Antonio Mauro
Menu

Antonio Mauro

Pentone, IV Edizione del Presepe Vivente nel borgo

pentone presepeAnche quest’anno l’Amministrazione comunale di Pentone in collaborazione con gruppi ed associazioni ha programmato una coinvolgente stagione natalizia. Un cartellone sempre più ricco di eventi e indirizzato a tutte le fasce di età. I festeggiamenti natalizi iniziano domani a S.Elia al Centro sociale “Falcone e Borsellino”, tra socialità e divertimento. L’appuntamento e’ per gli adulti ed i ragazzi, alle ore 18, col Pomeriggio del Liscio a cura dell’associazione di Catanzaro “Vamos a Bailar”, di Pina Boccuto.
Si prosegue venerdì, alle ore 21, a S.Elia in piazza, con la strepitosa Gabriella e le canzoni di Natale. Ci si immergerà sabato e domenica nella magia del Presepe Vivente di Pentone, allestito nel borgo storico, con botteghe artistiche ed artigiane, animate da figuranti. L’apertura al pubblico dalle ore 17 alle ore 20.
L’attesa manifestazione sarà quest’anno ancor più fruibile grazie alle corse che l’Azienda dei trasporti della Città di Catanzaro - AMC metterà a disposizione. Le partenze saranno da Catanzaro, da Piazza Matteotti, alle ore: 16.10, 17.20, 18.20, 19.20. Domenica, con partenza dalla stessa Piazza, ore 15.40 e 17.40. Il ritorno da Pentone, sabato e domenica, corse alle ore 20 e 20.30.
“Abbiamo intrapreso un percorso di collaborazione col Comune di Catanzaro in direzione di una maggiore sostenibilità ambientale – ha affermato l’assessore di Pentone al Turismo e Cultura, Giuditta Mattace – e proseguiremo a gennaio con la sigla dell’Accordo sulla Sostenibilità con il “Club per l’Unesco” di Catanzaro, deliberato la scorsa settimana. L’ulteriore potenziamento dei percorsi naturalistici, considerato che l’intero territorio e’ ricco di suggestivi scorci, contribuirebbe a fare conoscere le bellezze naturalistiche della Sila. In particolare Pentone offre piazzette e viuzze caratteristiche, che andrebbero maggiormente valorizzate, in direzione dell’ulteriore miglioramento del decoro urbano, sempre auspicabile. Con l’occasione del Presepe Vivente che vanta una tradizione nel territorio dagli anni ’80 – conclude la stessa Mattace – tentiamo di proporre una rivisitazione della sacra natività inserita nella parte storica del borgo di Pentone”.
L’atmosfera del Presepe Vivente a Pentone e le botteghe degli antichi mestieri saranno animate dal Mercatino di Natale in un contesto generale di artisti e figuranti ed i visitatori – finanche i celiaci – potranno degustare la tradizionale gastronomia pentonese e visitare la Mostra allestita in Chiesa.
A seguire sempre sabato prossimo, alle ore 20.30, al Centro sociale di S.Elia la Cena di Natale della Caritas, organizzata dalla stessa Caritas e dalla Parrocchia Santa Maria Assunta di S.Elia.
Giovedì 21 invece, nel Centro sociale di S.Elia, ci sarà il Concerto di Natale, a cura dell’associazione musicale “Giovani parole, Giovani suoni”, ed in collaborazione con la Parrocchia. Ospite d’onore il soprano catanzarese Fernanda Iiritano, accompagnata alla chitarra da Diego Smiraglio. Inizio ore 18.30.
Eccezionalmente, venerdì 22 e sabato 23, il Presepe Vivente di Pentone sarà allestito in una differente versione a Catanzaro, nel suggestivo Complesso del San Giovanni. Sotto la direzione artistica del pentonese Amerigo Marino e del Comune di Catanzaro parteciperanno anche quest’anno numerosi enti ed associazioni, tra cui: CORISS, Fondazione Onlus Città Solidale, le Proloco, le Parrocchie,l’AVIS, la Protezione Civile , l’ENS e l’UIC. La stagione peraltro si concluderà a gennaio prossimo; molti altri appuntamenti sono in programma da parte di associazioni ed enti del territorio. L’ingresso e’ gratuito.

Girifalco, "Giornate per la saggia ecologia"

SAGGIA ECOLOGIAGIRIFALCO – La cura del verde e la sostenibilità sono al centro delle “Giornate per la saggia ecologia” che il Comune di Girifalco, su iniziativa del presidente del Consiglio Comunale, Elisabetta Ferraina ed in sinergia con il consigliere con delega alla Pubblica Istruzione Concetta Piccione, ha voluto sostenere con un’iniziativa in programma per il 29 novembre, giorno in cui le giornate APE si concluderanno con un cerimonia di piantumazione di un albero di Noce quale simbolo della Saggia Ecologia. Ciascuno potrà piantare il proprio albero in qualsiasi parte del pianeta in contemporanea con la cerimonia conclusiva che si terrà alle ore 10:30 il 29 Novembre ad Assisi con la piantumazione presso l’Istituto Serafico nella città di Assisi simbolo universale della Pace. A Girifalco l’appuntamento, promosso insieme all’Istituto Comprensivo e a Legambiente, si svolgerà con la preziosa collaborazione degli studenti della scuola elementare. Saranno, infatti, loro i protagonisti – insieme ad autorità civili e religiose – a dare un bell’esempio di “saggia ecologia” piantando un albero di noce in prossima della loro scuola. Si tratta di un’iniziativa di particolare significato sia dal punto di vista ambientale che di diffusione di importanti principi finalizzati alla tutela e alla cura del nostro ambiente.

Il dott. Natale Saccà', medico e scrittore, e altri collaboratori della storica prima divisione di Medicina Generale dell’ospedale “Pugliese” di Catanzaro ricorda la figura del loro primario e maestro dott. Giuseppe Zimatore

prima divisione medicina ospedale puglise anni 80E’ stato uno dei padri nobili dell’ospedale “Pugliese”. Così Natale Saccà, medico e scrittore, e gli altri collaboratori della storica prima divisione di medicina generale dell'ospedale di Catanzaro, ricordano la figura del loro primario e maestro dottor Giuseppe Zimatore, scomparso nei giorni scorsi. Saccà e i colleghi ne ricordano la «capacità di anticipare i tempi, intuire nuove strade e nuovi modelli ospedalieri». «Negli anni Settanta e Ottanta – ricordano - Zimatore parlava di deospedalizzazione. Dopo venti anni si cominciò a parlare, in tutte le sedi ed in tutti i modi, di day hospital, day surgery; negli ultimi dieci anni sono stati introdotti nuovi acronimi e nuove parole: day service, Pac, Apa. Un modo elegante e moderno per deospedalizzare, cioè mettere in pratica quello che egli aveva intuito molti anni prima. Ha dedicato ad un’altra nuova idea, il “tempo pieno”, i migliori anni della sua brillante carriera. “Tempopienisti” erano allora definite quelle figure di medici, molto folli per quei tempi, che erano affascinati da quest’altra tua intuizione. Anche questa sua intuizione adesso è la regola negli ospedali italiani. Su queste basi ha fondato l’Amotep, associazione medici ospedalieri a tempo pieno». Saccà e gli altri collaboratori ricordano, inoltre, il nuovo modo di lavorare nell’ospedale immaginato da Zimatore, con l’introduzione delle «riunioni di reparto in cui, tutto il personale, compresi gli infermieri, discutevano periodicamente dei casi clinici più complessi. Ha allargato questo metodo fino a realizzare gli incontri tra i sanitari di vari reparti offrendo la possibilità di aprirsi al dialogo e al confronto. In questo contesto si inseriva la nascita della sua rivista “La cellula ospedaliera”, che accoglieva i contributi di tutti i dipendenti ospedalieri». Di Zimatore, inoltre, viene ricordata la sua «considerazione per le persone più deboli, per i diversi, i tossicodipendenti, gli alcolisti: adesso è quasi di moda parlare dei pazienti fragili, trent’anni fa per molti era solo una perdita di tempo». «Zimatore – concludono – ha dato tutto all’ospedale “Pugliese” e noi non finiremo mai di ringraziarlo».

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa