Francesco Gioffrè
Menu

Francesco Gioffrè

Calcio, "Esordienti": il Soverato Virtus si arrende al Real Cosenza in semifinale

esordienti-Soverato VirtusSOVERATO – Termina in semifinale il cammino degli "Esordienti" del Soverato Virtus. Il percorso verso la finale del torneo regionale viene interrotto dal Real Cosenza, con un risultato complessivo di 5-2 ai danni dei piccoli biancorossi. I primi due mini-tempi si concludono a favore dei cosentini, rispettivamente vittoriosi per 2-0 e 2-1; a nulla serve l'1-1 nel terzo ed ultimo tempo. Comunque sia andata, c'è da fare un grosso applauso al Soverato Virtus, che si conferma ancora una volta tra le migliori realtà del settore giovanile, essendo arrivato a confrontarsi con realtà ben più grosse. Il Real Cosenza andrà ad affrontare, in finale, la Reggina, vittoriosa a sua volta sul CSPR. Soddisfazione nel sodalizio calcistico soveratese guidato da Mario Cannistrà, che si dice "compiaciuto, nonostante l'eliminazione, per la bellissima giornata di sport, caratterizzata da una sfida di prestigio contro avversari più quotati, ai quali va il nostro più grosso in bocca al lupo. Siamo fieri di aver raggiunto le semifinali, perse contro un avversario oggettivamente superiore a noi; è un onore essere arrivate tra le prime quattro".

Francesco Gioffrè

Spettacolo tra Don Bosco Soverato e Pallavolo Davoli: gara 1 alle azzurre al tie-break

Spettacolo tra Don Bosco Soverato e Pallavolo Davoli: gara 1 alle azzurre al tie-break - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Don Bosco Soverato-Pallavolo Davoli gara 1SOVERATO – Sono necessari 5 set nella gara 1 della finale terzo/quarto posto di Prima Divisione Femminile tra la Don Bosco Volley Soverato e la Pallavolo Davoli. E' la squadra di coach Domenico Lentini ad avere la meglio, al termine di un match equilibrato fino al quarto set; le azzurre, dopo aver conquistato i primi due "giochi", vengono riprese dal volenteroso Soverato, che recupera il doppio svantaggio mandando tutti al tie-break, dove un'ineccepibile 5-15 regala il successo al Davoli, che adesso "vede" il terzo posto più da vicino in attesa di gara 2, da disputare in casa. Ottima la partita disputata da entrambe le formazioni, in cui grandi giocate difensive-offensive si alternano a cose "meno belle" offrendo al pubblico una sfida ricca di colpi di scena. Iniziano bene Paola Vaccaro e compagne per le locali, ma il Davoli non si scompone e concretizza il primo vantaggio (3-6) costringendo il tecnico soverates Raffaele Gagliano al primo time-out, dopo il quale arriva la reazione grazie ai servizi vincenti di Maria Teresa Mele. Elisa Nisticò e socie, però, ricominciano a segnare, respingendo inoltre le offensive delle "pigiessine" con efficaci "bager" e salvataggi acrobatici. Anna Gidari e "Lella" Chiaravalloti, oggi capitano al posto dell'indisponibile Angela Ranieri, trovano i punti vincenti per lo 0-1, giunto con il largo passivo di 11-25. Nel secondo game partenza ok per le "Lentini Girls", ma la Don Bosco risponde "a tono" trascinata dai punti di Vaccaro e di Alessandra Longo, portandosi sul 5 pari. Gidari, per le ospiti, firma l'ace della possibile "fuga", tuttavia le padroni di casa mantengono la calma e ristabiliscono la parità a quota 11. A questo punto il Davoli "mette la quinta", e va sul +6 obbligando Gagliano all'ennesimo time-out, che sembra dare i frutti sperati grazie ai due "ace" consecutivi di Vaccaro che "infiammano" il pubblico di fede rosa-nero che sogna la rimonta. E' lotta serrata, "Giadina" Catalogna realizza il punto del 17-21, ma il Soverato "non muore" e si rifà sotto Don Bosco-Pall. Davoli gara 1portandosi a -1. Nel finale "tiratissimo" sono ancora una volta le ragazze della presidentessa Raimondo a gioire, con il 25-20 che significa 0-2. Terzo set, è ancora l'equilibrio a regnare incontrastato; pian piano però viene fuori la Don Bosco, che aumenta il ritmo negli attacchi dimostrandosi più determinata rispetto ai set precedenti. Il Davoli, invece, allenta la presa, ma rimane "in scia" alle avversarie. Maria Laura Longo, per il Soverato, trova punti determinanti, ai quali concorrono anche i servizi vincenti di Alessandra Gagliardi. Sul 18-15 è Lentini a chiamare il time-out, e la sua squadra torna "a galla" (21-19), ma l'ex-PGS c'è, e riapre i giochi portandosi a casa il set (25-21). Nel quarto gioco, le locali reagiscono positivamente ad un avvio negativo, ma il Davoli rialza la testa e rimonta, portandosi sul +3 (6-9) con l'ace di Nisticò. La Don Bosco non molla, dà vita ad un testa a testa "elettrizzante" e, trascinata dall'ace di Alessandra Longo e dai muri vincenti di Gagliardi e di Federica Verna, va sul 14-11. In "casa Davoli", come spesso accaduto in questa stagione, si assiste al black-out, con le ragazze che perdono lucidità e sbagliano molto; ciò nonostante, però, accorciano le distanze arrivando a -3 (18-15). Lentini si gioca la "carta" Mara Ranieri, inserendola al posto di Gidari, per provare a riacciuffare il risultato; il cambio sembrerebbe essere azzeccato visto il punto della stessa Ranieri e alle sue belle giocate, ma il duello tra i due sestetti prosegue senza sosta, e alla fine sono le soveratesi a gridare la propria gioia per il pareggio raggiunto, con un altro 25-21, che rimanda ogni discorso al tie-break. Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare, ebbene a fare la parte dei duri (in questo caso delle "dure") sono le davolesi; il quinto set, infatti, è a "senso unico" per il team azzurro, capace di rifilare un sonoro 1-8 nel primo "mini-set" alle rivali; nel cambio campo il Davoli non si stanca di essere "super", e decide di riprendersi quanto lasciato in precedenza, non perdonando gli errori difensivi delle soveratesi, ottenendo alla fine il pesante successo nell'economia dell'intera sfida (5-15). Sabato alle 18, sul parquet amico, il Davoli proverà a chiudere il conto di fronte al proprio pubblico, mentre la Don Bosco Soverato vorrà recuperare per regalarsi la "bella".

Francesco Gioffrè


DON BOSCO VOLLEY SOVERATO 2
PALLAVOLO DAVOLI  3
(11-25, 20-25, 25-21, 25-21, 5-15)

DON BOSCO VOLLEY SOVERATO: Gagliardi, Longo A., Longo M., Mele, Vaccaro (k), Verna, Macrì (L), Grande, Russo, Procopio. Coach: Raffaele Gagliano
PALLAVOLO DAVOLI: Martino, Castellano, Gidari, Catalogna, Chiaravalloti (k), Nisticò, Ranieri M., Costa, Daniele, Messina, Papa, Zangari. Coach: Domenico Lentini
ARBITRI: Vito Cangemi e Rocco Paparazzo

La "Festa del Grazie" alla scuola "Nicholas Green" di Soverato

La "Festa del Grazie" alla scuola "Nicholas Green" di Soverato - 4.0 su 5 basato su 5 voti

nicholas green 1SOVERATO – Con l'arrivo di Giugno, inizia la "serie" delle classiche recite di fine anno scolastico. Anche quest'anno la Scuola dell' Infanzia "Nicholas Green" di Soverato non si è fatta attendere, ed ha "inaugurato" questa mattina la "rassegna" degli appuntamenti teatrali, che proseguirà sabato prossimo. Protagonisti i bambini delle terze sezioni, in uscita dalla Scuola dell'Infanzia, e pronti per iniziare l'avventura nella Scuola Primaria. Oggi è stata la volta della III B, che ha inscenato "La festa del grazie" divertendo il pubblico presente. Le maestre hanno aperto, dando il benvenuto a genitori e nonni accorsi per l'evento. "In questi tre anni noi e i bambini abbiamo lavorato molto, crescendo insieme, e auguriamo loro un futuro sempre più bello. La "festa del grazie" esprime la riconoscenza dei piccoli protagonisti verso tutti coloro che ruotano intorno al loro "mondo". Tra una battuta e l'altra, i piccoli alunni simulano un vero e proprio spettacolo, con tanto di spontaneità e simpatia come solo i bambini sanno fare. Diversi i canti che hanno allietato la rappresentazione, dedicati alle persone care. Molto l'entusiasmo suscitato nella "platea", e tantissimi apprezzamenti espressi da genitori e presenti tra cui la Dottoressa Anoia, Responsabile del Centro Psico-Pedagogico dell' A.S.P. di Soverato, la quale ha manifestato il suo compiacimento per il lavoro svolto dalle Insegnanti Assunta Criniti, Rosa Tropea e Maria Stella Clemente, di cui hanno beneficiato tutti gli alunni ed, in particolare, una bambina diversamente abile che ha partecipato "alla grande" a tutta la manifestazione. A conclusione della festa è stato proiettato, ad opera di un genitore, un video che ha emozionato il pubblico, contenente le immagini più significative del percorso scolastico. I bambini hanno, infine, ricevuto il "diplomino" accompagnato dal tradizionale "cappello".

Francesco Gioffrè

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa