Quale futuro per Soverato
Menu

Quale futuro per Soverato

soveratomare2014SOVERATO - “ Il Sud Italia con le bellezze naturali che ha, potrebbe campare di solo turismo!!” “ Soverato e la Calabria dovrebbe vivere di turismo almeno da Maggio ad Ottobre”!!! Queste ed altre affermazioni concettualmente simili sono le frasi di gente comune del luogo o turisti che sentivo quando ero ragazzino e queste lo sono rimaste ora che ho superato la cinquantina; pensandoci poi non troppo, un luogo come la ns città non è adatto ad una crescita industriale, artigianale o di altri settori che non riguardino in primis il beneficio dell’indotto che si creerebbe con il turismo. L’occasione è ghiotta diciamolo subito a scanso di equivoci, rare sono le volte in cui in un lasso di tempo non proprio breve, un Sindaco ed in questo caso Ernesto Alecci, abbia così tanto seguito indubbiamente meritato ! Non si può negare che gli interventi e la mentalità profusa a tutta la popolazione siano stati un successo insieme al suo impegno costante. Soverato adagiata come una bella donna sensuale nelle pacifiche curve del Golfo di Squillace, ha potenzialità enormi per soddisfare “il pieno“ di turismo considerando poi che si discute di un territorio non grandissimo ove i posti letto possono essere, compresi appartamenti e b&b, un migliaio! Ma vediamo perché sia importante tutto ciò ed andrebbe stimolato l’impegno a concentrare le forze e le poche finanze in questa direzione: la domanda crea l’offerta e quindi non vi sono inizialmente importanti investimenti da fare in città ed oltretutto ahimè noto che ci si è dedicati solo all’offerta; avere turismo da Maggio ad Ottobre significa che indubbiamente tutte le attività non solo prettamente legate ad esso ne gioverebbero nessuna esclusa (il turista spende prima o poi in settori dove la gente del posto non ne ha invece necessità); il maggior afflusso di gente specie se straniera, “lancia” un passa-parola a volte più efficace ed immediato dei mezzi tecnologici moderni e ciò alla fine influenzerebbe la crescita anche del territorio circostante con benefici per tutti specie riguardanti nel medio lungo periodo le attività lavorative per giovani che finalmente potrebbero rimanere invece che emigrare; una maggior ricchezza procapite perché se è pur vero che Soverato risulta essere nel podio dei luoghi più ricchi della Calabria, ció però è da considerare un dato da analizzare in quanto non è veritiero che non vi siano pochi ricchi che “alzano“ la media del reddito pro-capite a fronte di gente che invece avrebbe grande bisogno di lavorare ed accrescere il proprio livello minimo di spesa. Naturalmente il turismo non nasce con la bacchetta magica! Vi sono dei passi da fare per far sì che la città diventi un luogo conosciuto ed ambito ovunque ed in primis una programmazione di interventi al di fuori della Regione e non mi riferisco alle classiche fiere che poco servono se prima non si è parte del “giro” dei luoghi preferiti; le problematiche sono tante e le conosciamo tutti: i costi per arrivare a Lamezia in aereo sono esorbitanti (ma non a Maggio, Giugno e Settembre), il tira e molla delle compagnie di bus che attuano senza una seria programmazione le navette aereoportuali le tratte a noi interessate, l’esubero dei prezzi specie in agosto degli appartamenti in affitto (ciò non succederebbe se fossero affittati 5-6 mesi l’anno), l’assenza di personale adeguato nelle strutture principali, etc. etc.! È persino ovvio che se io ho un lido e questo però è pieno 5 mesi l’anno, allora forse investirò, perché me lo posso permettere ,in un servizio più completo e professionale e qualche giovane potrà avere garantito un lavoro più cospicuo rispetto ai classici 20 gg attuali di pienone.... La politica in questo avrebbe poco a che fare perché le iniziative per sbloccare questo stallo sono decisioni che possono partire dall’amministrazione comunale con pochi euro ma anche da un gruppetto di privati che hanno a cuore le sorti della ns. città. Un sindaco di un luogo come il nostro non deve avere avversari politici se è onesto nel suo lavoro; in un Comune non si prendono decisioni di macro economia e riguardanti in generale tutta la nazione, si devono invece risolvere le cose da migliorare sotto casa ed esse sono comuni a tutti indipendentemente se governa la destra, la sinistra o il centro; se la rete fognaria non funziona o la raccolta differenziata va fatta in una certa maniera per migliorare le condizioni di tutti, non c’è colore per lavorarci su. Proprio per questo ultimo concetto esprimo il consiglio di scegliere questa già esistente giunta comunale capitanata da Ernesto Alecci, per invogliarli, stimolarli a far indossare questo bellissimo vestito che stanno cucendo giorno per giorno a qualcuno che non siano sempre e solo i miei cari concittadini ma di poterlo fare apprezzare in un breve tempo anche a tanta gente che venga da lontano, altrimenti rimarremo una bella nave ormeggiata in porto. Ma le navi non nascono per questo...

Paolo Martino

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa