Avviato a Lamezia Terme il progetto Sport e Integrazione del CONI
Menu

Avviato a Lamezia Terme il progetto Sport e Integrazione del CONI

Sport e integrazioneSi chiamano Alagie, Amadou, Sulayman e Mamadu. Hanno tra i 16 e i 17 anni, sono arrivati alcuni mesi fa dopo aver attraversato il Mediterraneo su barconi e provengono dal Gambia e dalla Costa d’Avorio. Sono alcuni dei migranti, minori non accompagnati, protagonisti del progetto del Coni Point di Catanzaro denominato “Sport e integrazione”. L’iniziativa viene realizzata in collaborazione con il centro di accoglienza “Luna Rossa” che fa parte della comunità “Progetto Sud” di Lamezia Terme. Il primo sport che i ragazzi hanno iniziato a praticare è il pattinaggio a rotelle con la collaborazione della società “Pattinaggio Lamezia” che sta insegnando loro le basi di questa attività. In pochissimo tempo, grazie alla disponibilità del presidente Salvatore Raccuglia e alla professionalità della figlia Valeria, pluricampionessa nazionale, i giovani migranti hanno iniziato a pattinare coniugando il puro divertimento, che deriva dallo svolgimento dell’attività sportiva, con le finalità di inserimento sociale del progetto. Nelle due ore di allenamento, Alagie, Amadou, Sulayman e Mamadu hanno già appreso molto e familiarizzato con gli altri in un quadro di solidarietà e rispetto e in un clima scanzonato. Le lezioni di pattinaggio andranno avanti con cadenza settimanale nell’ambito dell’iniziativa del Comitato olimpico che presto coinvolgerà altre discipline. “Stiamo realizzando un progetto cui tenevamo particolarmente – commenta il delegato provinciale del Coni di Catanzaro, Giampaolo Latella – perché dimostra concretamente i grandi risultati che lo sport può contribuire a realizzare in campo sociale. La mission del Coni è la promozione della pratica sportiva. Ebbene, il coinvolgimento dei minori richiedenti asilo può essere un efficace strumento per abbattere le barriere della diffidenza, della paura e dell’incomunicabilità attraverso il linguaggio universale dello sport. Nel ringraziare la giunta regionale del Coni, presieduta da Maurizio Condipodero, per aver accolto e finanziato il nostro progetto, sento di rivolgere un pensiero di particolare gratitudine a don Giacomo Panizza e ai suoi collaboratori che hanno accettato immediatamente la nostra proposta, condividendone le finalità. Sull’integrazione dei migranti – conclude Latella – ciascuno di noi deve fare la propria parte e il Coni, nel suo piccolo, sente di poter fornire il proprio contributo”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa