La formidabile coppia Gaia De Laurentis e Ugo Dighero conquista il pubblico del Teatro del Grillo
Menu

La formidabile coppia Gaia De Laurentis e Ugo Dighero conquista il pubblico del Teatro del Grillo

grillo serata finaleA quarant’anni per alcune donne la vita incomincia. Non è così per Sophie ne’ “L’inquilina del piano di sopra”lo spettacolo che ha chiuso in grande la rassegna teatrale 2017/2018 al Teatro del Grillo, diretto da Claudio Rombolà, a Soverato. Testo di Pierre Chesnot, regia di Stefano Artissunch, con Gaia De Laurentis Ugo Dighero e Laura Graziosi, una commedia brillante, divertente ma al contempo ricca di spunti di riflessione che ha incantato il pubblico in sala meritando i tanti, fragorosi e prolungati applausi. E dunque i quarant’anni per alcuni sono un momento di svolta, per altri di gioia, per altri ancora di prosecuzione di una vita tranquilla ma per Sophie (Gaia De Laurentis) segnano il momento drammatico del bilancio di una vita che le consegna un’inaccettabile solitudine sentimentale. Non resta che farla finita. O almeno provarci inghiottendo una scatola di farmaci. Sempre che l’inquilino del piano di sotto Bertrand (Ugo Dighero) glielo lasci fare. Un incontro scontro continuo, uno scambiarsi di battute tra gli attori protagonisti ha animato e occupato la scena sin da subito con un alternarsi dell’occupazione degli spazi, ora in casa di Sophie al piano superiore ora nell’appartamento di Bertrand, professore di storia delle civiltà orientali all’Università a Parigi. È il 13 agosto del 1991 e a Parigi non c’è anima viva se non i due inquilini del palazzo che solo un casuale allagamento per la rottura della vasca da bagno fa conoscere. Il caso tramuta l’intento suicida di Sophie nel piano congegnato al telefono con l’amica Suzanne di rendere felice il primo uomo celibe incontrato. La propria felicità dipende dalla felicità altrui è il messaggio che trapela dietro tanta ironia. Ma sarà proprio così? Sophie e Bertrand negli scontri caratteriali, nell’approccio tra la sregolatezza di lei e la voglia di programmare tutto di lui, tra l’estro e la vivacità di lei e la tendenza a catalogare e ordinare tutto di lui, tra la cucina ispirata ai vari posti del mondo di lei e i gusti tipicamente locali di lui non sembrano proprio riuscire a rendersi felici l’un l’altro. Dal riso al pianto, dalla lucidità all’ebbrezza di una volontaria ubriacatura il pericolo del suicidio di Sophie diventa preoccupazione per Betrand che se la vede cadere in casa sul suo balcone e suo malgrado la salva, salvandosi. Una salvezza reciproca che nasce dall’accettazione delle proprie diversità e dalla volontà di unire e superare due pesanti solitudini. Sophie ha avuto tante storie ricche di nulla, Bertrand nessuna e si è trincerato dietro i suoi libri per sfuggire al genere umano soprattutto femminile ma il destino li vince, travolgendo e stravolgendo i loro piani e trasformando l’incontro in vita di coppia. Se poco tempo prima a Bertrand sembra inimmaginabile vivere in due sotto lo stesso tetto presto tutto cambia e la casa dovrà prepararsi ad accogliere uno, due...tre bambini, i figli che Sophie aspetta. Formidabile la coppia De Laurentis- Dighero e bravissima Laura Graziosi nei panni di Suzanne, l’amica che dall’altro capo del telefono dà saggi consigli su come affrontare la solitudine. Saprà poi applicarli su se stessa quando la vita le presenterà il conto al compimento dei suoi quarant’anni? Tra le risate e gli scroscianti applausi di quest’ultima scena la commedia si chiude con un messaggio importante: è facile trovare soluzioni ai problemi degli altri il difficile è affrontare i propri.


Daniela Rabia

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa