Soverato, Nathan il cucciolo massacrato e miracolosamente sopravvissuto ha commosso la città
Menu

Soverato, Nathan il cucciolo massacrato e miracolosamente sopravvissuto ha commosso la città

cucciolo massacratoSOVERATO - Questa è la storia di Nathan, cucciolo di cane scampato a morte certa dopo aver subito una deprecabile aggressione, a Soverato. Il piccolo è diventato nelle ultime ore, tra tutti gli amanti degli animali (e non solo), di in particolare cani, il simbolo della forza e della voglia di non mollare mai, nonostante gli sia accaduto qualcosa di increscioso e gravissimo. Era il 22 agosto, prime ore del pomeriggio, quando il piccolo Nathan, cagnolino bianco-nero di due mesi di età e di tenerezza, veniva brutalmente percosso da un uomo. Colpi terribili che hanno lo hanno ridotto in fin di vita, le sue strazianti grida di dolore hanno subito attirato l'attenzione di alcuni cittadini i quali hanno immediatamente avvertito Serena Voci, la responsabile della Lega del Cane di Soverato, giunta sul posto assieme al marito. Il piccolo e indifeso quadrupede giaceva a terra in una pozza di sangue (le immagini sono forti e non le mostriamo), è stata perciò repentina la corsa verso il Centro Veterinario Sirio per cercare di condurlo alla salvezza nonostante le speranze si presentavano flebili. Subito dopo, il sindaco di Soverato, Ernesto Alecci, e l’assessore alle Politiche Sociali, Sara Fazzari, si sono precipitati sul posto per verificare di persona, ovviamente unanime è stata la loro condanna, e di tutti i cittadini attraverso i social network, verso la crudeltà dell'uomo nei confronti dell’animale che spesse volte, purtroppo, oltrepassano ogni limite. Nel frattempo il primo referto medico del piccolo è risultato impietoso, lesioni e fratture varie hanno fatto temere il peggio vista la giovanissima età. Col passare delle ore su Facebook, divulgata la notizia, è esplosa la rabbia di tutti gli amanti dei cani per il gravissimo e disdicevole episodio, soprattutto perché accaduto in un territorio che si è sempre distinto per la difesa del cane.
Nathan, sottoposto alle cure, ha però accenni di piccoli segni di ripresa; la sua volontà è quella di sopravvivere, è troppo presto per lasciare subito il mondo nonostante questo gli abbia, per il momento, riservato solo un dolore incancellabile. La voglia di rialzarsi è però tanta, tutti sperano nel miracolo che arriva dopo tre notti insonni; le cure dei giovani veterinari del rinomato centro soveratese sono risultate provvidenziali e così , per Nathan, la morte è stata allontanata. Inutile sottolineare la gioia e la commozione, in particolare di Serena Voci, che non ha mai smesso di credere nel miracolo come tutta la gente che ha seguito, con ansia e tantissima partecipazione, l’evolversi della vicenda. “Da oggi in poi nessuno più ti farà del male e i giorni passati per te saranno solo un triste ricordo. Nathan, adesso hai un nome e hai persone accanto a te che non ti lasceranno più” ha postato la Voci sulla sua pagina Facebook, letteralmente invasa in queste ultime ore da commenti di gioia e soddisfazione di tutti coloro che hanno preso a cuore la storia del cagnolino. La Lega del Cane di Soverato ha annunciato che a breve partirà una raccolta fondi per aiutare, di più, Nathan ad andare avanti; serviranno inevitabilmente altre cure, anche interventi chirurgici, per garantirgli una vita normale. Perché al pari dell’uomo, nonostante questo sia troppo spesso ingiustamente crudele, anche l'animale ha diritto alla vita, l’aggressione subita dall’innocente Nathan ha suscitato la più ferrea condanna da parte di tutta la città, la speranza è che episodi simili non si ripetano mai più. Ma al di là di questo, la storia di Nathan ha insegnato a tutti noi che non bisogna mai mollare, nemmeno quando tutto sembra finire, perché finché c'è vita, c'è speranza. Applausi per tutti, per Nathan e per chi lo ha salvato.

Francesco Gioffrè

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa