Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Amaroni, successo per il Memorial "Vittorio Caccamo"

memorial vittorio caccamoAMARONI - Si è svolto nei giorni scorsi ad Amaroni il II° Memorial “Vittorio Caccamo”, evento sportivo organizzato dagli amici fraterni di Vittorio, già amministratore comunale e impegnato nel sociale, che hanno dato vita ad un apposito comitato, con il supporto dell’amministrazione comunale di Amaroni, del GAL Serre Calabresi, dell’associazione di Protezione Civile “Angeli Blu” di Amaroni, del Comitato provinciale Uisp di Catanzaro, dell’associazione Motoclub Sudueruote e la collaborazione delle realtà economiche e produttive locali.
Prima dell’inizio del torneo di calcio tutti i componenti del comitato organizzatore si sono ritrovati a centrocampo insieme alle squadre dell’Athletic Falcons e SC Juniores: Enrico Bova, ha ricordato la figura di Vittorio Caccamo e il suo esempio di vita; anche il sindaco Gino Ruggiero e il parroco don Antonio Scicchitano hanno voluto portare il loro contributo ricordando la figura di Vittorio. Successivamente, mentre i piccoli calciatori lasciavano volare i palloncini nel cielo, i componenti del comitato si sono recati al vicino cimitero per rendere omaggio a Vittorio, soffermandosi in un clima di grande commozione.
Oltre alle numerose squadre del comprensorio, hanno preso parte all’iniziativa due compagini sportive che meritano una menzione per sportività e fair play: la squadra di mister Rondinelli, di Settingiano-Martelletto, e la squadra femminile delle WSK di Catanzaro, guidate da mister Polito. Il comitato ha ringraziato i componenti della squadra del Bar Golden, vincitori del torneo.
Il torneo ha registrato numeri da record: 32 le squadre partecipanti, suddivise in quattro categorie: Boys/Girls, Juniores, Amatori e Big; 83 le partite disputate.
Di seguito l’elenco dei premiati:
- categoria BIG: 1° classificata, BAR GOLDEN; 2° classificata, COMMERICANTOS UNIDOS, miglior calciatore SESTITO Salvatore, premiati dal consigliere regionale Arturo BOVA;
- categoria AMATORI: 1° classificata, AMATORI SANTA BARBARA AMARONI; 2° classificata, I SARCHIAPPONI; miglior calciatore SANTOCCHINI Luca, premiati dall’assessore comunale Giuseppe Laugelli;
- categoria BOYS/GIRLS: 1° classificata, FC SCROTONE; 2° classificata, EDICOLA SMILE; miglior calciatore OLIVADOTI Francesco, premiati dal vicesindaco Teresa Lagrotteria;
- categoria JUNIORES: 1° classificata, ATHLETIC FALCONS; 2° classificata, SC JUNIORES, miglior calciatore BRUNO Salvatore, premiati dal consigliere comunale Antonio Scamarcia;
- premio SIMPATIA: al 1° tifoso del torneo, LANZELLOTTI Tommaso, premiato da Gregorio Chillà;
- premio MIGLIOR CALCIATRICE: BOVA Chiara, premiata dal direttore amministrativo del GAL Serre Calabresi, Gregorio Muzzì;
- premio FAIR PLAY: squadra femminile WSK di Catanzaro, premiata da Giovanni Fiore (trofeo offerto dal Comitato provinciale Uisp Catanzaro);
- premio SPECIALE: CACCAMO Vittorio jr., premiato dal consigliere comunale Francesco Muzzì (trofeo offerto da Raffaele Chillà per conto del Centro Culturale Italiano KUSSNACHT AM RIGI).
Altri riconoscimenti: una targa è stata consegnata dal consigliere comunale Patrizia Ruggiero alla Società Asd Athetic Falcons, per l’impegno profuso nella promozione e nella diffusione della pratica sportiva, dell’etica e del fair play; e un’altra targa è stata consegnata da Enrico Bova all’assessore Giuseppe Laugelli per l’autentico esempio di impegno civile; il responsabile del Settore Giovanile della Società Sportiva Atletico Maida, Antonio Gigliotti, ha consegnato una targa agli organizzatori del torneo quale riconoscimento della bontà dell’iniziativa. Dopo le premiazioni, il titolare del ristorante San Luca di Amaroni, Franco Olivadoti, memore del legame di amicizia e professionale con Vittorio, ha offerto per tutti i partecipanti un piatto di penne al ragù.

Carmela Commodaro

Guardavalle, occultava la droga nel bagno: arrestato un 19enne

Materiale sequestrato 2Prosegue l’attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope condotta dalla Compagnia di Soverato: in questa circostanza, l’area oggetto di approfondimento è stata la zona sud del comprensorio e, in particolare, i territori dei Comuni di Guardavalle, S. Caterina dello Jonio e Badolato.
In questo contesto, nella decorsa nottata, i Carabinieri della Stazione di Guardavalle, hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di B.M., 19enne del posto, incensurato, nel corso della quale sono stati rinvenuti, abilmente occultati nel bagno e sotto il divano del soggiorno, 4 involucri in cellophane contenenti complessivi 120 grammi di marijuana e 60 di hashish; inoltre, unitamente alle predette sostanze, è stato sequestrato un bilancino digitale di precisione, nonché la pellicola utilizzata per il confezionamento delle dosi. Il giovane, pertanto, è stato tratto in arresto, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e ristretto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione.
Nel pomeriggio odierno, la 2^ Sezione Penale del Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto, applicando la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Nella mattinata odierna, invece, i Carabinieri della Stazione di Badolato, supportati dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Soverato, nel corso di analoga attività, hanno deferito in stato di libertà due giovani del posto, poiché trovati in possesso di 7 dosi di cocaina, un bilancino di precisione e 650 € ritenuti provento dell’attività delittuosa.
Le sostanze stupefacenti, sulla cui provenienza sono tuttora in corso accertamenti, previo campionamento, verranno inviate presso il L.A.S.S. (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) di Vibo Valentia, per le analisi qualitative di rito.

Nella memoria responsabilità e sicurezza sulla S.S.106

zagarise01Ha avuto luogo ieri, 21 giugno 2018 presso il Museo Marz a Zagarise (CZ), il convegno “Nella memoria....responsabilità e sicurezza” in memoria di Rosaria Mandile e di tutte le vittime della S.S.106 e della strada del piccolo centro presilano. Il convegno è stato organizzato dall’ Associazione Culturale “La Zagara Zagarise” e dall’ Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e la collaborazione fattiva della Parrocchia, del Centro Anziani nella persona del Vicepresidente Silvano Verrino, dell’ Avis, SSD Zagarise e di tutte le altre Associazioni. Significativi gli intervenuti dell’ Ing. Fabio Pugliese, presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, dell’ Ing. Marco Moladori, Capo Compartimentale di Anas FS Gruppo Ferrovie per la Calabria, del parroco di Zagarise Don Antonio Ranieri e del Vicario Generale del Vescovo don Gregorio Montillo. Ha moderato la Prof.ssa Guzzetti Adelina, della Zagara. Dopo un breve saluto del Sindaco di Zagarise Domenico Gallelli, la discussione ha visto gli interessanti interventi del sindaco di Sellia Marina e di Soveria Simeri e del vicesindaco di Botricello e degli assessori del comune di Sersale, che hanno trattato il tema della sicurezza e della responsabilità. In particolare il sindaco e di Sellia Marina e il vicesindaco di Botricello Puccio hanno sollevato l’ urgenza di rendere la strada, ormai nota come “strada della morte”, più sicura e più adeguata ad un traffico che non è più quello degli anni ’70. Nel suo intervento di relazione l’Ing. Moladori dell’Anas ha illustrato i prossimi investimenti importanti, mai visti prima, per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulla S.S.106 mentre il Presidente Pugliese ha invitato tutti ad una maggiore prudenza sulle strade ed al rispetto del codice della strada. Alla fine del convegno davvero molto partecipato, a cui hanno partecipato tutti i familiari delle vittime e anche Giusy Frangipane, mamma del piccolo Matteo Battaglia, è stata organizzata ”partita del cuore”, segno di speranza di vita , al termine della quale sono stati consegnati attestati di partecipazione.Subito dopo tutti i partecipanti si sono uniti in una fiaccolata che, in silenzio, dai campetti ha raggiunto la Chiesa Madre dove si è conclusa l’iniziativa con un commovente e significativo momento di Preghiera

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa