Ennesima sconfitta per il Catanzaro, la Fidelis Andria s'impone di misura
Menu

Ennesima sconfitta per il Catanzaro, la Fidelis Andria s'impone di misura

FIDELIS ANDRIA-CATANZARO 2-1

F. ANDRIA: Maurantonio, Celli, Abruzzese, Tiritiello, Di Cosmo, Piccinni, Quinto, Longo (77’ Turi), Esposito (36’ Matera), Croce (55’ Cappiello), Lattanzio (75’ Scaringella). In panchina Cilli, Colella, Scalera, Antonicelli, Lobosco, Liguori, Taurino, Camporeale. All. Papagni

CATANZARO: Nordi, Zanini, Gambaretti, Nicoletti (65’ Sabato), Riggio (49’ Di Nunzio), Marin (60’ Spighi), Maita, Onescu,Cunzi (46’ Letizia), Infantino, Falcone. In panchina Marcantognini, Cason, Sepe, Badjie, Van Ransbeeck, Corado, Puntoriere, Valotti. All. Pancaro

ARBITRO: Robilotta di Sala Consilina (Ass. Maccaddino di Pesaro e De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto)

MARCATORI: 25' Lattanzio, 29' Gambaretti, 55’ Quinto,

NOTE: Ammoniti Abruzzese, Infantino, Di Nunzio. Recupero 1’ pt, 5’ st

Us Catanzaro logoANDRIA - Prosegue la crisi del Catanzaro, battuto anche ad Andria e ora pericolosamente vicino alla zona play out. Il quarto k.o. di fila mette a serio rischio la tanto auspicata stagione di transizione. In Puglia la formazione locale vince di misura con una rete per tempo, la seconda delle quali la riporta avanti dopo il momentaneo pareggio giallorosso giunto poco dopo la prima rete subita. Il momento nero per le ‘Aquile’ quindi non accenna a placarsi, nemmeno il cambio di allenatore sembra dare effetti, a questo punto diventa veramente difficile fare delle previsioni su come finirà la stagione, di certo però è che andando di questo passo il Catanzaro finirà per far tremare di paura, per il terzo anno consecutivo, tutto il suo popolo che aspetta la reazione, arriverà nel turno infrasettimanale casalingo contro il Virtus Francavilla? Vedremo...
Tornando ad oggi, gara comunque equilibrata, primo tempo chiuso sull'uno pari. È la formazione locale a spingere maggiormente, già al 7' si registra la traversa, presa in pieno da pochi passi, da un destro potente scagliato da Croce. L'Andria insiste e prima della mezz’ora sblocca il punteggio, segna Lattanzio che è bravo a scardinare la difesa ospite ed a battere, con un piazzato sul palo destro, il portiere-capitano giallorosso Nordi. Catanzaro però che reagisce subito, grazie al tiro dalla bandierina procurato da Cunzi, titolare nel 4-3-3 di mister Pancaro; nell’area pugliese infatti nasce una mischia che viene risolta dalla ‘zampata’ vincente di Gambaretti che, al 29', rimette tutto in discussione. La ripresa prende il via nuovamente sotto il segno della Fidelis, al 55’ infatti punteggio variato per la terza volta con il nuovo vantaggio locale, è Quinto a far esultare il “Degli Ulivi” ribattendo in rete, di testa, una precedente respinta di Nordi ad un suo stesso primo tentativo. Costretto a rincorrere l’undici calabro, tuttavia, non fa molto per rimettere le cose apposto, non si registrano infatti concrete occasioni da goal pur cercandolo attraverso azioni votate all'attacco, come detto però sterili. Gli unici veri pericoli vengono creati da Infantino, il cui destro dal limite dell’area sfiora il palo, e dal ‘telefonato’ colpo di testa di Onescu parato agevolmente da Maurantonio. Nient’altro, i giallorossi ne perdono un’altra.

Francesco Gioffrè

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa