Soverato Eventi
Menu

Soverato Eventi

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Realizzato il primo appuntamento delle "Passeggiate notturne"

Realizzato il primo appuntamento delle "Passeggiate notturne" - 3.0 su 5 basato su 2 voti

GASPERINA - Si è svolta sabato scorso, come previsto, la prima "Passeggiata Notturna tra Montauro e Gasperina sul cammino dei Cavalieri Templari". Nonostante il clima piuttosto rigido e persino qualche goccia di pioggia caduta poco prima dell'inizio, oltre 40 persone hanno partecipato a questa originale iniziativa ideata dal prof. Giuseppe Pisano e sostenuta dal "Legend beach" di Soverato.
Dopo un breve giro per il borgo di Montauro alla scoperta dei simboli su vari portali che riconducono alle società segrete ed una piccola mostra fotografica (in piazza Zanardelli) che illustrava alcune particolarità sorprendenti presenti nella chiesa di San Pantaleone (del tutto somiglianti alla chiesa templare francese di Rennes le Chateau), il gruppo si è diretto a piedi verso il borgo di Gasperina, su una strada lunga circa due chilometri interamente con vista sul mare che collega i due paesi. Arrivati a Gasperina - dopo le soste previste lungo il percorso alla fontana "Vrantoni" e alla chiesetta di Sant'Anna - i partecipanti hanno potuto visitare tutte le chiese del centro storico aperte per l'occasione: la chiesa Madre di San Nicola e le filiali di Santa Caterina e San Giuseppe. Ad illustrare i vari arredi sacri presenti nelle tre chiese, il parroco don Carmine Fossella. Tra le pregevoli opere presenti nelle chiese gasperinesi descritte davanti agli occhi stupefatti dei visitatori: il bellissimo Altare maggiore e il particolarissimo Coro ligneo settecentesco della chiesa di San Nicola; la preziosa tela ottocentesca del Ceravolo della chiesa di Santa Caterina ; la statua della Madonna de La Salette (unica in ambito comprensoriale) e la pregevole statua lignea a mezzo busto di San Giuseppe nella chiesa omonima.
Infine - dopo un piccolo intrattenimento musicale a cura di Nino Carnovale e di Sorenzo presso l'anfiteatro - il folto gruppo si è diretto verso il Santuario di Maria SS.ma dei Termini dove ha potuto ammirare, tra l'altro, uno dei più bei panorami dell'intera costa ionica.
Le "Passeggiate Notturne" si ripeteranno a partire da sabato prossimo

Gabriella Albano ha presentato una proposta di legge regionale sulle tutela delle donne

Gabriella Albano ha presentato una proposta di legge regionale sulle tutela delle donne - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Gabriella Albano proposta legge donne 1Tutelare l'immagine delle donne, prevenire e combattere i casi di violenza nei loro confronti e fare rete per debellare dalla Calabria il grande male della discriminazione di genere. Sono questi, in estrema sintesi, gli obiettivi della proposta di legge regionale presentata questa mattina a Catanzaro dall'onorevole Gabriella Albano. Nella sala conferenze di Palazzo Alemanni, il consigliere regionale componente della commissione sanità ha illustrato la bozza del testo di legge preparato congiuntamente con la collega Tilde Minasi. Alla presenza degli ordini professionali, dei responsabili delle case d'accoglienza e dei centri antiviolenza, dei movimenti e delle associazioni impegnate nel campo della tutela dei diritti della donna, il consigliere ha dapprima snocciolato i dati relativi alla violenza di genere in Calabria per poi entrare nel merito della proposta. «E' giunto il momento che la nostra regione si doti di uno strumento normativo a difesa della donna» ha affermato la Albano, che ha ribadito come «la bozza di legge in via d'approvazione sia la reale continuazione su scala regionale delle indicazioni recepite dal nostro paese con la Convenzione di Istanbul».
«L'obiettivo della legge - ha aggiunto il consigliere - è quello di ampliare il campo normativo Gabriella Albano proposta legge donne 2descritto dalla legge regionale n.20 del 21 agosto 2007, dando maggiore respiro alle politiche di sostegno, avviando attività di prevenzione, implementando gli strumenti oggi presenti e costruendo un circuito virtuoso composto da soggetti istituzionali e sociali disposti a cooperare per cancellare l'infame piaga della violenza di genere». Basi fondamentali della nuova proposta sono la sensibilizzazione dell'opinione pubblica e la diffusione della cultura della legalità e del rispetto dei diritti nella relazione tra i sessi: «E' mia convinzione - ha affermato la Albano - che il problema della violenza di genere sia un problema prima di tutto culturale, da combattere senza remore anche sul campo dell'educazione. Proprio per questo, oltre che ridefinire le politiche di accoglienza e sostegno alle vittime, la bozze prevede anche la pianificazione e la calendarizzazione di incontri e campagne rivolte agli alunni delle varie fasce scolastiche per portare alla loro attenzione i dati di un problema sociale che non può più essere ignorato». Autentico cuore della legge che la Regione Calabria si appresta a varare è il concetto di rete, un concetto dal doppio significato come affermato dalla stessa Albano: "Fare Gabriella Albano proposta legge donne 3rete" è il modo migliore per superare le criticità e migliorarsi. E' per questo che con la collega Minasi abbiamo voluto costruire l'intero iter legislativo della proposta su questo concetto. Abbiamo voluto "fare rete" oggi incontrando ed ascoltando i soggetti sociali impegnati nella lotta alla violenza di genere, abbiamo voluto farlo per arricchire il testo di legge con le impressioni, i suggerimenti e le opinioni di chi quotidianamente vive questa problematica, ma vogliamo dar vita ad una rete anche per il domani, per migliorare e rendere più efficiente il soccorso e il sostegno alle vittime così come all'eventuale prole». Comuni, Province, Aziende Ospedaliere, Aziende Sanitarie, Uffici Scolastici, Forze dell'Ordine, Prefetture, Centri Antiviolenza, e non ultime associazioni e organizzazioni che hanno tra i propri fini istituzionali la lotta alla violenza di genere dovrebbero diventare i nodi della suddetta trama di assistenza e supporto, coordinata logisticamente dalla Regione e dal nascente Centro di raccolta e analisi degli indicatori di violenza di genere. Tante le proposte formulate dalla platea: «Abbiamo raccolto ed presteremo attenzione ad ogni contributo offerto con l'obiettivo di inserirlo nella bozza finale - ha concluso la Albano, evidentemente soddisfatta per la buona riuscita dell'iniziativa - L'allargamento dell'attività legislativa alle parti sociali e agli organi della comunità, oltre che essere principio fondamentale della politica democratica e partecipata, consentirà la costituzione di un testo realmente efficace».

Calciomercato: è fatta per Ridolfi al Catanzaro

Calciomercato: è fatta per Ridolfi al Catanzaro - 5.0 su 5 basato su 1 voto

giacomo ridolfiCATANZARO - Si fanno sempre più insistenti le voci della chiusura del'accordo tra l'Us Catanzaro del presidente Cosentino ed un giovane di belle speranze come Giacomo Ridolfi, classe '94 proveniente dalla Vis Pesaro. Ridolfi, solo qualche mese fa, era nel mirino della Roma. Centrocampista di classe avrebbe, secondo TuttoMercatoWeb, chiuso un accordo triennale con i giallorossi. Da pochi minuti è giunto il comunicato ufficiale dell'Us Catanzaro:

La società Catanzaro calcio 2011 comunica di essersi assicurata a titolo definitivo le prestazioni sportive del giovane centrocampista Giacomo Ridolfi, che si è legato al club giallorosso con un contratto triennale. Nativo di Pesaro, classe '94, nell'ultima stagione Ridolfi ha militato nelle fila della Vis Pesaro, società con la quale ha disputato il torneo di serie D, segnalandosi all'attenzione generale come uno dei migliori giovani della categoria.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa