Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Catanzaro, I°mostra concorso del presepe artigianale

I MOSTRA CONCORSO PRESEPE ARTIGIANALE CATANZARO E LA MIA CITTAIl presepe è un simbolo del Natale al quale si è molto legati, soprattutto al Sud. In tanti lo realizzano con le proprie mani, dando sfogo a fantasia e creatività. E proprio un’associazione, “Catanzaro è la mia città”, che ha fatto del recupero delle tradizioni, al fine dello sviluppo del capoluogo, la sua mission, ha organizzato un’iniziativa molto speciale. Domenica 17 dicembre, alle ore 17, nel foyer del Cinema Teatro Comunale verrà inaugurata la prima mostra-presepe artigianale. Tantissime le adesioni raccolte in pochissimi giorni e ben 28 le realizzazioni che potranno essere ammirate sino al 7 gennaio, giorno in cui si scopriranno i vincitori scelti tramite voto popolare. E’ un’iniziativa – afferma il presidente dell’associazione, Francesco Vallone - che abbiamo fortemente voluto perché coniuga la passione popolare dei catanzaresi e la tradizione natalizia. Il presepe, ancor più dell’albero di Natale, risulta essere un simbolo della fede cattolica e, in questi giorni di festa, trasmette sensazioni di pace e di serenità. La suggestiva esposizione potrà essere visitata nel foyer del Comunale tutti i giorni, dalle ore 17 alle ore 20.

I medici meridionali eccellenze pure

camiciRiceviamo e Pubblichiamo la nota di Teresa Libri Socio cofondatore RISVEGLIO IDEALE. Nel mentre la Calabria viene sempre di più trascurata o letteralmente ignorata ad esempio nel settore Sanità, dai vertici del Governo nazionale a causa di leggerezze e talvolta (ahimè) incompetenze degli amministratori regionali, ci tocca sentire affermazioni a dir poco “fuori dalla grazia di Dio” sui nostri medici.
Susanna Ceccardi, Sindaco leghista di un Comune pisano, ospite di Agorà il programma di Rai3 ha affermato che è giusto che i medici calabresi vengano retribuiti di meno rispetto ai colleghi dell’Emilia Romagna, questo perché – a suo dire – meno bravi. Ed è andata avanti con una serie di discorsi così insulsi contro i professionisti della nostra terra che hanno fatto insorgere anche gli altri ospiti della trasmissione.
Ecco, se si “attacca” la Sanità calabrese come sistema complessivo tanto di cappello alle critiche di ognuno, ma non consento che vengano denigrati i medici calabresi e ovviamente, di tutto il Sud Italia. Sono delle eccellenze pure. Non v’è nosocomio, pubblico e privato, del Nord Italia ed anche del resto d’Europa e del mondo che non si avvale della collaborazione dei professionisti del Sud. E sfido il suddetto Sindaco a provare che in tutti i reparti ospedalieri non ci sia un camice bianco con quarti di sangue meridionale!
E naturalmente non mi riferisco alla più o meno recente “fuga dei cervelli” che da anni siamo costretti a subire, parlo di vere e proprie menti eccelse anche attempate che affrontano interventi chirurgici di estrema importanza, a specialisti d’ogni disciplina che ci invidia il mondo e che vorremmo nuovamente veder esercitare nella nostra terra.

Volley Soverato: a Trento arriva una sconfitta da archiviare subito

Delta Informatica Trentino 3
Volley Soverato 1

Parziali set: 23/25; 25/19; 25/20; 25/21

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Carraro, Michieletto ne, Fondriest 12, Moro ne, Fucka ne, Kiosi 21, Zardo (L), Moncada 3, Dekany 13, Antonucci ne, Fiesoli 15, Moretto 12. Coach: Nicola Negro

VOLLEY SOVERATO: Bacciottini , Millesimo ne, Formenti ne, Bertone 5, Donà (K) 6, Gray 21, Frigo 8, Pizzasegola 2, Valli 1, Caforio (L), Taborelli 4, Mc Mahon 18. Coach: Leonardo Barbieri

ARBITRI: Serafin Denis – Laghi Marco

DURATA SET:

MURI: Trentino 9, Soverato 6

trentino volley soveratoSconfitta nel turno infrasettimanale per il Volley Soverato che al “Sanbapolis” di Trento viene superato per tre a uno dalla Delta Informatica Trentino. E’ stata una partita che ha visto le ioniche di Barbieri vincere il primo set e giocare a tratti bene i successivi tre parziali; alcuni errori e la determinazione delle locali sono costati caro alle biancorosse che adesso devono voltare pagina. Passiamo la match. Sestetto tipo per coach Negro che recupera il libero Zardo assente a Marsala per influenza, con Moncada e Kiosi a formare la diagonale, al centro la coppia Fondriest e Moretto mentre schiacciatrici Dekany e Fiesoli; risponde coach Barbieri per Soverato con Pizzasegola in regia e la statunitense Mc Mahon opposto, al centro Frigo e Serene Bertone, in banda capitan Donà e la canadese Gray con libero Caforio. Sin dalle prime battute di gara si capisce che sarà una bella partita tra due squadre forti. Equilibri nei primi scambi con il punteggio in parità fino al 8-8 poi è Soverato ad avere un mini break 5-8 ma Trento pareggia i conti. Le due squadre giocano punto a punto 12-12 e 15-15; sul 17-17 sono ancora le ospiti a provare l’allungo 17-19 e coach Negro chiama time out. Al rientro in campo le padrone di casa raggiungono nuovamente le avversarie sul 20-20; nuovo scatto di Gray e compagne adesso a due punti dal set, 21-23 con nuovo time out per le locali. Ancora parità 23-23 e coach Barbieri chiama tempo; prima palla set dell’incontro per Soverato che chiude subito 23/25. Come il primo anche il secondo set inizia all’insegna dell’equilibrio, con le squadre appaiate sul 5-5 ma sono le locali ad allungare 8-6 con time out Soverato. Più tre al rientro, 9-6 ma Soverato si riavvicina subito con Gray, 9-8 e pareggia il conto sempre con la canadese. Mini break delle ragazze di coach Barbieri che passano avanti 9-10 costringendo la Delta Informatica al time out. Squadre di nuovo in parità 12-12 e nuovo tentativo di allungo di Mc Mahon e compagne sul 12-14 prontamente, però, ripreso da Trentino. Ora sono le ragazze di coach Negro a provare a scappare, 16-14 e arriva il time out chiesto dalle ioniche. Più quattro adesso per Trento 18-14 con Soverato che dimezza il ritardo, 18-16; qualche errore adesso per le biancorosse e la Delta spinge ritrovando nuovamente un buon margine di punti, 21-17 e riuscendo a conquistare il set con il punteggio di 25/19. La parità nel computo set porta coraggio alle padrone di casa che nel terzo parziale nella prima parte provano subito l’allungo sul 11-7 con Soverato che però reagisce e si riavvicina a Kiosi e compagne, 12-11. La Delta Informatica spinge adesso e allunga nuovamente di tre punti, 17-14 con le due squadre in ogni caso vicine nel punteggio, 19-17. Le ragazze di coach Negro conducono 21-19 e 22-20. Sono le fasi decisive di questo importante terzo parziale; murata Mc Mahon ed è time out Soverato sul 23-20. Al rientro arrivano subito quattro palle set per la Delta, 24-20, che chiude subito il set 25/20. La squadra del presidente Matozzo inizia meglio il quarto set e si porta avanti 2-5 ma Trento rientra subito sul 4-5; nuovo allungo biancorosso e Donà con un ace porta a quattro i punti di vantaggio con time out chiesto da coach Negro sul 7-11. Squadre di nuovo vicine, 12-13, ed arriva il controsorpasso 14-13 con time out Soverato. Le calabresi raggiungono la parità con Mc Mahon sul 15-15, ma le gialloblù di riportano avanti, 18-15 e coach Barbieri ricorre al time out. La Delta conduce adesso 22-17 con Soverato che si riporta meno due, 22-20 e coach Negro chiama time out. Non riesce a colmare il gap la squadra di Barbieri e Trento chiude 25/21 vincendo una partita importante. Per le calabresi una sconfitta che bisogna subito archiviare e pensare al prossimo match casalingo contro Battistelli San Marignano.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa