Squillace, la giunta comunale cade sul bilancio
Menu

Squillace, la giunta comunale cade sul bilancio

consiglio comunale squillaceSQUILLACE – Da oggi il Comune di Squillace è senza sindaco e giunta. Stamane il sindaco Pasquale Muccari e la sua amministrazione sono stati sfiduciati nel corso del consiglio comunale convocato, in seduta ordinaria, per l’esame del bilancio di previsione 2018-2020: assestamento e salvaguardia equilibri di bilancio; la ratifica della delibera di giunta n. 95 del 18 luglio scorso; l’approvazione del Documento Unico di Programmazione 2019-2021; le integrazioni al piano triennale delle opere pubbliche 2018-2020 e dell’elenco annuale 2018; la richiesta di istituzionalizzazione dell’evento “Taranta e Dintorni”. Una seduta convocata dopo la diffida della Prefettura di Catanzaro all’approvazione della delibera consiliare sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio dell’esercizio finanziario 2018. Il termine è scaduto il 31 luglio, ma la Prefettura aveva concesso altri venti giorni per convocare il consiglio e approvare l’importante documento contabile, pena l’avvio della procedura per lo scioglimento del consiglio. Nella seduta odierna è arrivato il voto contrario di sette consiglieri, contro i sei rimasti fedeli a Muccari, dopo la defenestrazione, avvenuta nei giorni scorsi, dell’assessore Giusy Ciciarello e dopo il passaggio nelle file della minoranza dei consiglieri Enzo Lioi e Domenico Passafaro, negli anni passati. Dopo che l’ex gruppo di maggioranza ha abbandonata l’aula in seguito alla sfiducia sul primo punto, la riunione è proseguita sotto la presidenza del consigliere anziano Lioi, presenti i sette consiglieri dell’opposizione che hanno dichiarato immediatamente esecutiva la delibera sul bilancio; hanno votato contro sui tre punti successivi; e hanno favorevolmente licenziato l’istituzionalizzazione dell’evento “Taranta e dintorni”. A margine della riunione del consiglio comunale, Oldani Mesoraca, candidato a sindaco alle prossime elezioni, afferma che «bisogna dare atto al gruppo di minoranza ed all'ex assessore Ciciarello per la coerenza e la compattezza con cui, resistendo alle molteplici sollecitazioni, si sono presentati in aula per mettere fine a questa tragicommedia messa in scena dall'amministrazione comunale, esprimendo il voto contrario sulla proposta di assestamento del bilancio. Mi piace ricordare che uno dei primi atti assunti dal sindaco uscente, ad inizio del suo mandato, è stato quello di dichiarare il dissesto finanziario commissariando, di fatto, il consiglio comunale. Oggi, lo stesso consiglio, politicamente parlando, ha giustamente commissariato il sindaco. Ora sarà il signor Prefetto a nominare il commissario che guiderà il Comune fino a nuove elezioni. Sono certo che in quella occasione gli elettori sapranno fare le giuste valutazioni dando la propria fiducia ad un progetto concreto per il cambiamento e l'unità della nostra comunità».

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa