I Fili di Arianna 4tet al Room 21 di Soverato
Menu

I Fili di Arianna 4tet al Room 21 di Soverato


FOTO CORRETTAEd eccoci giunti all’ultimo appuntamento di gennaio della rassegna musicale JAZZ TIME presso il Jazz Club Room 21 di Soverato.

Ospiti questa settimana, sempre giovedì ore 22:00, il gruppo I FILI DI ARIANNA 4TET, composto da Arianna Diano alla voce, Luciano Aloise alla chitarra, Giuseppe Gulino al basso e Gigi Giordano alla batteria.

Il repertorio comprende principalmente standard jazz, e brani pop riarrangiati in chiave jazz – bossa nova. Tra i pezzi della serata, Killing Me Softly nella versione di Roberta Flack, Every Breath You Take dei “The Police” rivisitata in chiave bossa nova, Noite e Luar di Patrizia Laquidara rivisitato in chiave jazz. Un repertorio vasto ed eterogeneo, che mantiene tuttavia il “filo” conduttore del jazz. 

Scopriamo qualcosa di più sugli artisti….

Arianna Diano. Nasce a Messina, ma vive da anni in Calabria, a Vibo. Da piccola ha preso lezioni di pianoforte. Ha studiato canto leggero col maestro compositore Dino Visalli. Nel triennio 2007-2010, ha frequentato l’Accademia di alto perfezionamento del Canto Jazz di Catania sotto la direzione artistica di Rosalba Bentivoglio, e nel 2011 l’Accademia di canto leggero MusiKè di Vibo Valentia. Ha completato la sua formazione con corsi di dizione e teatro. Ha partecipato a numerosi festival e premi nazionali. Da poco è uscito il suo singolo Dreaming, che è possibile trovare sulle piattaforme digitali, quali YouTube e Spotify. Attualmente è coinvolta - nel ruolo di cantante e compositrice dei testi e delle melodie di quest’ultimi - nel progetto di musica elettronica “King Side Project”, ideato dal batterista Massimo Russo.

Luciano Aloise. Originario di Catanzaro, vive a Squillace. Si è avvicinato alla sua passione fin da adolescente. Dopo un percorso di studi in chitarra classica, ha intrapreso - e continua tutt’ora - lo studio della chitarra jazz. Da sempre impegnato in tour che lo hanno visto suonare nelle piazze, nei teatri e nei club del sud Italia. Ha collaborato con artisti del calibro di Aida Cooper. Recentemente ha preso parte all’orchestra di Ernesto Schinella, cantante locale, vincitore della prima edizione del programma "Ti lascio una canzone" diretto da Antonella Clerici. Ha collaborato nella realizzazione di vari dischi, tra cui Hydra di Giandomenico e Danilo Citriniti, anche loro musicisti calabresi. Attualmente suona in diverse formazioni. A ciò affianco l’attività didattica, fino all’anno scorso esercitata presso l’Istituto Salesiano Sant’Antonio di Padova di Soverato

Giuseppe Gulino. Nasce a Catania, ma il lavoro lo porterà in Calabria, precisamente a sant’Andrea. Ha iniziato con lo studio della chitarra classica per poi passare al basso. Ha partecipato al Roccella Jazz Festival nell’ambito di un progetto di rivisitazione in chiave jazz di alcuni brani dei Beatles. Ha collaborato con tantissimi artisti e formazioni, tra cui: Franco Tozzi, fratello del più famoso Umberto; il gruppo pop “Blu Eco” di Roccella; orchestra e corale “Theotokos”; le cantanti, Scheol Dilu Miller, Teresa Gualtieri. Dal giugno 2013 ha iniziato una fattiva collaborazione con la sopracitata Arianna Diano, in specifici progetti quali “Almanova non solo jazz”, oltre che “I Fili di Arianna”. Coadiuva inoltre con il gruppo pop “Klessidra” di Catanzaro. Ancora, come chitarrista, fa parte del duo “Blu Strings”, insieme al cantante Francesco Marani; e accompagna musicalmente il coro “Fratelli in libertà” di Pizzo Stazione diretto da Nella Ceravolo.    

Gigi Giordano. Di origini napoletane, si trasferisce con l’intera famiglia a Roccella Ionica durante la sua infanzia. Ha suonato live più volte con l’Orchestra popolare Calabrese e i diversi ospiti di questa: con Michele Placido; nel 2009 con Piero Pelù, e nel 2011 con Simone Cristicchi (entrambi in occasione dell’evento Tarantella Power di Badolato); Ha partecipato a festival di musica etnica in tutta Italia, e recentemente al Roccella Jazz Festival. Ha collaborato con svariati artisti, come Mimmo Cavallaro, Danilo Amerio, Tony Esposito, Joe Amoruso. Ha coadiuvato con diversi gruppi nella realizzazione dei loro dischi: con i Marasà per quanto riguarda Arsura; con Nour Eddine & Phaleg per Taragnawa (2003), prodotta dalla CNI. 

Per la gioia di chi ha sviluppato ormai una dipendenza, la rassegna JAZZ TIME proseguirà anche nel mese di febbraio con la programmazione di altri quattro eventi musicali di alto livello.

Stay Tuned!

Francesca Mancuso

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa