Volley Soverato
Menu

Volley Soverato

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Trasversale delle Serre, l'eterna incompiuta domani in diretta su Rai Tre

rai3La Trasversale delle Serre, eterna incompiuta, sarà l'argomento di una diretta televisiva di Rai Tre, domattina a partire dalle ore 7.30. In collegamento dal capolinea di Gagliato (Cz), i rappresentanti del Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” racconteranno la storia tormentatissima di questa infrastruttura. Un'opera “strategica” immaginata fin dal lontano 1960 come l'indispensabile cerniera di raccordo tra l'entroterra delle Serre e delle Preserre e le due coste, quella jonica e quella tirrenica. Ma di quel futuristico progetto, già costato oltre 500 milioni di euro, finora si è realizzato ben poco. E, nel frattempo, i territori interessati hanno subito una crisi economica drammatica, appesantita dallo spopolamento continuo e inarrestabile delle aree interne. La Trasversale è rimasta incompiuta ma tutto il sistema viario dell'entroterra è peggiorato pesantemente, condannando, di fatto, all'isolamento decine di paesi, borghi e frazioni. “Il tutto, nell'indifferenza generale della classe politica locale, buona solo a ricordarsi di questo progetto qualche mese prima delle elezioni” attacca il Comitato. Il sodalizio di cittadini, in questi giorni, dopo nove mesi di braccio di ferro, ha finalmente ottenuto dall'Anas l'accesso a tutta la documentazione relativa alla Trasversale delle Serre. Decenni di mappe, finanziamenti e progettazioni che gli attivisti intendono passare al setaccio per ricostruire nel dettaglio tutte le incongruenze dell'appalto. Proprio l'Anas viene indicata come la principale responsabile dei ritardi cronici di un'opera finita, recentemente, anche al centro di una durissima relazione dell'Autorità nazionale anticorruzione. Un appalto - ha scritto l'Anac - “caratterizzato da molteplici lacune di natura progettuale, di esecuzione e di gestione”. Fatti e circostanze che, oggi, inducono il Comitato a chiedere il commissariamento del compartimento Anas della Calabria.

Poliziotti della provincia di Catanzaro ricevuti da Papa Francesco, il plauso del COISP

coisp“Facciamo il nostro plauso ai colleghi catanzaresi che hanno incontrato Papa Francesco in occasione dell’udienza del scorso 20 novembre, nella sala Clementina del Vaticano.” Lo dice Rocco Morelli, Segretario Generale Regionale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia – a seguito dell’incontro che il Papa ha voluto, alla presenza del Capo della Polizia, con alcuni Dirigenti ed Operatori calabresi della Polizia Stradale e Ferroviaria, ai quali ha ricordato che professionalità e umanità devono contraddistinguere l’opera delle forze dell’ordine per la tutela della sicurezza. “Una sessantina circa i Poliziotti di tutta Italia – dice Morelli - delle specialità Polizia Ferroviaria e Stradale, ricevuti dal Santo Padre, che hanno compiuto atti volti al salvataggio di vite umane. Dimostrazione di professionalità e dedizione quotidiana per la comunità, nonostante si trovino ad operare con una carenza, più volte denunciata da noi sindacalisti, di mezzi e risorse. Congratulazioni a tutti i colleghi ed in particolare vivissimi auguri al collega Arcuri Francesco, appartenente al Posto Polfer di Lamezia Terme, per aver salvato la vita di un uomo che si stava gettando sotto un treno.” “Il nostro plauso non rientra nelle frasi di circostanza – continua il Segretario del Coisp calabrese - ma è un sentito riconoscimento nonché ringraziamento di vero cuore a tutti i colleghi che con enorme sacrificio riescono a fare emergere, ogni giorno, il nome della Polizia di Stato come l’Istituzione del fare a servizio dei cittadini e della vita democratica del Paese”.

“Il corpo delle donne: bellezza mercificata in una società senza anima”: convegno organizzato dalla FIDAPA Catanzaro

Il corpo delle donne FIDAPA INVITOUn’immagine troppo spesso vituperata dalle strumentalizzazioni mediatiche e da sciocchi luoghi comuni generati nel tempo: la FIDAPA Catanzaro intende soffermarsi a riflettere (anzi, sospingere a riflettere) su quanto la figura della donna sia stata mortificata, nella storia recente, attraverso messaggi equivoci, lanciati dai media e non solo. Ciò, purtroppo, ha inesorabilmente contribuito all’impoverimento morale della società, ancora subordinata a “logiche” arcaiche e liberticide.
Questa e molte altre le tematiche che verranno affrontate giovedì 23 novembre, nel convegno/dibattito denominato per l’occasione “Il corpo delle donne: bellezza mercificata in una società senza anima”, presso il “Loft – Salotto culturale” di via Settembrini 26, a Catanzaro.
Vi sarà quindi modo di creare confronto e aggregazione, trattando un argomento cardine dell’opera della Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, al fine di inserirsi nel tessuto socioculturale del territorio, per scuotere le coscienze affinché certe violazioni etiche non vengano mai più perpetrate.
I lavori avranno inizio alle ore 17.00, con la proiezione del video documentario “Il corpo delle donne” di Lorella Zanardo; seguiranno i saluti della Sezione Fidapa e le relazioni del dottor Andrea Bitonti, Specialista in Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica (medico estetico e chirurgo plastico con studio in Roma e Catanzaro) ed il professor Charlie Barnao, sociologo e ricercatore di Sociologia Generale presso la facoltà di Sociologia dell’Università Magna Graecia di Catanzaro. Ad introdurre e moderare l’ordine degli interventi, l’avvocato Costanza Santimone, Presidente FIDAPA Catanzaro.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa