Ex ospedale di Chiaravalle, il sindaco: la sanità, affondata dai miei predecessori
Menu

Ex ospedale di Chiaravalle, il sindaco: la sanità, affondata dai miei predecessori

donato1Gli errori “storici” della precedente amministrazione comunale e la “miopia faziosa” del circolo locale del Pd. Raccontando “fatti, atti e documenti” sull'iter di realizzazione della Casa della Salute, il sindaco di Chiaravalle Centrale, Mimmo Donato, stavolta ha puntato l'indice, soprattutto, sui suoi predecessori: Gregorio Tino e Pino Maida. Nella sala gremita di Palazzo Staglianò, accompagnato al tavolo dei relatori dalla sua maggioranza, Donato ha usato il calibro pesante. A Gregorio Tino ha imputato, principalmente, “un atteggiamento passivo” durante i suoi anni di governo della città. Atteggiamento che ha portato Tino a commettere “l'errore storico” di ritirare il ricorso contro la chiusura dell'ex ospedale “San Biagio”. “Adesso, con quel ricorso, altri ospedali calabresi stanno riaprendo. Noi, invece, ci siamo accontentati di essere amici di Scopelliti e di Mancuso” ha affermato il sindaco, citando l'ex presidente della Regione e l'ex manager dell'Asp di Catanzaro. Maida è finito nel mirino delle critiche per la sua “opposizione preconcetta” al progetto della Casa della Salute, così come sta nascendo ora. Contrarietà che si è concretizzata in un voto contrario del gruppo Pd in consiglio comunale “solo per fare dispetto all'attuale maggioranza”. “Ma forse Pino Maida non si è reso conto - ha attaccato Mimmo Donato - che questo progetto è condiviso con la Regione e, dunque, con un governatore che è espressione del suo stesso partito”. Nell'evidenziare le mille contraddizioni e i mille ostacoli della vicenda, il sindaco di Chiaravalle ha chiarito che “la realizzazione della Casa della Salute è l'ultima spiaggia”. Un investimento di oltre otto milioni di euro che porterà “frutti enormi e positivi per l'intero comprensorio”. Plauso e soddisfazione è stata espressa nei confronti di tutta la cittadinanza “che ha capito l'urgenza del problema e non si è tirata indietro quando è stato necessario fare la voce grossa e per difendere un diritto che ci stava per sfuggire di mano a causa di un burocrazia malata, contro la quale lo stesso Mario Oliverio si è schierato al nostro fianco”. “Adesso il progetto andrà avanti in tempi rapidissimi - ha argomentato Donato - perché c'è l'impegno diretto di tutte le più alte cariche politiche, insieme alla direzione dell'Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro. Tutti remiamo nella stessa direzione, con l'obiettivo di costruire questa nuova struttura seguendo un cronoprogramma preciso e dettagliato”. “Nei prossimi mesi - ha concluso - ovviamente non abbasseremo la guardia e saremo vigili e presenti per arrivare all'inaugurazione dell'opera”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa