A Chiaravalle Centrale bollette “salate”, Donato: colpa dell'ex sindaco
Menu

A Chiaravalle Centrale bollette “salate”, Donato: colpa dell'ex sindaco

acquadebito 1Piovono bollette idriche particolarmente “salate” a Chiaravalle Centrale. E l'amministrazione comunale ha indetto una conferenza stampa per spiegare, esattamente, i termini della questione. “Colpa del precedente sindaco” hanno spiegato l'attuale primo cittadino, Mimmo Donato, l'assessore al Bilancio, Claudio Foti, e il vicesindaco, Pina Rizzo. I ruoli che stanno arrivando, in buona sostanza, si riferiscono all'annualità 2013. “Bollette poi rimaste incomprensibilmente nel cassetto per anni e anni” hanno precisato gli amministratori, e sulle quali “la vecchia giunta comunale guidata dall'ex sindaco Gregorio Tino aveva applicato, con propria delibera, esorbitanti aumenti di tariffe”. “Con il Comune in dissesto - ha chiarito l'assessore Foti - adesso è l'organismo straordinario di liquidazione che sta gestendo questo enorme e ingiustificato pregresso, andando a recuperare quelle somme per ripianare il debito dell'ente”. “Debito sicuramente non provocato da noi - ha attaccato il sindaco Donato. - Noi, in bilancio, di questi soldi non sentiremo neanche la puzza, perché andranno a finire direttamente nelle casse dell'Osl”. Da evidenziare anche una serie di problematiche nei conteggi, attualmente in fase di ricalcolo, famiglia per famiglia. “Anche questo un problema ereditato dalla vecchia amministrazione - hanno tuonato i vertici di via Castello - perché la banca dati è rimasta per noi inaccessibile a causa del mancato pagamento della ditta affidataria del servizio di riscossione. Gli uffici hanno dovuto lavorare su file excel”. Il sindaco ha voluto ringraziare i cittadini “per la comprensione”. Per aver capito, cioè, “chi sono i veri responsabili di questo disastro”. Foti ha ulteriormente precisato che “è stato istituito un ufficio unico per i tributi, sanando una situazione di confusione che impediva ai cittadini di ricevere risposte rapide ed esaustive alle loro istanze”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa