Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Maltempo: continuano le operazioni di soccorso nella provincia di Catanzaro

maltempo3Continuano le operazioni di soccorso per maltempo nella provincia di Catanzaro. Incrementato dispositivo di soccorso con richiamo in servizio di personale vvf di turno libero. Giunta in supporto una squadra del comando vvf di Vibo Valentia. Diverse criticità lungo l'arteria della SS 106. Numerosi gli alberi sulla sede stradale con disagi per la viabilità. Lungo la SS 180 tra i comuni di Cropani e Sersale, si registra il cedimento strutturale di una parete del capannone dell'oleificio Le Pera. Sul posto una squadra dei vigili del fuoco e personale tecnico del comune di Cropani. Nel comune di Botricello, un tratto della SS 106 chiusa al traffico per il tetto divelto di un' abitazione . Sempre sulla SS 106 direzione Reggio Calabria, numerosi gli ostacoli lungo la carreggiata in particolare nel tratto tra il comune di Santa Caterina sullo Ionio ed il comune di Guardavalle dove si è verificato il ribaltamento di un autocarro per il quale è intervenuta anche l'autogru dei vigili del fuoco .maltempo 4

Volley Soverato, colpaccio al "Palamanera" contro la capolista

Lpm Bam Mondovì 0
Volley Soverato 3

Parziali set: 23/25; 16/25; 15/25

LPM BAM MONDOVI’: Biganzoli 8, Tonello 6, Demichelis, Rivero 10, Rebora 5, Bici 6, Agostino (L), Rolando, Costamagna, Sciolla ne, Camperi 1, Mazzotti ne. All. Delmati.

VOLLEY SOVERATO: Millesimo ne, Formenti (L), Bertone 3, Donà (K) 4, Gray 17, Frigo 8, Pizzasegola 1, Valli, Caforio (L), Taborelli, Mc Mahon 14. Coach: Leonardo Barbieri

ARBITRI: Santoro Angelo – Armandola Cesare

DURATA SET: 25’, 22’, 21’. Tot 1h08’

MURI: Mondovì 6, Soverato 10

Mondovì Soverato1Colpaccio Soverato! Dopo tre sconfitte consecutive, ritorna alla vittoria la squadra di coach Barbieri facendolo, probabilmente, in quella che sicuramente sulla carta era la partita più difficile dell’ultimo periodo; di fronte, infatti, le “cavallucce marine” avevano la capolista LPM Bam Mondovì. Tre a zero secco (come il match di andata) per Bertone e compagne che sono state padrone del campo al “Palamanera” contro le piemontesi che, a differenza di Soverato, arrivavano da ben sei vittorie consecutive che le avevano proiettate in vetta. Una prestazione maiuscola da parte delle ioniche del presidente Matozzo che, nonostante una buona partenza delle locali nella prima parte del primo set (16-11), sono riuscite con calma e bel gioco e recuperare il gap. Nei restanti due set il Soverato, ad un certo punto, ha messo il turbo e non ha lasciato scampo alle padrone di casa. Passiamo al match. Le padrone di casa scendono in campo con il consueto sestetto: diagonale Demichelis-Bici, al centro Rebora e Tonello, schiacciatrici Biganzoli e Rivero, Agostino libero. Soverato invece schiera il consueto sestetto con Pizzasegola al servizio e Mc Mahon opposto, al centro Frigo e Serena Bertone, schiacciatrici Donà e Gray con libero Caforio. Inizia la partita con le squadre che si studiano nelle prime battute che vede avanti la compagine padrone di casa, 5-4, con la capolista che ha il primo allungo sul 10-6 che costringe Soverato al primo time out dell’incontro. Break di Soverato con Pizzasegola al servizio e punteggio di parità 11-11; bell’avvio di gara questo del “Palamanera”. Trova il suo primo vantaggio la squadra di Leo Barbieri, 13-14, che poco dopo si porta sul più due, 15-17 con Mondovì al suo primo time out. Ancora le calabresi al rientro in campo, 15-18, con Mondovì comunque che non ci sta a lasciar scappare le ospiti; qualche difficoltà per le piemontesi adesso e Soverato è sul più quattro, 17-21 con latro time out chiesto da coach Delmati. Si riavvicina Mondovì sul 19-22 e rosicchia ancora un punto la capolista con time out questa volta per Soverato sul 20-22; è parità al rientro 22-22 con due attacchi murati dalle locali. Sbaglia la battuta Rivero e Soverato ritorna avanti 22-23 e arriva la prima palla set per le ioniche sul 23-24 e chiude subito il primo set 23/25 nonostante il recupero della capolista. Parte iniziale del secondo parziale che vede la parità tra Mondovì e Soverato, 6-6, con il pubblico presente sugli spalti che si diverte, perché in campo si vedono degli scambi di livello alto. Mini break calabrese con doppio ace della Frigo e punteggio di 9-12; coach Delmati chiama time out con il Soverato avanti di quattro lunghezze, 9-13. Al rientro allunga ancora Soverato, 11-17, con Mondovì che non riesce a contrastare in questa fase le ragazze di coach Barbieri; una sola squadra adesso in campo con Soverato a meno quattro dalla conquista del secondo set, 13-21, e con coach Delmati che opera qualche cambio. Chiude il secondo gioco la compagine calabrese con il punteggio di 16/25 con punto di Alexa Gray. Sul doppio vantaggio nel computo set, parte bene il Soverato nel terzo gioco portandosi a condurre 3-7 con le piemontesi in difficoltà; reazione di Biganzoli e compagne adesso a meno uno, 10-11, ma arriva un nuovo allungo ospite, 10-14 e sul 12-16 coach Delmati chiama time out. Soverato riesce a mantenere il vantaggio, tenendo alta la concentrazione, e porta a casa la partita con il punteggio nel terzo set di 15/25 con il punto della vittoria realizzato da Alexa Gray. Dunque, un successo molto importante per Soverato che muove la classifica delle calabresi adesso a quota trentacinque e con Trentino scavalcato al sesto posto. Ricordiamo che Soverato e Mondovì si ritroveranno mercoledì 24 Gennaio nuovamente al “Palamanera” per la gara secca dell’ottavo di finale di Coppa Italia A2. Domenica, invece, nuovamente in campo con il match del “Pala Scoppa” contro la P2P Givova Baronissi. Il Soverato, ritrovata la vittoria, ha adesso l’obiettivo di ritrovare i tre punti davanti ai propri tifosi.

Soverato, SaxObar in RodaViva al Room 21

jazz 18«Il SaxObar è un laboratorio musicale, è un connubio di suoni e sensazioni. Il SaxObar è un viaggio fatto di emozioni al ritmo coinvolgente di bossa nova, samba, ‘choro’ e jazz.»  

Potremmo definire il Saxobar come un “contenitore” musicale, che accoglie al suo interno molteplici formazioni, con proposte tra loro simili ma, allo stesso tempo, uniche.

Tra queste, sarà il Trio Jazz RodaViva ad esibirsi giovedì 18, ore 22, presso il Jazz Club Room 21 di Soverato.

Il gruppo, tutto cosentino, è costituito da Anna Ida Pisani alla voce, Andrea Infusino alla chitarra, e Marco Rossin al sax. Non è la prima volta per i due musicisti, che si sono già esibiti nel locale in Andrea Infusino Jazz 4TET lo scorso 19 ottobre.

Preparate i biglietti!!! La serata di domani ci proietterà in un intenso viaggio musicale che parte dalle assolate spiagge brasiliane di Rio de Janeiro fino alla riva del fiume Tago in Portogallo.

Samba, bossa nova e fado portoghese, in un vortice di ritmi latini: UMA RODA VIVA!

Il repertorio prevede l’esecuzione di brani di artisti riconosciuti a livello internazionale, quali Antônio Carlos Jobim, Toquinho, Amália Rodrigues e VinÍcius de Moraes.

Qualche informazione in più sui componenti del terzetto…

Anna Ida Pisani. Segue gli studi scientifici, si laurea in Ingegneria Edile-Architettura e contemporaneamente intraprende gli studi di canto lirico con il Maestro Rosaria Buscemi, e di canto jazz e pop con il M° Velia Ricciardi. È negli stessi anni che ha inizio la sua carriera di cantante che la vede abbracciare abilmente vari generi musicali, dal lirico al jazz, passando per il pop. Attualmente è la voce del gruppo SaxObar LiveBand e del Trio Jazz RodaViva.

Andrea Infusino. Consegue il diploma di primo livello in chitarra jazz presso il Conservatorio di Cosenza. Nel percorso didattico si interfaccia con numerose realtà, come Oriolo Jazz e Orsara Jazz, di cui è vincitore di una borsa di studio nel 2010. Studia e collabora con professionisti quali Umberto Fiorentino, Fabio Zeppetella, John Arnolds, Marco Panascia, Lucio Ferrara, e tanti altri. Dal 2017 è impegnato nella promozione del suo primo lavoro discografico, Between 3&4, edito dall’etichetta Emme Record Label di Roma.

Marco Rossin. Diplomato in sax presso il conservatorio di Cosenza, frequenta vari corsi di perfezionamento con maestri del calibro di Francesco Salime e J. Y. Formeaux. Persegue molti progetti musicali in ambito orchestrale, diretto dai M° Andrè Waignein, Riccardo Muti, e consegue il primo premio in ben quarantasette concorsi a livello internazionale. Ma il suo interesse spazia anche verso altri stili, che lo vedono cooperare con musicisti e formazioni quali Achille Succi, Piero Leveratto, Joe Amoruso, Balkanica Jazz Quintet.

La rassegna di gennaio vi aspetta ancora con un altro appuntamento, nuovi ospiti ma anche volti già incontrati nelle precedenti puntate.

Stay tuned!

Francesca Mancuso

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa