Francesco Gioffrè
Menu

Francesco Gioffrè

Un Catanzaro spumeggiante passa al secondo turno di Coppa, 5-2 al “Ceravolo” sulla Cavese

CATANZARO - CAVESE 5-2

CATANZARO: Elezaj, Nicoletti, Pambianchi (62’ Figliomeni), Riggio (66’ Favalli), Celiento (62’ Signorini), Maita (75’ Eklu), Iuliano, Statella, Ciccone (63’ Repossi), Giannone, D’Ursi. In panchina Golubovic, Posocco, Nikolopoulos. All. Auteri

CAVESE: De Brasi, Palomeque, Inzoudine (55’ Bettini), Mincione (75’ Favasuli), Silvestri, Manetta, Rosafio (77’ Logoluso), Nunziante, Flores Heatley (75’ De Rosa), Tumbarello, Fella (55’ Agate) In panchina Vono, Marino, Licata, Buda, Zmimer, Di Fazio. All. Modica

ARBITRO: Pirrotta di Barcellona P.G. (Fraggetta di Catania e Lalomia di Agrigento)

MARCATORI: 13’ e 39’ Ciccone, 23’ e 73’ D’Ursi, 47’ e 72’ F. Heatley, 57’ Celiento

NOTE : spettatori tremila circa. Al 42’ Elezaj para rigore a Fella. Ammonito Elezaj. Recupero 0’ pt., 3’ st

cz cavese coppaCATANZARO - Tutti volevano un bel Catanzaro e tutti sono stati accontentati. I tifosi giallorossi sorridono così grazie al sonoro 5-2 della squadra di mister Auteri ottenuto nel terzo ed ultimo turno del girone I della Coppa Italia di C che la premia col passaggio al turno successivo della competizione. Successo figlio di una partita molto ben giocata dalle Aquile, autrici di una prestazione bellissima, a tratti spettacolare, che ha divertito i circa tremila presenti sugli spalti dello stadio “Nicola Ceravolo”. La mano del nuovo tecnico, famoso per il suo gioco spregiudicato, si è vista subito, molto convincente la prova della batteria d’attacco, dove Ciccone ha fatto la parte del leone assieme ai colleghi di reparto D’Ursi e Giannone. Ottimo biglietto da visita dunque, in vista del campionato che dovrebbe iniziare a breve, condizionale d’obbligo alla luce dell’incertezza più totale legata a possibili ripescaggi.
LA PARTITA - Ritmi veloci in avvio di match, speculari tridenti per le due formazioni con Auteri che sceglie Ciccone, D’Ursi e Giannone per i locali mentre la Cavese di mister Modica si affida a Nunziante, Tumbarello ed all'italo-inglese Flores Heatley. Sotto il caldo sole del “Ceravolo”, che ospita un migliaio circa di presenti tra calabresi e campani, i giocatori in campo si pressano a vicenda, ed è la spinta dei giocatori di casa che produce subito effetti; al 13’ infatti clamorosa disattenzione cavese, Ciccone così si imbuca dal centrocampo lanciatissimo da solo verso la porta avversaria e deposita in rete, da posizione defilata, dopo aver dribblato il portiere De Brasi. Il vantaggio catanzarese può aumentare subito dopo, stavolta però il numero 1 bianco blu si salva in corner dalla conclusione volante di Giannone. Le Aquile insistono e trovano il raddoppio al 23’, azione in fotocopia del primo gol con il lancio dalla tre quarti a smarcare le ali, così ancora Ciccone arpiona la palla e, dalla destra, serve in mezzo l’assist per D’Ursi che sigla il 2-0. Tutto facile dunque per Maita e soci, bravi a sfruttare al meglio l'errata disposizione difensiva della Cavese che, spesso e volentieri, sbaglia il fuorigioco permettendo i micidiali contropiede giallorossi. Ed è così che nasce anche il terzo gol, firmato nuovamente da Ciccone a sei giri di orologio dal riposo, piatto alla destra di De Brasi su lancio al bacio di Giannone. Cavese sotto shock che non riesce a riportarsi in gara nemmeno su rigore, perché al 42’ Fella si lascia ipnotizzare da Elezaj dagli undici metri dopo l’uscita fallosa dello stesso estremo difensore di casa su F. Heatley, così il Catanzaro chiude sul 3-0 il primo tempo tra gli applausi convinti del pubblico. La ripresa si apre però nel segno della compagine campana che, lanciata in attacco, accorcia le distanze con il tocco ‘panciuto’ di F. Heatley sul secondo palo a raccogliere la palla tesa scagliata da destra dai piedi di Rosafio. L’illusione ospite però dura appena dieci minuti, al 57’ infatti arriva il poker giallorosso con Celiento che segna di testa su calcio d’angolo. La sfida è ormai decisa e dopo la girandola di cambi arrivane altre due reti che arricchiscono il già pieno tabellino, Cavese in rete nuovamente con Heatley nel finale, subito replicato dalla ‘manita’ giallorossa di D’Ursi.

Francesco Gioffrè

Il Club Quadrifoglio Soverato ingaggia l’esterno Marco Bruni

bruniSOVERATO – Nuovo arrivo in casa Club Quadrifoglio Soverato. La società biancorossa sta allestendo la squadra che dovrà disputare il prossimo torneo di C2 di Calcio a Cinque calabrese e si sta rinforzando a dovere. L’ultimo nome nuovo è quello dell’esterno Marco Bruni, classe 1988 e che vanta un passato importante grazie alla sua presenza nella Futura Energia Soverato due stagioni orsono, quando alzò al cielo assieme ai suoi compagni la Coppa Italia.

Francesco Gioffrè

Nuova installazione presso la Villa Comunale di Soverato

soverato1SOVERATO – Ieri la città si è svegliata con una bella sorpresa. Nei pressi della Villa Comunale, rimessa a nuovo due anno fa, è infatti “apparsa” una bellissima scultura in cemento armato, otto lettere a comporre la scritta “Soverato”. L’opera è stata mostrata, in anteprima, via social dal sindaco Ernesto Alecci, in posa per foto e selfie di rito assieme ai suoi collaboratori, ma già in tanti, tra cittadini e turisti, si sono recati quest’oggi sul posto per ammirare da vicino questo nuovo monumento che arricchisce ulteriormente la città e che, sicuramente, sarà meta di “suvaratani” e non per scattarvi una foto ricordo nei prossimi giorni. E perché no, anche nelle ore diurne, considerato il fascino serale della Villa Comunale illuminata così come lo sarà anche la composizione “Soverato”, visto che per ogni singolo carattere saranno installati anche dei fari. soveratoAttraverso il profilo Facebook, Alecci ha così commentato ringraziando anche chi l’ha realizzata:
“L’Idea di realizzare la scritta “Soverato” in formato gigante è il miglior modo di veicolare in tutto il Mondo il nome della nostra Città nell’era dei social e dei selfie. Si tratta, con ogni probabilità, dell’installazione più grande d’Italia del nome di una Città. Dopo vari sopralluoghi abbiamo deciso di installare la scritta, all’interno della nuova e frequentatissima villa comunale, in modo tale che in ogni selfie e foto compaia come sfondo il nostro bellissimo mare. Se il francobollo, presentato pochi giorni fa, ci permetterà di essere presenti sui tradizionali mezzi di comunicazione, con quest’opera innovativa il nome di SOVERATO sarà al centro di migliaia di “cartoline digitali. Un ringraziamento particolare a Giorgio Paparo (BigMat IDEA) per aver messo a disposizione maestranze e mezzi per realizzare l’opera.Tutto ciò non si sarebbe potuto realizzare senza l’impegno, la professionalità e soprattutto la passione del maestro Pino Procopio (di Soverato) che ha ideato e creato l’opera”.

Francesco Gioffrè

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa