Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Girifalco, i controlli dei carabinieri sospendono attività di cantiere

girifalcoNella giornata di ieri Militari della Compagnia di Girifalco insieme ai carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro (N.I.L.) di Catanzaro e al personale ispettivo dell'Ispettorato territoriale del lavoro (I.T.L.) del capoluogo hanno dato corso ad una serie di accertamenti presso il cantiere della futura "Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza" (R.E.M.S.) in viale 25 aprile a Girifalco. L'intervento, realizzato in ottima sinergia tra carabinieri della compagnia e personale specializzato nel settore della tutela del lavoro, costituisce un'iniziativa a supporto alla sicurezza nei cantieri, volto frattanto anche alla prevenzione e al contrasto del lavoro irregolare. Le verifiche, concentratesi su tre imprese attualmente operanti sul cantiere, hanno portato a contestazioni di natura amministrativa e penale. Carenti le misure di sicurezza adottate. Sono stati segnalati 4 lavoratori irregolari sui molti controllati, comminate ammende per oltre 25.000 euro e sanzioni amministrative per circa 16.000 euro. Ad alcune imprese è stata imposta la sospensione delle proprie attività sul cantiere. Ulteriori accertamenti sono ancora in corso.

Lamezia Terme, arrestata l’escalation delinquenziale di un giovane lametino

Immagine2Un passato caratterizzato da piccoli precedenti che oggi si stavano trasformando in episodi delittuosi sempre più gravi. Fortunatamente è stata fermata l’escalation delinquenziale di S.O., giovane lametino cl.’93 residente a Pianopoli. Nei suoi confronti è stata eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme una misura di custodia cautelare in carcere, emessa dal locale Tribunale, che scaturisce da una lunga serie di approfondimenti investigativi sul suo conto svolti dalla Stazione di Pianopoli con la collaborazione del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme. Nel provvedimento, dal quale emerge la personalità dello S., caratterizzata da “spiccata aggressività”, vengono contestati i reati di detenzione e porto abusivo di materiale esplodente, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali gravi e danneggiamento, riconducibili nello specifico a tre episodi dei quali il giovane sarebbe stato individuato quale responsabile.
Iniziando dalla notte del 05 giugno del 2017, allorquando il citato soggetto, “al fine di incutere pubblico timore”, collocava e faceva esplodere un ordigno esplosivo di fattura artigianale nei pressi di alcuni cartelloni pubblicitari lungo la pubblica via a Pianopoli, totalmente incurante di possibili rischi per l’incolumità di eventuali passanti. Da un’attenta analisi del sistema di videosorveglianza cittadino e da approfondimenti investigativi si è potuti giungere all’identificazione dello Stranieri quale autore del gesto. Successivamente, il giovane veniva trovato in possesso di una motocicletta rubata nel Comune di Feroleto Antico. La pericolosità dello S. emerge infine nell’ultimo evento risalente al 18 dicembre 2017. Un lungo inseguimento per le vie trafficate di Lamezia Terme di una Toyota Yaris che non aveva arrestato la marcia ad un posto di controllo effettuato da una pattuglia della Guardia di Finanza. Alla guida dell’utilitaria sempre il ragazzo che, per guadagnare la fuga, sperona il mezzo militare e successivamente effettua una serie di manovre pericolosissime che portano la pattuglia a collidere con un altro veicolo.
Pertanto, alla luce delle risultanze investigative inerenti i citati eventi delittuosi connotati da condotte particolarmente gravi ed allarmanti, lo Stranieri è stato tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Catanzaro.

Chiaravalle Centrale, occultava eroina nel centro d’accoglienza: arrestato

Materiale sequestratoI Carabinieri della Stazione di Chiaravalle Centrale hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, B.F., 20 enne originario della Sierra Leone, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare, nell’ambito di un mirato servizio finalizzato alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, i militari hanno effettuato dei controlli, che hanno riguardato anche il C.A.S. (Centro Accoglienza Straordinaria), eseguendo numerose perquisizioni personali nei confronti dei soggetti stranieri dimoranti presso quella struttura. Le attività di ricerca, protrattesi per tutta la mattinata, hanno consentito di rinvenire, all’interno dello zainetto in uso al citato B.F., un barattolo di caramelle contenente 12 grammi di eroina e 1 di cocaina, già suddivisa in dosi e pronta per essere ceduta.
La sostanza stupefacente è stata sequestrata e, previo campionamento, verrà inviata presso il L.A.S.S. (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) di Vibo Valentia, per gli accertamenti qualitativi, mentre il B., espletate le formalità di rito, è stato tratto in arresto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Soverato.
Il G.I.P. di turno presso il Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto, senza disporre ulteriori misure nei confronti del prevenuto.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa