Antonio Mauro
Menu

Antonio Mauro

Girifalco, terzo appuntamento della rassegna culturale

locandina 25 novembreGIRIFALCO - E' previsto per sabato 25 novembre alle ore 18 nella suggestiva cornice di Palazzo De Stefani - Ciriaco, il terzo appuntamento della rassegna culturale, promossa dall'Amministrazione Comunale su input dell’assessore alla Cultura Elisabetta Sestito, e denominata Letture d'Autunno. Dopo i saluti del sindaco Pietrantonio Crisfofaro e l'introduzione dell'assessore Elisabetta Sestito, lo scrittore Maurizio Alfano presenterà il suo libro "Il razzismo non è una favola". I lavori, moderati dal giornalista Marcello Barillà e allietati dalla voce di Francesca Lupis con Roberto Tavano al piano, proseguiranno con l'intervento della deputata Enza Bruno Bossio, componente della commissione d'inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche stranieri. Nel corso del dibattito alcuni piccoli alunni dell'Istituto Comprensivo di Girifalco leggeranno dei passi tratti dal libro. Sarà, inoltre, proiettata una video intervista di una donna immigrata vittima di violenza. Il 25 novembre ricorre, infatti, la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ricorrenza che l'amministrazione comunale vuole celebrare con una parentesi "speciale" all'interno del terzo appuntamento di Letture d'Autunno. Una scelta su cui l’assessore alla Cultura, Elisabetta Sestito, ha voluto porre l’accento: “Era doveroso da parte di un’amministrazione comunale che registra una forte presenza femminile dimostrare, ancora una volta, particolare sensibilità ad un tema così delicato qual è la violenza contro le donne. Lo abbiamo fatto legando due argomenti di estrema attualità: l’immigrazione e la violenza sulle donne. La presentazione del libro di Maurizio Alfano ci consentirà di trattare il tema del razzismo attraverso una chiave di lettura nuova e, sicuramente, molto incisiva. L’apporto che sono certa offrirà l’onorevole Enza Bruno Bossio, da sempre impegnata sul fronte dell’immigrazione, ci permetterà di approfondire il tema anche da altri punti di vista. La voce di Francesca Lupis, la musica di Roberto Tavano e l’autorevole presenza del giornalista Marcello Barillà faranno il resto”.

“L’Italia vinceva il contributo della regione Calabria” è il titolo dell’incontro-dibattito in programma il 25 novembre

image3“L’Italia vinceva – Il contributo della regione Calabria” è il titolo dell’incontro-dibattito in programma il 25 novembre p.v. alle ore 10 al Museo diocesano di Lamezia Terme. L’evento è promosso dall’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore del Pantheon e vuole commemorare la partecipazione dell’Italia ed in particolare il contributo dei calabresi alla Prima Guerra Mondiale.
Dopo il benvenuto da parte del Vescovo Luigi Cantafora, introdurrà i lavori Giacomo Mannino delegato per le province di Catanzaro e Vibo Valentia delle Guardie d’Onore al Pantheon, mentre l’Ispettore regionale Floro De Nardo assolverà le funzioni di moderatore; seguiranno le relazioni dell’Ispettore nazionale ai convegni della G. di O. Ciro Romano, docente del dipartimento studi umanistici all’Università “Federico II” di Napoli e dell’ateneo finlandese di Jyvaskyla; del Generale di Divisione in ausiliaria Pasquale Martinello, già comandante del Cme-Calabria e presidente dell’associazione “Calabria in armi”; dello storico locale Vincenzo Vilella.
L’evento sarà arricchito dall’esposizione di cimeli e documenti militari, in parte provenienti dalla collezione privata della Guardia Scelta Santo Amelio, e dall’esecuzione a cappella della Corale Nova Vox Aurea di Castrovillari. Inoltre, interverranno ai lavori alcuni studenti che hanno visitato i luoghi del conflitto.
L’iniziativa si inquadra nel programma ufficiale delle commemorazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

A Badolato l'impegno della comunità di terra madre

badolato terra madreE' partito il progetto borgo didattico a Badolato con la giornata presso l'agriturismo Zangarsa con la sinergia dell aopt riviera e borghi degli angeli, della comunità di terra madre borghi in Comunità, dell'associazione MAMA, della condotta slow food soverato versante jonico. Dopo l esperienza di venerdì 3 novembre con i bambini della scuola elementare e con il patrocinio del comune di Badolato (che aderisce ai borghi della salute ) domenica si è realizzata una giornata con tanti stimoli: la raccolta delle olive, la spremitura in frantoio , la conversazione con la dssa Romana Aloisi presidente dell'ADI sulla dieta mediterranea, la compilazione del questionario slow food sui comportamenti alimentari. La sosta a pranzo con i buoni piatti della tradizione di Badolato sono stati una nota trasgressiva in termini di calorie che ci si può consentire appunto solo la domenica. Interessante la conclusione con la visita al convento degli Angeli con la guida di Guerino Nistico che ha portato all' attenzione il patrimonio storico del convento seicentesco e la cura dell orto da parte dei ragazzi della comunità ospiti della struttura. Il nuovo appuntamento a Badolato sara' al ristorante "i pirari " per la cena slow Wine con una presentazione a sorpresa di un prodotto storico della tradizione Badolatese .

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa