Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Il GAL “Terre Locridee” partecipa alla costituzione della rete delle Biodiversità antica voluta dal CREA a Roma

29 4 12 Crea incontroIl GAL “Terre Locridee” continua nella sua fase di crescita, lunedì 3 dicembre era l’unico GAL Calabrese a far parte della “Rete delle Biodiversità antica” costituita a Roma dal CREA (Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria), in un incontro presso lo stesso ente. In questo secondo incontro organizzato dal Crea è proseguita l’attività per la creazione di una “Rete delle Biodiversità antica” avviata nel primo incontro del 16 luglio. L’iniziativa è finalizzata a creare una rete tra i Gal Italiani impegnati in attività per la valorizzazione delle testimonianze botaniche antiche (3.500 a.C. e- 476 d.C.) e medievali (476 – 1492 d.C.) connesse con le evidenze storico-archeologiche caratteristiche nei territori rurali di riferimento.
Incontro importante per rafforzare, in funzione dello sviluppo del territorio, quel legame con la storia che molto ha da dare al territorio sia in termini di conoscenza e identità sia in termini turistici, produttivi e di sviluppo
L’incontro voluto dalla responsabile Crea dell’area Leader Raffaella Di Napoli, per tentare di far partire dei progetti pilota che servano alla creazione di reti e gruppi tra Gal, sia tematici che geografici, una ricchezza se si considera che in Italia ci sono circa 200 Gal. La conoscenza delle esperienze e delle buone pratiche può solo far crescere la stessa rete dei Gal e lo sviluppo dei territori. Rafforzando la connotazione culturale e identitaria di ogni zona rurale. I lavori sono proseguiti con la relazione dell’archeologo Andrea Zifferero dell’Univesità di Siena che ha illustrato il progetto ArcheoVino realizzato a Scansano in Toscana. In questo progetto è evidente come le colture storiche del vino e del olio siano legate alle zone archeologiche degli Etruschi e dei Romani e di come la traccia di quegli insediamenti e la biodiversità antica sia rintracciabile oggi anche grazie ad uno studio combinato tra storia e botanica. Si è continuato con l’esperienza del Gal Sulcis Iglesiente, e con la relazione del direttore Nicoletta, che ha spiegato il progetto “Biodiversità & Archeofood”, Salvatore Tosi (IBAM-CNR) Giancarlo Fasciella e Massimo Mammano (CREA - Centro di ricerca Difesa e certificazione) che hanno presentato il progetto Agri-Cultura. Ha chiuso le relazioni Antonella Trisorio (CREA - Centro di ricerca Politica Bio-economia) che ha presentato il Progetto Anagrafe Nazionale per la biodiversità di interesse agricolo e alimentare. Dopo una piacevole pausa pranzo dove si è potuto stabilire un contatto più familiare tra i partecipanti, si è passati alla fase del working group coordinato da Manuela Scornaienghi.
Il GAL “Terre Locridee” torna rafforzato da questa esperienza, sia per l’elevata qualità delle relazioni, sia per il potenziale che in questa materia possiede il nostro territorio. L’apertura di questa rete potrebbe favorire in futuro ricerche e studi sulle notevoli produzioni botaniche presenti in relazione con l’ampio patrimonio di beni culturali che la nostra storia ci ha lasciato.

Ex Lsu-Lpu, precari Preserre: bene Wanda Ferro, ora i 5 Stelle si diano una svegliata

manifesto precariIl coordinamento dei precari delle Preserre esprime “soddisfazione per l'approvazione dell'ordine del giorno alla Camera proposto da Fratelli d'Italia e Forza Italia, finalizzato allo stanziamento delle somme necessarie per proseguire i percorsi di stabilizzazione di 4.500 ex Lsu ed Lpu calabresi”. “Un risultato - prosegue la nota - frutto di una nostra interlocuzione continua, in particolare con la deputata Wanda Ferro, cui va riconosciuto il merito di essere stata una delle poche a spendersi con energia e determinazione per ascoltarci e difendere le nostre istanze, dopo l'ingiustificato taglio di fondi operato dal Governo”. Nel sottolineare “delusione per la totale inerzia dei parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle” i precari auspicano che “si diano una svegliata” e che “al Senato si lavori proficuamente per salvaguardare un diritto fondamentale, come quello al lavoro, in una terra difficile come la Calabria”. In ogni caso, conclude la nota, “siamo tutti pronti a manifestare a Roma giorno 12 dicembre per far sentire la nostra voce a livello nazionale e far capire la disperazione di 4.500 famiglie che rischiano la povertà”.

Catanzaro, manifestazione benefica "Diamo un calcio alla malattia'"

fotoevento16Catanzaro  - Ritorna la manifestazione benefica "Diamo un calcio alla malattia'". Un’iniziativa che, da anni, vede uniti per la solidarietà gli iscritti dell’Università Magna Graecia ed i cittadini di Catanzaro. Evento sportivo che si terrà il 16 dicembre 2018 al “Parco Gaslini” di Catanzaro, a partire dalle ore 15:00. Una manifestazione dal titolo emblematico: "Diamo un calcio alla malattia" con obiettivo quello di “calciare” via la sofferenza psicologica che spesso, anche in periodo natalizio, affligge i piccoli degenti ricoverati negli ospedali. L'evento consisterà in un torneo misto di calcio a 5 ed un torneo misto di Pallavolo. Ogni squadra sarà composta da 3 ragazzi e 2 ragazze. A ridosso dei campetti, prevista la presenza di banchetti informativi tra cui quelli di Emergency, di Libera e dell’ANPI. I fondi raccolti saranno interamente devoluti per comprare dei regali per i bambini che trascorreranno il Natale negli ospedali di Catanzaro.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa