Il Catanzaro si ferma al palo (di Infantino), giallorossi battuti di misura dal Virtus Francavilla
Menu

Il Catanzaro si ferma al palo (di Infantino), giallorossi battuti di misura dal Virtus Francavilla

VIRTUS FRANCAVILLA - CATANZARO 1-0

VIRTUS FRANCAVILLA : Albertazzi, Prestia, Maccarrone, Agostinone, Albertini, Mastropietro (63’ Folorunsho), Biason (73’ Buono), Sicurella, Di Nicola (86’ Madonia), Ayina (63’ Valotti), Saraniti (86’ Gallù). In panchina Battaiola, Scarafile, De Toma, Gallù, Viola, Delvecchio, Monaco. All. D’Agostino

CATANZARO : Nordi, Riggio, Sirri, Gambaretti (86’ Anastasi), Nicoletti (78’ Imperiale), Benedetti (78’ Marin), Onescu, Zanini, Kanis (72’ Falcone), Letizia (86’ Puntoriere), Infantino. In panchina Marcantognini, Pellegrino, Di Nunzio, Lukanovic. All. Dionigi

ARBITRO : Pasciuta di Agrigento (Ass. Cantiani di Venosa e Pellino di Frattamaggiore)

MARCATORI : 7’ Maccarrone

NOTE : pomeriggio mite. Spettatori circa 1000 con rappresentanza ospite stimata in 84 unità. Ammoniti Sirri, Biason, Albertini, Letizia, Gallù. Angoli 3-1. Recupero 2’ pt, 5’ st

francavilla czBRINDISI - Tanta volontà, ma poca sostanza. Si può riassumere così la prova odierna del Catanzaro, uscito sconfitto da Brindisi nel match che non doveva perdere. È infatti il Virtus Francavilla a conquistare tre punti importanti per proseguire la sua corsa alla tranquilla salvezza, d'altra parte invece si registra la nuova caduta delle “Aquile” e l’ennesimo rinvio, per mister Dionigi, all'appuntamento con la sua prima vittoria da tecnico giallorosso. Prestazione non tanto bella per il Catanzaro, troppo poco concreto , ma anche sfortunato in alcuni frangenti, in una gara ‘strana’ decisa da un acuto del pugliese Maccarrone nei minuti iniziali sugli sviluppi di un corner. L’episodio ha permesso al Francavilla di controllare per tutta la restante parte di gara, il Catanzaro nei primi 45’ ha rischiato di sbandare tra nervosismo e raddoppio locale mancato, mentre nel secondo tempo poteva rimettersi in carreggiata se non fosse stato per lo sfortunato palo di Infantino e per il vano tentativo fatto da Dionigi di infoltire il reparto avanzato nel finale. La vittoria manca da un mese nella Città dei Tre Colli e la classifica dopo dodici giornate, che vede i giallorossi scendere verso il basso, si fa sempre più inquietante ed il turno infrasettimanale di martedì contro la vera sorpresa di questa Serie C, il Monopoli dell’ex Sarao, di certo nel non aiuta i tifosi a stare tranquilli...

La partita : annunciato 3-5-2 per i padroni di casa, volti nuovi rispetto alla vigilia sono quelli di Di Nicola sulla sinistra , Mastropietro al centro del campo e Ayina in attacco al fianco di Saraniti. Dionigi, d'altra parte, è ancora rimaneggiato, ma nel suo 3-4-3 ritrova il trio centrale Riggio-Sirri-Gambaretti e sceglie Nicoletti come esterno destro spostando Zanini a sinistra, in attacco rientrano Letizia e Infantino a cui fa compagnia Kanis e non Puntoriere. Avvio in salita per i giallorossi, al 7’ infatti il Francavilla, al primo affondo, è già avanti con Maccarrone, gol di testa su cross da calcio d’angolo di Agostinone. La replica calabrese arriva, dopo qualche timido tentativo, al 25’ su palla inattiva, gran bella punizione dal limite di Letizia che, per sua sfortuna, sfiora il palo. I biancocelesti di casa amministrano il vantaggio, ma approfittano talvolta commettendo falli o perdendo tempo quando invece è il Catanzaro a costringere l’arbitro ad interrompere il gioco, così gli animi si accendono. Ad accendersi però è anche la gara, da questo momento in poi spumeggiante e ricca di capovolgimenti di fronte: Virtus vicina al raddoppio alla mezz'ora con il destro da venti metri di Sicurella messo in corner da Nordi, e con una pericolosa discesa sulla sinistra di Di Nicola, cinque minuti più tardi, che fa attraversare tutta l'area al pallone non colpito a rete, però, da nessun giocatore pugliese. La manovra delle “Aquile” è lenta e prevedibile, sistematiche le palle perse ed il conseguente velocissimo contropiede dei locali, uno dei quali non concretizzato per un soffio da Ayin al 39’. Gli ospiti però hanno un sussulto subito dopo, la loro migliore occasione del primo tempo: Letizia dopo una rapida combinazione con Infantino dribbla da ottima posizione Agostinone e calcia sul secondo palo, sfiorandolo con Albertazzi fuori causa. È l'ultimo brivido di un primo tempo non così spettacolare, ma intenso e combattuto. Ripresa ‘tiepida’ visto che sono più i falli che le azioni pericolose di entrambe le squadre. È del Catanzaro il maggior possesso palla, il Francavilla però non rischia nulla e si difende bene. Bisogna attendere il 75’ per raccontare qualcosa. È l’occasionissima capitata sui piedi di Infantino, un potente tiro al volo da dentro l’area su cross da destra che si stampa sul palo, ma a far disperare l’ariete giallorosso è il seguito perché, a portiere battuto, spara la ribattuta del legno alta sopra la traversa . Girandole di cambi da ambo le parti, per Dionigi non producono effetti in quanto il superoffensivo Catanzaro cerca inutilmente di sfondare , mentre i pugliesi mantengono l’atteggiamento di chi è in possesso di un oggetto prezioso accontentandosi di quello senza rischiare di prenderne altri.

Francesco Gioffrè

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa