Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Truffe: finti disabili assunti da azienda, sequestro beni 2,5 mln

Guardia di finanzaLe fiamme gialle del gruppo della guardia di finanza di Lamezia Terme, al termine di un’articolata attività d’indagine coordinata dalla di procura della Repubblica di Lamezia in materia di tutela della spesa pubblica nei confronti di imprese destinatarie di incentivi sia di origine comunitaria che nazionale, hanno portato alla luce l’esistenza di un insidioso sistema truffaldino, posto in essere da una importante societa’ operante nel settore dei servizi di “call center”, avente diverse sedi operative dislocate soprattutto sul territorio calabrese. In particolare, le indagini hanno riguardato un’impresa risultata beneficiaria, nell’ambito del P.O.R. Calabria, di pubbliche sovvenzioni per complessivi € 2.953.280,56. Tali erogazioni, comunitarie e nazionali, sarebbero dovute servire all’assunzione e successiva retribuzione di complessivi 207 lavoratori disabili e/o comunque classificati come "svantaggiati" e, come tali, facenti parte di categorie “protette”. All’esito delle investigazioni, i finanzieri hanno accertato responsabilità penali nei confronti dell’amministratore e dei dirigenti della società, nonché di alcuni funzionari regionali calabresi preposti al monitoraggio ed al controllo della corretta erogazione del cospicuo incentivo pubblico. Più nel dettaglio, le investigazioni hanno evidenziato, tra l’altro, una serie di insidiosi e dolosi artifici documentali e contabili - molto ben camuffati - tramite i quali i soggetti con responsabilità apicale della società erano riusciti - in estrema sintesi - con la complicità di funzionari pubblici, ad attestare falsamente le condizioni di 2 "svantaggio" e di disabilità dei lavoratori assunti, indispensabili per l'ottenimento degli incentivi, nonché a far sembrare, sempre soprattutto attraverso falsi documentali, ben 163 lavoratori come "neoassunti", mentre in realtà erano già da tempo alle dipendenze della stessa impresa e, molti di essi, non appartenenti a nessuna categoria “svantaggiata”. Tali plurime condotte fraudolente - corroborate dal comportamento dei funzionari regionali, i quali hanno attestato, contrariamente al vero, di aver eseguito i previsti controlli e che all'esito degli stessi non erano emerse irregolarità - hanno permesso all’impresa di ottenere indebitamente due delle tre rate dell’importo di incentivo assegnato, per un totale complessivo di euro 2.589.113,72 illecitamente ottenuto. L’incasso della terza rata, che avrebbe incrementato l’importo percepito indebitamente, è stato impedito dall’intervento di questa procura e dei finanzieri. All’esito delle indagini, i militari hanno proceduto alla denuncia a questa procura della repubblica di nr. 8 persone fisiche (fra i quali quattro funzionari regionali calabresi), per i reati di truffa aggravata finalizzata al conseguimento indebito di ingenti erogazioni pubbliche, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, e nr. 1 persona giuridica (ovvero la società beneficiaria dell’incentivo) per i profili di responsabilità previsti dal d.lgs. 231/2001. In data odierna, le fiamme gialle lametine, su delega di questa procura, stanno quindi dando esecuzione al decreto di sequestro preventivo per equivalente, emesso dal g.i.p. del tribunale di Lamezia terme su richiesta di questo ufficio giudiziario, per l’intero importo indebitamente percepito, cautelando i beni nella disponibilità sia dalla società attenzionata, che dai diretti responsabili coinvolti appieno nelle descritte fattispecie truffaldine, compiute in danno di lavoratori “svantaggiati”, nel contesto del già precario “mercato del lavoro” locale. Ciò, in modo da avviare il tempestivo recupero degli importi indebitamente sottratti dalle casse dell’unione europea e dello stato italiano e, quindi, utilizzarli per le finalità previste.

Stalettì, nominata la nuova giunta comunale

municipio stalettìSTALETTI’ – In attesa della prima seduta consiliare prevista per sabato 23 giugno, per l’insediamento ufficiale del sindaco e del nuovo consiglio comunale, il primo cittadino di Stalettì, Alfonso Mercurio, eletto lo scorso 10 giugno, ha emesso il suo primo decreto, nominando la nuova giunta municipale. Saranno due gli assessori che comporranno, con il sindaco, il nuovo esecutivo. Si tratta di Rosario Mirarchi, che sarà il vicesindaco e avrà anche le deleghe al turismo, politiche di pianificazione turistica e attività produttive; e di Maurizio Torchia, assessore allo sport e spettacolo. Durante la seduta di insediamento, Mercurio, dopo il giuramento, illustrerà la relazione programmatica e assegnerà le altre deleghe ai consiglieri di maggioranza della lista “Liberamente”, «nel segno – come preannunciato - della partecipazione e della condivisione».

Carmela Commodaro

Soveria Mannelli, la Gestione associata della Funzione di Protezione Civile nei Comuni

locandina soveria protezione“La Gestione associata della Funzione di Protezione Civile nei Comuni: Quali passi compiere ed il ruolo delle Associazioni di Volontariato”. Soveria Mannelli - L’associazione Protezione Civile del Nucleo Emergenze Reventino Savuto (NERS) insieme al Comune di Soveria Mannelli hanno programmato un dibattito sul tema “La Gestione associata della Funzione di Protezione Civile nei Comuni” che incentra l’attenzione sull’aspetto operativo “Quali passi compiere ed il ruolo delle Associazioni di Volontariato”. L’incontro si tiene nella giornata di sabato 23 giugno 2018, con inizio alle ore 17:30, presso la struttura Casa delle Culture, in piazza Bonini a Soveria Mannelli. Il programma prevede il saluto del sindaco Leonardo Sirianni, e saranno presenti il dirigente della Protezione Civile Regionale, Carlo Tansi, insieme al responsabile dell’U.O.A. 5 volontariato, Michele Folino Gallo. Sono stati invitati a prendere parte all’incontro le autorità civili, militari e religiose del comprensorio insieme ai gruppi di volontariato, inoltre nel ruolo di moderatore interviene l’ing. Eugenio Gallo. A seguire è prevista la cerimonia per l’avvio operativo della sede del gruppo NERS dislocata in via Miguel Cervantes, nei pressi dell’area industriale di Soveria Mannelli. “Il Nucleo di Emergenza del Reventino Savuto è al servizio dei vari comuni dell’area montana” ha rilevato Leonardo Sirianni, sindaco di Soveria Mannelli “costituendo un riferimento in caso di necessità ma fondamentale rimane l’attività di prevenzione e formazione che viene espletata per aggiornare i volontari che poi intervengono direttamente per portare soccorso in modo adeguato. Come comune siamo coinvolti ed abbiamo concesso in comodato d’uso un blocco di una struttura in cui viene ospitata la sede che costituisce la base logistica del Nucleo di Emergenza del Reventino Savuto, adeguatamente attrezzata, dotata di un ampio spazio che può essere adibita ad eventuali esercitazioni e all’accoglienza di primo soccorso, inoltre è operativa una efficiente sala radio in grado di garantire i necessari e costanti collegamenti per le attività di comunicazione.” Il presidente del gruppo NERS, Tonino Vescio, nel ribadire l’importanza del servizio in caso di emergenza affidato a volontari preparati in grado di svolgere il compito di intervento in caso di necessità, tiene a precisare che si stanno completando la raccolta delle deliberazioni dei comuni, complessivamente dovrebbero essere 14 i comuni aderenti che ricadono nell’area territoriale del Reventino e del Savuto. In ogni caso, precisa il presidente Vescio, il NERS può contare sull’operatività di un gruppo formato da 59 volontari che hanno partecipato ai percorsi formativi attuati dalla Regione Calabria, prendendo parte ai corsi base e ai corsi di ricerca persone, acquisendo la necessaria preparazione e competenza.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa