confindustria Catanzaro -. Ma c’è anche una difficoltà da parte delle aziende nel trovare forza lavoro adatta. È come se le aziende parlassero una lingua diversa da quella dei giovani, pertanto capirsi è spesso complicato: Confindustria vuole quindi costruirsi un ruolo da “traduttore”, da intermediario grazie al quale mettere a confronto le esigenze delle imprese con le competenze che i giovani possono acquisire, così da favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Per farlo, però, abbiamo bisogno della forte collaborazione delle università, e non parlo solo di quelle calabresi, a cui è demandato il compito più delicato e che riguarda la costruzione dell’offerta formativa. Ecco, il progetto da realizzare, che è di certo ambizioso ma senza dubbio determinante per il futuro del Paese, prevede la collaborazione tra tutti questi soggetti così da costruire un percorso virtuoso in cui i giovani che vogliono rimanere in Italia e nella loro regione d’origine possano trovare il modo di formarsi nei campi a loro più congeniali tra quelli più utili al settore produttivo».

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa