Antonio Mauro
Menu

Antonio Mauro

Il dott. Natale Saccà', medico e scrittore, e altri collaboratori della storica prima divisione di Medicina Generale dell’ospedale “Pugliese” di Catanzaro ricorda la figura del loro primario e maestro dott. Giuseppe Zimatore

prima divisione medicina ospedale puglise anni 80E’ stato uno dei padri nobili dell’ospedale “Pugliese”. Così Natale Saccà, medico e scrittore, e gli altri collaboratori della storica prima divisione di medicina generale dell'ospedale di Catanzaro, ricordano la figura del loro primario e maestro dottor Giuseppe Zimatore, scomparso nei giorni scorsi. Saccà e i colleghi ne ricordano la «capacità di anticipare i tempi, intuire nuove strade e nuovi modelli ospedalieri». «Negli anni Settanta e Ottanta – ricordano - Zimatore parlava di deospedalizzazione. Dopo venti anni si cominciò a parlare, in tutte le sedi ed in tutti i modi, di day hospital, day surgery; negli ultimi dieci anni sono stati introdotti nuovi acronimi e nuove parole: day service, Pac, Apa. Un modo elegante e moderno per deospedalizzare, cioè mettere in pratica quello che egli aveva intuito molti anni prima. Ha dedicato ad un’altra nuova idea, il “tempo pieno”, i migliori anni della sua brillante carriera. “Tempopienisti” erano allora definite quelle figure di medici, molto folli per quei tempi, che erano affascinati da quest’altra tua intuizione. Anche questa sua intuizione adesso è la regola negli ospedali italiani. Su queste basi ha fondato l’Amotep, associazione medici ospedalieri a tempo pieno». Saccà e gli altri collaboratori ricordano, inoltre, il nuovo modo di lavorare nell’ospedale immaginato da Zimatore, con l’introduzione delle «riunioni di reparto in cui, tutto il personale, compresi gli infermieri, discutevano periodicamente dei casi clinici più complessi. Ha allargato questo metodo fino a realizzare gli incontri tra i sanitari di vari reparti offrendo la possibilità di aprirsi al dialogo e al confronto. In questo contesto si inseriva la nascita della sua rivista “La cellula ospedaliera”, che accoglieva i contributi di tutti i dipendenti ospedalieri». Di Zimatore, inoltre, viene ricordata la sua «considerazione per le persone più deboli, per i diversi, i tossicodipendenti, gli alcolisti: adesso è quasi di moda parlare dei pazienti fragili, trent’anni fa per molti era solo una perdita di tempo». «Zimatore – concludono – ha dato tutto all’ospedale “Pugliese” e noi non finiremo mai di ringraziarlo».

Fibrosi cistica Calabria, pazienti ancora senza risposte

fibrosiAncora nessuna risposta per i pazienti affetti da fibrosi cistica, lo rende noto l’associazione Respirando la Vita Fibrosi Cistica Calabria. Nel centro di cura regionale, da mesi manca il fisioterapista respiratorio, da circa un anno il pediatra, e le due pneumologhe, ancora precarie, a gennaio rischiano di andare via: ancora una volta, l’associazione è costretta a chiedere delle soluzioni definitive con personale esperto, per garantire il diritto alla salute e all’assistenza dei pazienti. A 3 anni dall’apertura del centro fibrosi cistica a Lamezia Terme, unico centro regionale per i malati, tutti i medici al momento sono precari o mancano, a eccezione del dirigente responsabile e della psicologa. Una situazione insostenibile per dei pazienti che hanno una malattia cronica per la quale non c’è cura. basti pensare che, da quando manca il fisioterapista, alcune famiglie hanno dovuto accompagnare neonati e bambini molto piccoli nel centro più vicino: quello di messina. Secondo gli standard di cura europei, l’organico strutturato dovrebbe essere composto da 2 pediatri, 2 fisioterapisti respiratori e 2 pneumologi, esperti di fibrosi cistica. A febbraio di quest’anno, l’Asp di Catanzaro ha bandito la mobilità per 1 pediatra, 1 fisioterapista respiratorio e 1 pneumologo, ma l’associazione non ha avuto riposte ufficiali sull’esito. Nel frattempo, i decreti n. 111 del 10.08.2017 e n. 113 del 11.08.2017 del Commissario ad acta per il piano di rientro dal debito sanitario, Massimo Scura, hanno annullato i precedenti provvedimenti facendo addirittura scomparire la previsione dello pneumologo che, al pari del pediatra e del fisioterapista, è di vitale importanza. Visto che non è stata ricevuta per gli impegni del commissario, l’associazione chiede il reintegro della figura. L’associazione Respirando la Vita si è costituita l’anno scorso per tutelare i diritti dei pazienti. Ha incontrato i dirigenti della sanità, ha fatto un appello al ministro della salute e, anche prima come gruppo di pazienti e genitori, ha promosso iniziative per chiedere soluzioni strutturali. Da settembre 2016 a luglio 2017, ha garantito la presenza del fisioterapista respiratorio pagandolo con le poche risorse a disposizione ed esaurendole quasi del tutto. Per quanto riguarda l’aspetto economico, ricorda anche che, negli anni scorsi, il personale medico precario è stato formato con soldi pubblici, ma alcune figure hanno dovuto lasciare il centro regionale.

Por Calabria : il Centro funzionale multirischi Arpacal diventerà 2.0

arpacal accordoCon i fondi POR Calabria 2014-2020 il Centro Funzionale Multirischi dell’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria) cambierà pelle per diventare 2.0. Saranno, infatti, rafforzate le procedure di diffusione dei messaggi di allertamento per il rischio idrogeologico, e realizzati interventi di integrazione, potenziamento ed adeguamento tecnologico del sistema di allertamento regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico.
E’ stata firmata ieri in Cittadella regionale, nel Dipartimento Presidenza, la Convenzione tra la Regione Calabria, rappresentata dal Dirigente Generale ing. Domenico Pallaria, e l’Arpacal, rappresentata dal Commissario Straordinario avv. Maria Francesca Gatto, per la realizzazione appunto del Progetto denominato “Centro Funzionale Multirischi 2.0”, a valere sul POR Calabria 2014-2020.
Con tale progetto, che ha un valore di circa undici milioni di euro, si vogliono sviluppare ed implementare le capacità di previsione e prevenzione dei rischi meteo-idrogeologici ed idraulici sul territorio regionale, finalizzate alla salvaguardia della pubblica incolumità.
Il progetto prevede quattro ambiti strategici sui quali si svilupperanno altrettante azioni operative; la prima prevede l’implementazione delle attuali reti di monitoraggio e creazione di nuove, anche non fisiche, che effettuino il monitoraggio in tempo reale dei parametri ambientali oltre che di informazioni che provengono da fonti diverse ed eterogenee come i sopralluoghi effettuati con Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR) o anche le informazioni provenienti dalla Rete (Web e Social Media).
La seconda azione progettuale prevede la creazione di un adeguato “contenitore” di dati, anche differenziati tra loro, che garantisca l’integrità, la sicurezza, la fruibilità, la scalabilità e la velocità di accesso da parte degli operatori, ma anche del cittadino comune.
La realizzazione di un sistema informatico (hardware e software) che possa operare sui dati storici ed in tempo reale, sarà la terza azione progettuale. Grazie ad una apposita modellistica, infatti, il Centro Funzionale sarà in grado di elaborare questa mole importante di dati per garantire, senza soluzione di continuità, interventi come gli allertamenti relativi al rischio meteo-idrogeologico ed idraulico oltre che quelli per l’Anti Incendio Boschivo, in fase previsione e per evento in corso, o anche la fornitura di dati meteoclimatici grezzi ed elaborati, nonché, infine, la realizzazione del Bollettino Siccità.
La quarta ed ultima azione progettuale, considerata trasversale alle prime tre in considerazione dell’obiettivo finale da raggiungere, è l’attuazione di un sistema di comunicazione delle allerte, rivolta agli altri Enti facenti parte del Sistema nazionale di protezione civile, oltre che al cittadino, implementato secondo il criterio della “omnicanalità”, cioè la diffusione delle allerte ai diversi soggetti (Istituzioni e cittadini) in forme diverse e personalizzate, ma garantendo comunque l’univocità del messaggio. Il progetto avrà una durata complessiva di 24 mesi e si realizzerà mediante risorse umane interne all’Arpacal.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa